Acebutolol è un beta-bloccante. È utilizzato principalmente per le malattie del cuore e dei vasi sanguigni. La regolazione della funzione cardiaca e l'abbassamento della pressione sanguigna sono considerati gli obiettivi primari dell'assunzione.

Che cos'è l'assobutololo?

La regolazione della funzione cardiaca e l'abbassamento della pressione sanguigna sono considerati gli obiettivi primari dell'assunzione di acebutololo.

L'assobutololo è prodotto chimicamente su base organica. Appartiene al gruppo dei beta-bloccanti. Unisce lo scopo di bloccare alcuni recettori nell'organismo umano e in tal modo influenzare la funzione del corpo.

L'assobutololo viene quindi utilizzato per bloccare i recettori beta-1 nel cuore. Ciò consente di modificare l'attività dei muscoli del cuore. Il farmaco è uno dei farmaci a media azione e ha sviluppato il suo effetto solo dopo poche ore o anche mezza giornata.

Rimane quindi nel corpo fino a 24 ore, normalizzando la funzione del cuore e dei vasi sanguigni. Viene quindi eliminato attraverso i reni. L'assobutololo può quindi essere considerato un avversario di un livello elevato di adrenalina. Il paziente dovrebbe sperimentare un miglioramento - di solito un rallentamento - dell'attività del cuore.

Azione farmacologica

Nella malattia coronarica, l'aritmia cardiaca e i cambiamenti della pressione sanguigna sono generalmente cause croniche. Il loro aspetto non è ancora stato completamente esplorato.

Tuttavia, oltre ai trigger ereditari dovrebbero essere considerati processi patologici più complessi nel corpo. Un'inibizione di ciascuno di questi fattori è regolarmente associata a uno sforzo sproporzionato e al rischio di fallimento. Pertanto, l'assobutololo viene utilizzato come beta-bloccante. Si dice che l'agente sia complesso con i recettori del cuore e dei vasi sanguigni.

In tal modo, il meccanismo funzionale delle pareti delle singole cellule viene influenzato. Su questa base, l'attività nel cuore e nel flusso sanguigno può essere normalizzata. La capacità di contrarsi nel muscolo cardiaco è ridotta. Lo stesso vale per la frequenza cardiaca e la portata del sangue. L'organismo subisce quindi un rallentamento generale e una stabilizzazione del suo lavoro. Un ritmo maggiore dovrebbe essere evitato.

Applicazione e uso medici

Acebutolol è usato clinicamente e in regime ambulatoriale per la suddetta malattia coronarica, aritmie cardiache e alterazioni anormali della pressione sanguigna. In alcuni casi, il farmaco viene anche somministrato nell'angina pectoris. È caratterizzato da una sensazione di oppressione e dolore al petto e al cuore.

Come misura precauzionale, l'assobutololo può essere utilizzato anche a piccole dosi per prevenire emicrania e mal di testa. Lo spettro di questo beta-bloccante va ben oltre il sollievo dei problemi cardiaci. Certo, ha un ruolo significativo nella terapia e nella prevenzione dell'infarto del miocardio. Molto raramente, anche la prescrizione viene fatta nella lotta contro le dipendenze. Ecco che l'Acebutololo abbassa il desiderio.

Sono disponibili studi clinici corrispondenti, ma l'applicazione è confermata solo in alcuni casi eccezionali. In generale, l'assunzione deve essere sempre accompagnata da un medico. L'assobutololo può rallentare le azioni del cuore attraverso le sue proprietà già menzionate, ma con esso un rischio per la salute. La prescrizione e il dosaggio devono quindi essere decisi caso per caso.

Rischi ed effetti collaterali

Fondamentalmente, l'assobutololo non deve essere usato nell'insufficienza renale. Poiché il rimedio viene scomposto dai reni, questo processo potrebbe essere inibito. Inoltre, si raccomanda una maggiore cautela in una debolezza fondamentale del cuore e nell'organismo.

Altrimenti, dall'assunzione possono derivare rischi significativi per la salute. Anche con malattie polmonari, non è raccomandata una prescrizione. Gli attacchi di asma potrebbero essere scatenati qui. Inoltre, i diabetici spesso sperimentano un calo dei livelli di zucchero nel sangue in un'area pericolosa.

Tuttavia, possono essere comuni anche affaticamento, maggiore irritabilità e tendenza al mal di stomaco. Raramente sono previsti diarrea e vomito. L'assobutololo è quindi generalmente ben tollerato. Se, in singoli casi, si verificano i suddetti sintomi, un cambiamento nel dosaggio o nelle abitudini di assunzione può di solito portare a un miglioramento. Tag: 

  • formazione scolastica 
  • droga 
  • Malattie 
  • neonati e bambini 
  • patogeno 
  • Top