Aceclofenac è ​​usato come parte di vari farmaci. Dovrebbe avere un effetto analgesico e antinfiammatorio. È quindi principalmente somministrato per malattie reumatiche e disturbi articolari. Tuttavia, un uso permanente non è raccomandato a causa degli effetti collaterali.

Che cos'è Aceclofenac?

Aceclofenac è ​​principalmente somministrato per disturbi reumatici e articolari.

Aceclofenac è ​​usato per la prevenzione e l'alleviamento di disturbi acuti. Questi influenzano regolarmente il sistema muscolo-scheletrico della persona interessata. Il dolore generale di muscoli, articolazioni e ossa può quindi essere risolto con il rimedio.

L'aceclofenac ha una somiglianza strutturale con altri farmaci che riducono la febbre e inibiscono il dolore e l'infiammazione. A volte è quindi usato per disturbi minori come vampate di calore, ipertensione o infezioni della gola - ma dovrebbe essere avvertito senza consiglio medico. A causa della sua insolubilità in acqua, può essere assunto solo sotto forma di compresse rivestite con film a diversi dosaggi.

Il farmaco è generalmente attribuito alla famiglia di farmaci antinfiammatori non steroidei. Come tale, l'aceclofenac attacca vari processi nel corpo e quindi ferma la produzione delle cosiddette prostaglandine. I preparati correlati ad Aceclofenac sono quindi utilizzati anche in odontoiatria o dermatologia. Tuttavia, l'uso è temporaneamente limitato.

Azione farmacologica

Il dolore e l'infiammazione nell'organismo sono associati all'aumento della produzione di prostaglandine. Queste sono proteine ​​e acidi che sono sempre più prodotti dagli organi. Sono la causa di malattie croniche come reumatismi, artrosi o aree del dolore non specificate.

L'aceclofenac come composto di acido acetico inibisce la produzione di queste prostaglandine. Tuttavia, il processo desiderato inizia con un ritardo. Dopo aver assunto le compresse, ci vogliono regolarmente tra un'ora e mezza o tre ore prima che il farmaco sia completamente nel flusso sanguigno e quindi possa svolgere il suo effetto. La scadenza è ritardata nel corso dell'assunzione generale di cibo. Anche un piccolo spuntino o un drink possono ritardare l'effetto di alcuni minuti.

Pertanto, Aceclofenac deve essere somministrato a stomaco vuoto. La preparazione viene quindi completamente degradata nel corpo. Anche con persone con malattie organiche l'escrezione può di solito avvenire senza residui. Un accumulo della sostanza nei reni o nel fegato viene eliminato.

Applicazione e uso medici

Aceclofenac è ​​utilizzato principalmente per dolore e infiammazione prolungati delle articolazioni e dei muscoli. Questi dovrebbero avere un carattere da lieve a medio forte e quindi non influenzare in modo significativo il benessere.

Le cause possono essere croniche. Malattie come reumatismi, artrosi o morbo di Bechterew sono quindi tra le principali cause della prescrizione. Raramente, viene considerata anche un'applicazione per la febbre e il dolore che hanno un riferimento organico concreto. Tuttavia, l'uso a lungo termine è controverso ogni volta che non si riscontra alcun miglioramento nei giorni di assunzione costante.

In questi casi, sarebbe consigliabile un'ulteriore analisi delle cause. Nel contesto dell'usura generale delle articolazioni, viene anche somministrato l'aceclofenac - almeno temporaneamente. Ma anche lì, il sollievo avviene nella migliore delle ipotesi entro un periodo di diverse settimane o mesi. Una cura permanente dei fattori scatenanti di dolore, infiammazione e febbre spesso non può essere raggiunta con il solo farmaco. In tali casi, sarebbero necessarie ulteriori forme di terapia.

Rischi ed effetti collaterali

A peggiorare le cose, entrano in gioco gli effetti collaterali a lungo termine di aceclofenac. Come membro della famiglia di farmaci antinfiammatori non steroidei, durante l'uso prolungato possono verificarsi ulcere nello stomaco. Inoltre, la ritenzione idrica nelle cellule del corpo aumenta sempre di più.

Inoltre, i reni non sono più adeguatamente riforniti di sangue. Pertanto, non possono svolgere la loro funzione in modo ottimale. Tuttavia, questi fenomeni si verificano solo in rare situazioni. E solo con un consumo permanente del rimedio. A breve termine, d'altra parte, potrebbero esserci problemi di stomaco, mal di testa, stanchezza o disagio generale.

A seconda del carico medico del paziente, in alcuni casi sono presenti anche valori epatici elevati nel sangue, pertanto Aceclofenac deve essere assunto senza eccezioni dopo aver consultato il medico diagnostico e curante. L'uso è limitato nel tempo. Tag: 

  • medico 
  • Malattie 
  • piante medicinali 
  • dentizione 
  • parassita 
  • Top