Gli Actinomyces sono batteri a forma di bastoncino dell'ordine degli Actinomycetales, che sono anche chiamati funghi del raggio a causa del loro aspetto caratteristico al microscopio. I batteri colonizzano preferibilmente i vertebrati e appaiono parassiti o commensali. Un'infezione porta a un'actinomicosi del cavo orale e in parte polmone o fegato.

Cosa sono gli Actinomyces?

Actinomyzetaceae formano una famiglia nell'ordine batterico Actinomycetales, che contiene cinque sottogeneri. Gli Actinomyces sono un genere di questa famiglia. Contengono la maggior parte delle specie all'interno delle Actinomyzetaceae. Tutte le Actinomycetaceae sono caratteristicamente costituite da cellule allungate e ramificate e hanno proprietà gram-positive.

Gli actinomyces hanno una forma leggermente inclinata a forma di asta dritta e quindi appartengono ai batteri del bacillo. Il diametro delle celle è compreso tra 0, 2 e 3, 0 micron. Sebbene la lunghezza possa variare, la maggior parte dei membri del genere sono piuttosto langfädig e raggiungono lunghezze superiori a 50 micron. In parte, formano anche micelia a piccoli rami. Per il movimento attivo, i batteri non sono in grado.

Esistono numerosi rappresentanti nel genere batterico Actinomyces. I patogeni umani sono, ad esempio, le specie Actinomyces israelii, naeslundii, viscosus e odontolyticus o Actinomyces meyeri e pyogenes. Oltre all'actinomicosi, le malattie ad essi associate comprendono, tra l'altro, infiammazioni purulente.

A causa del loro aspetto microscopico e dei loro rami filamentosi radiali, i batteri del genere Actinomyces talvolta ricordano i funghi. In questo contesto, è stato introdotto il nome generico descrittivo ray fungus.

Presenza, distribuzione e caratteristiche

Gli attinomiceti sono in gran parte anaerobici. Quindi non hai bisogno di ossigeno per il tuo metabolismo e la sopravvivenza. Mentre l'ossigeno è tossico per alcune forme di vita anaerobiche, Actinomyces no. Molte specie sono aerobiche facoltative e possono usare l'ossigeno per il metabolismo. Solo pochi Actinomyces hanno enzimi catalasi. Un'alta concentrazione di CO2 o HCO3 nel mezzo nutritivo consente alla maggior parte degli actinomiceti di crescere in condizioni aerobiche.

Quasi tutti gli actinomiceti si basano su un complesso apporto di nutrienti per crescere. Il loro percorso energetico corrisponde nella maggior parte dei casi a un metabolismo energetico fermentativo. I carboidrati sono usati in questo tipo di metabolismo energetico per acidi organici.

L'habitat preferito della maggior parte delle specie è equivalente ai vertebrati a sangue caldo popolati dai batteri come patogeni o commensali. Una commensale è una creatura vivente che vive di residui di cibo e prodotti di scarto di un organismo ospite e quindi non danneggia l'ospite. L'opposto è la classica colonizzazione parassitaria, che priva l'ospite di sostanze di cui lui stesso ha bisogno per sopravvivere. La colonizzazione parassitaria danneggia l'ospite di conseguenza e deve essere classificata come patogena. Tra le colonie patogene parassitarie associate ad Actinomyces c'è l'infezione con la specie Actinomyces israelii.

Per la crescita di Actinomyces è una temperatura ottimale tra 30 e 37 gradi Celsius. Per questo motivo, gli organismi viventi con una temperatura corporea costante in questo intervallo di temperatura offrono ai batteri il livello migliore. Soprattutto, i batteri del genere Actinomyces stanno decadendo per la riproduzione. Questo decadimento corrisponde a una segmentazione in celle brevi. Gli endospore non lavorano i batteri.

Gli actinomyces hanno una struttura di ife radicolari a causa della loro crescita di un punto e in passato sono stati scambiati per funghi a causa del loro aspetto prima di essere classificati come batteri. I batteri non vengono trasmessi esclusivamente per specie, ma sono trasferibili da una specie all'altra. Questa trasmissione si chiama zoonosi. Più specificamente, poiché i batteri colonizzano il tratto gastrointestinale e la cavità orale degli animali, la trasmissione all'uomo è una zooantroponosi. Nel corpo dell'ospite, alcune specie di Acitomyces possono effettuare la dispersione ematogena e quindi raggiungere i polmoni o il fegato attraverso il sangue. Tuttavia, questa distribuzione di batteri è una forma piuttosto rara.

Malattie e lamentele

Actinomyces può causare varie malattie. Nella maggior parte dei casi, i disturbi sono infezioni miste da batteri microaerofilici, anaerobi facoltativi o anaerobici che producono condizioni ambientali anaerobiche. Poiché i batteri anaerobici dipendono dagli ambienti anaerobici, creano di conseguenza l'ambiente richiesto. In questo contesto, nel contesto dell'actinomicosi, si sviluppano pustole, che nella maggior parte dei casi sono associate alla formazione di fistole. Gli ascessi rilasciano drusen giallo zolfo.

L'actinomicosi è una pseudomicosi principalmente associata ad ascessi nella cavità orale, nel polmone e nel tratto gastrointestinale. Nel contesto delle actinomkyosi, gli accumuli di pus tendono a diffondersi rapidamente nel tessuto circostante. Gli accumuli sono circondati da tessuto connettivo o tessuto di granulazione di consistenza ruvida. Oltre alla formazione di ascessi, gli actinomiceti possono anche causare carie o parodontite.

L'actinomicosi è differenziata in diverse forme. La forma cervico-facciale è la più rilevante ed è causata principalmente da Actinomyces israelelii. L'infezione si basa spesso su una lesione nella cavità orale, in modo che possa esserci un'infezione endogena. A distinguere questa forma è l'actinomicosi toracica, che può insorgere nel contesto dell'aspirazione della saliva da un'actinomicosi cervico-facciale. Nell'actinomicosi addominale, le lesioni dell'intestino o dell'area genitale femminile sono considerate come origine. L'actinomicosi cutanea si verifica dopo una lesione con trasmissione salivare. In rari casi, anche il fegato è colpito dall'infezione. Ancora più rara, ma possibile, è una colonizzazione dei dotti lacrimali. Tag: 

  • Malattie 
  • ingredienti attivi 
  • dispositivi medici 
  • cosmetici e benessere 
  • cuore e circolazione 
  • Top