Adalimumab è un farmaco che si lega al fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa), una sostanza messaggera del sistema immunitario. Con il nome commerciale Humira® Adalimumab è utilizzato nelle malattie reumatiche infiammatorie.

Che cos'è Adalimumab?

Con il nome commerciale Humira® Adalimumab è utilizzato nelle malattie reumatiche infiammatorie.

Adalimumab è un anticorpo monoclonale umano che si lega specificamente al TNF-alfa e appartiene al gruppo dei cosiddetti bloccanti del TNF. Legandosi a TNF-alfa, impedisce la funzione del messenger. Adalimumab appartiene ai cosiddetti biologici.

Questi includono farmaci prodotti con metodi biotecnologici. Adalimumab è prodotto in cellule CHO, una linea di cellule di ovaia di criceto cinese. Tuttavia, adalimumab, a differenza di altri anticorpi usati come farmaci, è costituito esclusivamente da componenti umani.

Azione farmacologica

Il TNF-alfa è coinvolto nel corpo come un messaggero del sistema immunitario nelle reazioni infiammatorie. Nelle malattie reumatiche infiammatorie, si trova nel liquido sinoviale in maggiore concentrazione ed è crucialmente coinvolto nello sviluppo di processi infiammatori.

Il blocco del TNF-alfa con adalimumab può ridurre l'infiammazione e altri sintomi in queste condizioni. Adalimumab si lega a TNF-alpha, in modo che ciò non possa svolgere la sua funzione di messenger. I parametri infiammatori come la proteina C-reattiva e l'interleuchina-6 stanno diminuendo. Allo stesso modo, i livelli di enzimi specifici coinvolti nella distruzione della cartilagine nelle malattie reumatiche infiammatorie stanno diminuendo.

Il dolore e il gonfiore migliorano. Adalimumab agisce rapidamente e inibisce la progressione della malattia. Tuttavia, poiché il TNF-alfa svolge un ruolo importante nel sistema immunitario del corpo, l'adalimumab inibisce anche i processi desiderabili del messaggero nel corpo umano. Pertanto, il sistema immunitario è indebolito, il che porta ad un aumentato rischio di infezione. Esiste la possibilità di una maggiore probabilità di tumorigenesi come la formazione di linfomi maligni. Adalimumab ha un'emivita di 14-19 giorni nel corpo. Ciò significa che solo metà del farmaco può essere rilevato nel sangue dopo questo periodo di tempo.

Applicazione e uso medici

Adalimumab può essere usato in pazienti con una varietà di malattie reumatiche infiammatorie in cui altre terapie non hanno avuto successo o non è possibile somministrare altre terapie. Questi includono l'artrite reumatoide attiva da moderata a grave, l'artrite psoriasica attiva e progressiva, la spondiloartrite assiale, la malattia di Crohn da moderata a grave e la colite ulcerosa, nonché la psoriasi nei pazienti adulti.

Per i bambini, adalimumab può essere usato nella malattia di Crohn attiva grave, nell'artrite idiopatica giovanile poliarticolare attiva e nell'artrite associata ad entesite attiva. In ogni caso, è richiesta la prescrizione di un medico e la supervisione medica durante il trattamento. Adalimumab è disponibile come soluzione iniettabile. Viene somministrato come siringa preriempita o penna preriempita. Per i bambini, è disponibile anche in una fiala.

Gli adulti di solito ricevono una dose di 40 mg di adalimumab ogni due settimane, che viene iniettato sotto la pelle. Dopo le istruzioni del medico, i pazienti possono farlo da soli. A seconda del quadro clinico, potrebbe essere necessaria una dose iniziale più elevata. Per i bambini fino a 4 anni, la dose massima è di 20 mg ogni due settimane ed è calcolata in base all'altezza e al peso. L'effetto di Adalimumab si manifesta molto rapidamente e talvolta già nel primo giorno.

La maggior parte dei pazienti sente sollievo dai sintomi dopo due o tre settimane. Tuttavia, l'effetto massimo del farmaco viene spesso raggiunto dopo due o tre mesi. Se il medico e il paziente decidono di assumere adalimumab, deve essere a lungo termine, altrimenti i sintomi peggioreranno nuovamente.

Rischi ed effetti collaterali

Gli effetti collaterali più comuni di Adalimumab sono infezioni respiratorie, bassi livelli di globuli bianchi o rossi, alti livelli ematici di grasso, mal di testa, dolore addominale, nausea e vomito, eruzione cutanea, dolori articolari e muscolari, reazioni come arrossamento nel sito di iniezione e livelli elevati di enzimi epatici.

Adalimumab non deve essere usato in pazienti con tubercolosi attiva, infezioni gravi o insufficienza cardiaca. Inoltre, alcune vaccinazioni non devono essere somministrate durante l'assunzione di adalimumab. Poiché adalimumab può riattivare la tubercolosi, il medico curante esamina i pazienti per segni e sintomi di tubercolosi prima di iniziare il trattamento. Tag: 

  • neonati e bambini 
  • salute e stile di vita 
  • parassita 
  • anatomia 
  • dentizione 
  • Top