Con l'adduzione, si fa riferimento ai movimenti di una parte del corpo, che sono diretti al centro del corpo (diffusione). L'adduzione esiste su 4 articolazioni del corpo umano: nell'articolazione dell'anca, nell'articolazione della spalla, nelle articolazioni della base delle dita e nell'articolazione della sella del pollice.

Che cos'è l'adduzione?

Fondamentalmente, l'adduzione descrive il movimento delle parti del corpo verso il corpo.

Il termine è definito in anatomia descrittiva usando il sistema degli assi piani. I movimenti vengono determinati a partire dalla cosiddetta posizione zero. Questo è definito per tutti i giunti dalla posizione in posizione verticale con bracci sospesi.

Fondamentalmente, l'adduzione descrive il movimento delle parti del corpo sul corpo, ad esempio l'applicazione di un braccio precedentemente diffuso.

Funzione e attività

Il movimento di adduzione è di importanza analitica per medici o fisioterapisti. Il fatto che il movimento sia definito dall'ampiezza può essere usato per verificare i disturbi del movimento e per documentare se esiste una limitazione della funzione. In questo modo vengono esaminati la forza e la flessibilità. I test vengono ripetuti a intervalli regolari per verificare se eventuali terapie mediche o di altro tipo sono migliorate o meno. A seconda del risultato, è necessario modificare l'ulteriore procedura.

I più noti sono gli adduttori della coscia, che tirano la gamba sopra l'articolazione dell'anca verso l'interno. Questi sono cinque muscoli, tutti provenienti dall'osso pubico, che tirano sull'articolazione dell'anca e si attaccano all'interno dell'osso della coscia o all'interno della tibia.

Oltre all'adduzione, questi muscoli sono anche coinvolti in altri movimenti. Soprattutto alla diffrazione e alla rotazione esterna. Questa combinazione dei tre tipi di movimento viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni e nello sport. Quando si cammina e si corre nella fase della gamba dell'oscillazione e, ad esempio, quando si gioca a calcio la palla con l'interno del piede.

Nell'articolazione della spalla, gli adduttori più forti sono il grande muscolo pettorale (muscolo maggiore pettorale) e l'ampio muscolo dorsale (muscolo latissimus dorsi). Come nell'articolazione dell'anca, combinano l'adduzione con altri movimenti per movimenti funzionali. Il pettorale tira il braccio da una posizione sollevata verso la parte anteriore verso il basso, un'attività che si verifica in molti movimenti di lancio e altre attività sportive. Per la pallavolo, ad esempio, quando si rompe, nella pallamano quando si lancia e si nuota soprattutto nella farfalla nella prima fase di movimento dopo l'immersione. Il latissimus tira il braccio piuttosto verso il basso, cosa che si verifica ad esempio nei pull-up e in tutti gli stili di nuoto.

Gli adduttori delle dita si trovano sul lato interno delle dita e tirano le dita 2, 4 e 5 nella direzione del dito medio con un movimento di adduzione puro. Questa funzione si verifica sempre quando prendiamo qualcosa.

L'adduzione del pollice è in realtà un movimento che non si verifica funzionalmente. Il muscolo esecutivo, il muscolo adduttore pollicis, è coinvolto in movimenti combinati che portano il pollice alle altre dita, ad esempio quando si afferra con la punta delle dita o l'intera mano.

Malattie e lamentele

La disfunzione più comune dell'adduzione è la lesione muscolare, molto spesso l'adduttore dell'anca. Le tensioni adduttive o le fibre muscolari strappate in quest'area sono molto comuni negli sport. Lo sforzo, il tendine del ginocchio o la rottura muscolare differiscono solo per la loro gravità. Di conseguenza, i sintomi che si verificano sono simili, ma di intensità variabile, per cui la fase di guarigione è diversa nel tempo. Queste lesioni sono sempre accompagnate da dolore e perdita di funzionalità. Il corpo passa alla protezione, al fine di non irritare maggiormente la lesione. Per le persone colpite, segue un periodo di riposo più o meno lungo nell'area interessata, seguito da terapia e da un lento accumulo di stress.

Come con altri muscoli, gli adduttori possono essere influenzati dall'irritazione attorno al tendine del tendine (endopatia da inserzione). Questo tipo di irritazione è una tipica sindrome da congestione e colpisce più comunemente due o più muscoli articolari; nell'articolazione dell'anca, il muscolo gracile, che si estende sull'articolazione del ginocchio e nell'articolazione della spalla ha già chiamato i due. Il risultato è il dolore nella tensione dei muscoli interessati e il loro allungamento. La terapia è simile ai ceppi, ma dovrebbe sempre essere cercata la causa del sovraccarico al fine di ridurre al minimo questi effetti. Inoltre, l'origine dell'Hüftadduktoren mostra spesso reazioni infiammatorie di questo tipo. A causa della localizzazione si parla in caso di infezione ossea pubica.

Come tutti gli altri movimenti, l'adduzione è anche influenzata dall'artrosi presente nell'articolazione associata. In questa malattia, si insinua in dolori articolari, perdita di forza e restrizioni di movimento. La riduzione di forza e flessibilità inizialmente riguarda maggiormente i movimenti che vengono eseguiti negli stress quotidiani contro la gravità. Pertanto, l'adduzione è interessata solo a uno stadio avanzato. Per le persone malate, questo ha conseguenze per camminare nell'articolazione dell'anca. Nell'articolazione della spalla, tutti i movimenti che vengono eseguiti con il peso in direzione del centro del corpo, come mangiare e bere, ne risentono.

Tag: 
  • trattamenti 
  • parassita 
  • processi corporei 
  • neonati e bambini 
  • medico 
  • Top