La coroide copre la maggior parte della pelle dell'occhio medio e si trova tra la retina e il derma. Il compito principale della pelle, che è ricca di piccoli e grandi vasi sanguigni, è di fornire all'occhio, in particolare alla retina, sangue e ossigeno. Le malattie tipiche della coroide sono infiammazioni di vario genere, lesioni meccaniche causate da incidenti o melanoma coroidale.

Cos'è la coroide?

La coroide porta il titolo medico Choroidea o Chorioidea. Insieme all'iride e al corpo ciliare (corpus ciliare), forma la pelle dell'occhio medio (tunica media bulbi o uvea), che ha la maggior parte di questa struttura.

La coroide si trova direttamente sul derma all'interno dell'occhio e ha una pigmentazione scura, marrone-nera. È lo strato intermedio tra il derma (Sclera) e la retina (Retina) e racchiude, tranne una piccola porzione nella parte anteriore dell'occhio, quasi tutto il corpo di vetro. La coroide ha il suo nome perché è attraversata da numerosi piccoli vasi che la rendono la struttura più ben profumata del corpo.

Anatomia e costruzione

La coroide dell'occhio è composta da quattro diversi strati nell'uomo: sul lato opposto si trova la lamina sopra-toracica, che consiste in tessuto connettivo pigmentato. Una struttura simile si trova nella lamina vasculosa, in cui il tessuto connettivo è attraversato dai più grandi vasi sanguigni arteriosi e venosi della coroide.

D'altra parte, una vasta rete di capillari molto sottili penetra nello strato più profondo della coroide, la lamina coroidocapillaris. Immediatamente adiacente allo strato pigmentato della retina si trova la lamina basale, detta anche lamina vitra o complexus basalis. Effettua un collegamento diretto con la retina attraverso la membrana di Bruch, che garantisce la fornitura della retina.

Questo è fondamentale per l'alimentazione di questa importante struttura dell'occhio. Oltre alla sua vasta gamma di vasi sanguigni di varie dimensioni, la coroide è costituita da fibrociti e collagene, che formano il tessuto connettivo della pelle, nonché melanociti, che formano la base per la pigmentazione.

Funzione e compiti

Il compito principale della coroide sta nella cura dell'occhio, con particolare attenzione alla retina. A causa della sua posizione all'interno dell'occhio, dipende da una fornitura continua e sufficiente di sangue e ossigeno. La coroide può farlo in modo ottimale, avendo una fitta rete di vasi sanguigni sempre più grandi. Questi portano il sangue arterioso arricchito di ossigeno alla retina e trasportano indietro il sangue venoso.

Attraverso il sangue, la retina riceve tutti i nutrienti necessari per una funzione ottimale. Poiché la retina è in uso quotidiano su base giornaliera, ha bisogno di un apporto costante di sostanze nutritive, motivo per cui la coroide fornitrice è per buona ragione l'area del corpo che è più fornita di sangue. La seconda importante funzione della coroide deriva dai suoi numerosi melanociti e dalla risultante forte pigmentazione: la protezione marrone-nero è efficacemente in grado di prevenire l'ingresso di luce diffusa nell'interno dell'occhio. Tra le altre cose, la luce diffusa ha l'effetto spiacevole che gli oggetti che sono in scarso contrasto tra loro sono scarsamente riconosciuti.

Ciò influisce in particolare sulla vista al crepuscolo e di notte, soprattutto quando viene aggiunto dal traffico in arrivo mentre si guida un ulteriore effetto abbagliante. Pertanto, la coroide pigmentata assume una funzione protettiva con effetto di vasta portata.

malattie

Una tipica malattia della parte posteriore dell'occhio, dove si trova la maggior parte della coroide, è l'infiammazione. Se la reazione infiammatoria riguarda solo la coroide, si chiama coroidite e allo stesso tempo sono colpite le vene e la retina, è la corioretinite.

Spesso, queste infiammazioni si sviluppano sulla base di un'altra malattia come la toxoplasmosi, ma è sempre una causa batterica da considerare. L'infiammazione della coroide e della retina può o non può causare alcun disagio. I disturbi della vista sono caratteristici, il che può portare alla completa cecità, vale a dire quando la retina non può più svolgere la sua funzione a causa di cambiamenti degenerativi. L'uveite è l'infiammazione dell'intera pelle dell'occhio medio, che può anche diffondersi alla retina e al corpo vitreo.

I possibili segni, che dipendono anche dalla rispettiva localizzazione dell'infiammazione nella zona dell'occhio anteriore o posteriore, includono una visione offuscata, un occhio acquoso, sensazione di corpo estraneo e fotosensibilità. Ancora una volta, le cause possono essere una malattia sistemica o l'ingresso di batteri. Nei bambini, la malattia è spesso associata a reumatismi. Oltre all'infiammazione, la coroide può anche essere colpita da un trauma e presentare, ad esempio, lividi.

Una malattia maligna che colpisce una persona ogni 100.000 persone all'anno è il melanoma coroidale che deriva dalla degenerazione dei melanociti della pelle. La malattia può essere rilevata mediante ecografia o angiografia a fluorescenza. È una malattia grave perché tende a formare metastasi e in questi casi è spesso fatale. Le opzioni terapeutiche comprendono non solo la chirurgia ma anche la terapia laser e - anche in combinazione - la radioterapia.

Tag: 
  • ingredienti attivi 
  • anatomia 
  • piante medicinali 
  • consulente 
  • sintomi 
  • Top