L'adiponectina, un ormone prodotto nell'uomo e negli animali nel tessuto adiposo, ha un effetto benefico sulla salute solo se è presente a livelli normali nel livello del sangue. Un livello ematico elevato può essere trovato soprattutto nelle persone con obesità e pazienti obesi. Hai un aumentato rischio di contrarre una malattia metabolica.

Che cos'è l'adiponectina?

L'adiponectina ha i generi GBP-28, AdipoQ e Acrp30 ed è una delle adipokine (ormoni del tessuto adiposo). Il corpo lo forma usando il gene APMI sul cromosoma 3q27. La produzione di adiponectina avviene sempre quando le cellule adipose sono solo leggermente riempite.

L'ormone tissutale composto da 247 aminoacidi ha una struttura simile al collagene ed è responsabile della regolazione del metabolismo degli zuccheri e dei lipidi. Alcune condizioni, come la disfunzione regolatoria cronica dell'insulina associata a livelli di insulina persistentemente elevati, causano la produzione di meno adiponectina nel tessuto adiposo.

La somministrazione di adiponectina può accelerare la scomposizione del tessuto adiposo, un metodo che potrebbe essere utile in futuro per il paziente non disposto. Nelle persone con livelli normali di adiponectina, la sua quota della proteina totale presente nel siero del sangue è solo dello 0, 01 percento. La concentrazione di adiponectina nel sangue è determinata con il metodo ELISA.

Funzione, effetto e compiti

L'adiponectina regola il metabolismo del glucosio insieme a leptina, insulina e altri ormoni. Cambia l'effetto dell'insulina sulle cellule adipose. Pertanto, è anche indicato come modulatore immunitario. Se il contenuto di adiponectina nel sangue è basso, anche l'effetto dell'insulina è indebolito.

Poiché le persone in sovrappeso e i pazienti insulino-resistenti hanno un basso livello di adiponectina, il loro rischio di contrarre il diabete di tipo 2 è significativamente più alto di quello delle persone di peso normale. L'adiponectina agisce sui recettori AdipoR1 e AdipoR2. AdipoR1 si trova nel muscolo scheletrico, adipoR2 nel tessuto epatico. Nelle persone con un normale livello di adiponectina nel siero del sangue, l'ormone aumenta la sensibilità all'insulina e contrasta la resistenza all'insulina. Viene sempre più rilasciato quando il livello di insulina aumenta a breve termine e promuove l'accumulo di grasso nelle cellule adipose.

Come antagonista degli ormoni che favoriscono l'infiammazione prodotti nel tessuto adiposo addominale, l'adiponectina ha un effetto antinfiammatorio (antinfiammatorio). Pertanto, le persone con un normale livello di adiponectina hanno anche un basso rischio di aterosclerosi. Nelle persone con obesità che soffrono inoltre di malattia coronarica, tuttavia, un livello troppo basso provoca un danno ancora maggiore al sistema vascolare. In esperimenti su animali è stato dimostrato che gli animali con una concentrazione troppo bassa di adiponectina nel sangue, più spesso per avvelenamento del sangue, sono morti rispetto agli animali con valori ematici normali di adiponectina.

Dosi aggiuntive di ormone tissutale hanno ridotto drasticamente questo rischio. Inoltre, inibisce la formazione di nuovo glucosio (glucosio) nel fegato, stimola l'ossidazione degli acidi grassi nel fegato, stimola l'assorbimento del glucosio nel muscolo e provoca la formazione di insulina.

Istruzione, occorrenza, proprietà e valori ottimali

L'adiponectina si forma negli adipociti (cellule adipose) del corpo. Tuttavia, la loro produzione viene stimolata solo se la concentrazione di adiponectina nel siero del sangue è troppo bassa. L'adiponectina, come l'altro leptina ormonale derivato dall'adiposio, ha un effetto sul metabolismo del glucosio e dei lipidi.

Se è presente in quantità sufficiente nel sangue, inibisce i processi infiammatori nel corpo, come le pareti dei vasi e le membrane cellulari. Le persone con un normale livello di adiponectina hanno un rischio inferiore di sviluppare diabete di tipo 2. Gli scienziati stanno ora supponendo che in futuro il medico sarà in grado di utilizzare il livello ematico di adiponectina per fare una dichiarazione sul fatto che il paziente in questione abbia o meno un aumentato rischio di diabete. I ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti con una variante genetica dell'ormone hanno un rischio significativamente più elevato di sviluppare diabete mellito rispetto a quelli con adiponectina "normale".

In recenti studi clinici, è stato possibile aumentare il contenuto di adiponectina nel sangue con la somministrazione di alcuni farmaci. Un altro modo per normalizzare i livelli ematici è, secondo i medici, ridurre l'eccesso di peso e cambiare la dieta.

Malattie e disturbi

Un livello patologicamente basso di adiponectina nel sangue fa sì che il corpo faccia un uso insufficiente degli acidi grassi immagazzinati nel tessuto adiposo. Le persone con obesità non solo hanno permanentemente (anche) bassi livelli di adiponectina nel sangue, ma hanno anche aumentato i livelli di leptina.

La leptina è l'altro ormone prodotto nel tessuto adiposo. Di solito provoca un'inibizione dell'appetito. Tuttavia, poiché l'obesità blocca questo effetto positivo della leptina, si sviluppa insulino-resistenza. L'eccessiva concentrazione di leptina porta allo stress ossidativo e quindi ad un aumento dei parametri infiammatori. Le persone con questa disfunzione hanno un rischio maggiore di sviluppare diabete di tipo 2, arteriosclerosi, malattie coronariche e infarto. Nel suo sangue si possono riscontrare alti livelli di trigliceridi e bassi livelli di colesterolo HDL.

Anche il valore del colesterolo totale è più o meno aumentato. Per contrastare questo, i medici raccomandano di ridurre significativamente il peso (e quindi soprattutto il tessuto adiposo). Un sacco di esercizio all'aria aperta riduce la resistenza all'insulina nelle persone con diabete a livello di adiponectina. Tuttavia, livelli eccessivi di adiponectina nel sangue possono aumentare il rischio di demenza nelle pazienti di sesso femminile. Un rilascio eccessivo di adiponectina può anche favorire la cirrosi.

Tag: 
  • salute e stile di vita 
  • cosmetici e benessere 
  • valori di laboratorio 
  • consulente 
  • dispositivi medici 
  • Top