Perfino i dottori del mondo antico sapevano che aiuta i pazienti con problemi respiratori a inalare sostanze efficaci dal punto di vista medico. Nella medicina moderna, l'inalazione con un dispositivo aerosol è considerata una forma comune di terapia. Tutti i dispositivi per inalazione funzionano secondo lo stesso principio.

Qual è la terapia con aerosol?

Nella terapia con aerosol, il paziente inala particelle di farmaco liquido o solido che vengono in genere espulse da un dispositivo. Per raggiungere il tratto respiratorio inferiore, le particelle devono essere inferiori a 10 micron.

Nella terapia con aerosol, il paziente inala particelle di droga liquide o solide che vengono espulse in modo tipico. Per raggiungere il tratto respiratorio inferiore, le particelle devono essere inferiori a 10 micron. Tuttavia, gli alveoli raggiungono solo particelle più piccole di 3 micron. Questi valori si applicano ai pazienti con un polmone sano. I lotti polmonari che non sono adeguatamente perfusi, come nel caso di alcune malattie polmonari, in genere non possono essere trattati efficacemente dal farmaco.

Al fine di ottenere un effetto ottimale, il farmaco dovrebbe eventualmente raggiungere il tratto respiratorio nell'intera dose. Il modo in cui è distribuito nel sistema respiratorio del paziente dipende da diversi fattori: dimensioni, forma, densità e carica elettrica delle particelle e i tipici schemi respiratori del paziente (flusso respiratorio e respiro-volume) determinano come arriverà il farmaco. Inoltre, l'aerosol dovrebbe anche essere adattato alla natura individuale dei polmoni del paziente e di altri organi respiratori.

La terapia con aerosol offre molti benefici alle persone colpite: in caso di difficoltà respiratoria acuta, l'ingrediente di emergenza raggiunge immediatamente dove deve essere d'aiuto. La maggiore superficie di assorbimento garantisce un'efficacia più rapida. Inoltre, l'utente di una terapia con aerosol richiede solo circa il 10% della dose altrimenti richiesta, il che riduce ulteriormente i possibili effetti collaterali.

Funzione, effetto e obiettivi

Il farmaco somministrato con l'aerosol viene utilizzato per il trattamento locale e sistemico delle malattie respiratorie associate a secrezione ipersecrezionale, ritenzione della secrezione, edema e infiammazione della mucosa o spasmi della muscolatura bronchiale. La maggior parte dei farmaci usati sono glucocorticoidi, simpaticomimetici beta-2 e antibiotici. La terapia con aerosol è indicata per asma bronchiale, bronchite acuta e cronica, BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva) e fibrosi cistica.

Poiché esistono quattro diversi sistemi di applicazione dell'aerosol e ognuno di essi ha punti di forza e di debolezza, il medico prescrittore dovrebbe essere sicuro di adattare il sistema alle esigenze specifiche del suo paziente. Due dei sistemi sono inoltre idonei all'uso in movimento (aerosol dosati con gas propellente e aerosol in polvere). Gli altri due (getti e nebulizzatori a ultrasuoni) possono essere utilizzati solo a casa del paziente. Inalatori di dosaggio (MDI) sono di solito prescritti come farmaco di emergenza per l'asma e la BPCO. Con loro, il farmaco viene spruzzato attraverso un propellente nel tratto respiratorio. Il sistema di inalazione ha lo svantaggio di perdere circa il 10% della dose per motivi tecnici. Inoltre, di solito il 50% del principio attivo rimane in bocca e non può essere inalato.

Gli inalatori di polvere (DPI) sono altrettanto efficaci degli aerosol MDI. Il prerequisito per questo è che il paziente abbia un volume del flusso respiratorio di almeno 30, meglio ancora 60 litri al minuto. I sistemi di nebulizzazione sono ottimali per i pazienti con scarsa funzionalità polmonare. Ci sono nebulizzatori per ugelli e nebulizzatori ad ultrasuoni. Nel caso dei nebulizzatori a ugello, l'espulsione della soluzione o sospensione del farmaco avviene tramite un ugello all'estremità del boccaglio. In esso, la portata è ridotta in modo che il paziente riceva più ingrediente attivo per singola dose.

I nebulizzatori sono più facili da usare perché il paziente non ha bisogno di usare speciali tecniche di respirazione e i farmaci sono meglio distribuiti nei polmoni. Anche con i nebulizzatori, il paziente deve chiudere saldamente il boccaglio con le labbra. Deve anche tenere la maschera per il respiro durante l'uso. Nei nebulizzatori a ultrasuoni, la distribuzione del farmaco avviene tramite ultrasuoni.

Rischi, effetti collaterali e pericoli

La terapia con aerosol non mostra alcun effetto collaterale se utilizzata correttamente, a meno che il farmaco prescritto dal medico non sia tollerato dal paziente o la dose non sia troppo elevata. Neonati e bambini piccoli possono occasionalmente provare a urlare o piangere. Finché è così eccitato, non dovresti eseguire l'applicazione.

Se il bambino rifiuta la maschera, il genitore che la tratta la tiene a circa 1 cm di distanza dalla bocca e dal naso. I pazienti infantili hanno bisogno di nebulizzatori che spruzzano gocce molto piccole. Per bambini di età inferiore a 3 anni sono adatti MDI e nebulizzatori (entrambi con maschera), a partire da 3 anni è possibile utilizzare un distanziatore con boccaglio. I pazienti tra 3 e 6 anni usano il nebulizzatore con il boccaglio. Per i bambini di età superiore ai 6 anni, il medico può prescrivere inalatori di polvere secca. È importante che i piccoli pazienti mangino o bevano qualcosa dopo ogni utilizzo, in modo che non arrivi a Kortikoid o depositi di antibiotici in bocca. Per i bambini più grandi e i pazienti adulti, è sufficiente sciacquarsi la bocca immediatamente dopo.

Si raccomanda inoltre di lavare il viso dopo l'inalazione. Quando si tratta di nebulizzatori è necessaria molta igiene. Questo vale sia per la soluzione che deve essere prodotta dal paziente sia per il dispositivo stesso: dopo ogni utilizzo, l'eventuale soluzione rimanente deve essere smaltita nel contenitore. Successivamente, tutte le parti del nebulizzatore devono essere pulite a fondo. Deve anche essere disinfettato una volta al giorno. Tutte le parti tranne il tubo flessibile devono essere asciugate all'aria e rimontate solo quando completamente asciutte.

Tag: 
  • hausmittel 
  • cosmetici e benessere 
  • sintomi 
  • Malattie 
  • trattamenti 
  • Top