Il farmaco Afatinib è un farmaco relativamente nuovo usato nel trattamento del cancro del polmone. L'effetto anticancro si ottiene bloccando i fattori di crescita nelle cellule.

Che cos'è Afatinib?

Le lesioni cancerose polmonari (alveoli) nella scollatura sono contrassegnate. Clicca per ingrandire

Il principio attivo afatinib è usato per trattare pazienti adulti affetti da carcinoma polmonare avanzato non a piccole cellule. È una sostanza relativamente nuova che è stata approvata solo nell'Unione europea e negli Stati Uniti sotto forma di compresse nel 2013.

Questi vengono assunti una volta al giorno a stomaco vuoto e da un lato per impedire che fattori di crescita alterati possano legarsi a recettori alterati e dall'altro impedire che si possa attivare una crescita cellulare senza ostacoli. Afatinib è incluso nel gruppo degli inibitori della chinasi.

Il loro effetto curativo si basa sul fatto che i principi attivi sono legati agli enzimi che svolgono un ruolo importante nello sviluppo e nella diffusione di una varietà di tumori. Poiché i CKD sono mirati contro vari tipi di cancro, come il cancro ai polmoni, al seno o al colon, sono considerati meglio tollerati rispetto ai tradizionali farmaci antitumorali.

Azione farmacologica

Come tutte le altre cellule del corpo, anche le cellule tumorali sono stimolate da vari fattori di crescita per moltiplicarsi. Per stimolare la crescita cellulare, il fattore di crescita si lega al recettore della cellula.

Come risultato dell'azione dell'enzima tirosina chinasi, il recettore cambia, dopodiché vengono attivati ​​i processi, che sono responsabili della crescita e della riproduzione. La crescita incontrollata e la proliferazione delle cellule tumorali è dovuta al fatto che hanno o troppi recettori alterati per la crescita cellulare. Il principio attivo afatinib inizia con questo meccanismo: si deposita direttamente nei siti di formazione del fattore di crescita, bloccandoli in modo permanente e specifico.

La preparazione non fa alcuna differenza tra recettori naturali o alterati. Ciò impedisce che un segnale che promuova il cancro possa essere inviato alle cellule dell'organismo. A livello molecolare, afatinib influenza le proteine ​​e le chinasi lipidiche in funzione. Le cellule tumorali non solo possono essere ostacolate nella crescita del preparato, ma anche distrutte. Quindi la preparazione ricorda anche la modalità di azione di altri inibitori della chinasi. L'effetto del farmaco dura 37 ore relativamente lunghe.

Applicazione e uso medici

Afatinib è prescritto solo in pazienti adulti con carcinoma broncogeno localmente avanzato. Il farmaco è efficace anche se il cancro con metastasi si è già diffuso ad altri organi.

Tuttavia, il presupposto per il trattamento con afatinib è che il paziente abbia mutazioni di EGFR attivanti. È necessario un test appropriato prima di somministrare il farmaco per la prima volta. Circa l'80% di tutti i pazienti con carcinoma polmonare può essere trattato con afatinib, poiché questa percentuale soffre di carcinoma polmonare non a piccole cellule. Proprio come i carcinomi bronchiali a piccole cellule, che sono considerati particolarmente aggressivi, questo tipo di tumore polmonare corre anche senza sintomi per lunghi periodi.

Sintomi tipici come tosse cronica, difficoltà respiratorie, tosse con sangue, perdita di peso e mancanza di appetito sono generalmente riconosciuti solo come sintomi di cancro ai polmoni, quando ha già raggiunto uno stadio avanzato, in cui una cura non è più possibile. Tra i più importanti fattori di rischio che possono causare il cancro ai polmoni ci sono il fumo attivo e passivo.

Tuttavia, altre sostanze come radon, amianto, polvere radioattiva e simili contano anche come cancerogene. Inoltre, l'insorgenza del carcinoma polmonare può essere promossa da un elevato livello di inquinamento atmosferico, dalle condizioni preesistenti esistenti nei polmoni e dai precarichi genetici.

Rischi ed effetti collaterali

Poiché il trattamento con afatinib può causare effetti indesiderati, alcuni dei quali gravi, è necessario un attento monitoraggio nelle prime sei settimane dopo l'inizio del trattamento. Ciò è particolarmente vero quando si verifica la diarrea. Questi possono essere molto gravi e in casi estremi persino portare a disidratazione, se il paziente non impiega molto liquido per compensare.

Gli effetti collaterali più comuni includono gravi reazioni cutanee che possono essere esacerbate dagli effetti delle radiazioni ultraviolette. I pazienti devono proteggersi dal sole e non usare un lettino abbronzante. Gli effetti collaterali di afatinib possono essere espressi in una varietà di reclami, in modo che l'ulteriore trattamento debba essere sotto controllo medico speciale. Tag: 

  • patogeno 
  • processi corporei 
  • dentizione 
  • sintomi 
  • Cibo 
  • Top