L'agnosia è un sintomo neuropsicologico basato su un'interruzione dell'elaborazione delle informazioni nel cervello. La causa può essere un fallimento funzionale in alcune aree del cervello. Le terapie di questa malattia si basano spesso su strategie di compensazione.

Che cos'è Agnosie?

In medicina, l'agnosia descrive un raro sintomo neuropsicologico, in base al quale l'elaborazione delle informazioni nel cervello non funziona più correttamente.

Il termine agnosia deriva dal greco, significa "ignoranza" ed è usato anche in filosofia. In medicina, tuttavia, l'agnosia descrive un raro sintomo neuropsicologico secondo il quale l'elaborazione delle informazioni nel cervello non funziona più correttamente. Il fenomeno si verifica dopo lesioni bi o unilaterali di alcune regioni cerebrali.

La persona colpita può effettivamente percepire tutti gli oggetti intorno a sé attraverso i suoi organi di senso. Tuttavia, non è in grado di assegnarli o nominarli correttamente. Gli oggetti quindi non vengono più riconosciuti da lui, sebbene non vi siano difetti sensoriali, disturbi cognitivi o deficit di attenzione. Sigmund Freud ha introdotto il termine agnosia in medicina, che significa solo l'incapacità di classificare gli oggetti visti, anche se la visione è presente.

Secondo Freud, tuttavia, ciò include la cecità del cieco e la cecità dell'anima. La cecità alla corteccia è una cecità dovuta a un fallimento funzionale della corteccia visiva nel cervello nonostante gli occhi sani. La cecità dell'anima è caratterizzata dal fatto che gli oggetti possono essere visti ma non possono più essere assegnati. Oggi, il termine agnosia è stato esteso ai fallimenti di tutte le modalità sensoriali.

cause

Le cause dell'agnosia sono la distruzione di alcune aree del cervello responsabili dei processi di informazione. Queste lesioni possono essere causate da ictus, lesioni cerebrali, tumori cerebrali, infezioni delle meningi e del cervello o anche gravi malattie mentali.

Se la parte posteriore del cervello è danneggiata nell'area del lobo occipitale, può derivarne agnosia visiva. È qui che avviene l'elaborazione delle informazioni visive. I danni ai lobi temporali posteriori spesso causano agnosia acustica. Quando il lobo parietale è danneggiato, si verifica spesso l'autotopagnosia. Qui, il paziente interessato non può più localizzare gli stimoli della pelle sul proprio corpo.

Malattie con questo sintomo

  • corsa
  • tumore al cervello
  • meningite
  • Meningoencefalite dell'inizio dell'estate
  • ascesso cerebrale
  • insufficienza multi-organo
  • avvelenamento del sangue
  • disturbo d'ansia
  • politrauma
  • Linfoma nel cervello
  • depressione
  • Disturbo post-traumatico da stress
  • trauma
  • Septischer_Schock
  • adenoma pituitario

Diagnosi e storia

Esistono diverse forme di agnosia che il medico può facilmente assegnare. Il tipo di agnosia fornisce già al medico indicazioni su quali regioni del cervello sono interessate. A tale scopo, esegue vari test, che riguardano aree sensoriali specifiche. Generalmente esiste una divisione in agnosia visiva, acustica, tattile o spaziale. Ci sono anche l'autotopagnosia e l'anosognosia.

L'agnosia visiva può a sua volta essere suddivisa in diverse sottomaschere. Pertanto, la cosiddetta prosopagnosia è un disturbo della percezione facciale. Il paziente non riconosce le persone conosciute sul viso. Il rilevamento avviene, ad esempio, tramite la voce o la marcia. Inoltre, questo gruppo include anche agnosia appiccicosa. Sebbene la persona interessata possa percepire singoli elementi, non può metterli insieme per formare un oggetto completo.

Nel contesto dell'agnosia associativa, il paziente riconosce l'intero oggetto in forma e forma, ma non può fare nulla con la sua funzione. Nel caso della diagnosi del colore, i colori non possono più essere riconosciuti. L'agnosia acustica è caratterizzata dal fatto che l'interessato sente i suoni, ma non può metterli insieme a parole o frasi. L'incapacità di orientarsi nello spazio si chiama agnosia spaziale. Nell'agnosia tattile, gli oggetti rilevati non possono essere assegnati.

Il non riconoscimento dei fallimenti funzionali delle proprie parti o organi del proprio corpo è chiamato anosognosia. Qui, il paziente percepisce le parti del corpo guaste come funzionali e vorrebbe usarle di conseguenza. Questo può portare a cadute.

complicazioni

Agnosia può essere la causa di varie complicazioni. A seconda della gravità e della causa di agnosia, ci sono gravi disabilità motorie e disfunzioni degli organi sensoriali. Il senso di equilibrio, ad esempio, è fortemente disturbato dal sintomo neuropsicologico, che può portare a cadute e lesioni simili. Anche gli occhi e le orecchie sono interessati e funzionano solo per le persone con disabilità in misura limitata o per niente. Le complicazioni che seguono possono aggravare i principali sintomi di agnosia.

Inoltre, la capacità intellettuale è di solito fortemente limitata e può essere ripristinata solo parzialmente dalla terapia occupazionale. Ulteriori complicazioni si verificano in agnosia principalmente attraverso danni secondari come l'auto-innesto. Ciò rende impossibile per le persone colpite localizzare irritazioni cutanee o lesioni al proprio corpo, il che spesso porta a un intensificazione delle malattie esistenti. Non da ultimo, lo stato emotivo delle persone colpite è un fattore di rischio.

Un'agnosia può portare a gravi disabilità mentali e fisiche e quindi gravare enormemente sul paziente psicologicamente. Le complicazioni sono rare nella terapia attuale. Spesso si tratta di danni permanenti, ma la terapia occupazionale non presenta grandi rischi per le persone colpite. Solo con il trattamento medicamentoso, ad esempio con il trattamento dei sintomi psicologici necessari, in alcuni casi possono verificarsi ulteriori complicazioni.

Quando dovresti andare dal dottore?

Non appena i parenti o la persona interessata si accorgono di non essere in grado di riconoscere oggetti o persone, un medico dovrebbe essere consultato immediatamente e il più rapidamente possibile. Poiché gli organi sensoriali di solito non sono danneggiati, c'è il rischio che, quindi, forse i sintomi iniziali non vengano immediatamente riconosciuti o la speranza che il disturbo sia scomparso a breve.

In caso di agnosia, gli occhi e le orecchie continuano a funzionare. Tuttavia, il non riconoscimento degli oggetti è un disturbo elementare della percezione e questo è molto grave. L'insignificanza delle impressioni visive in una persona malata indica un danno cerebrale, che dovrebbe essere esaminato il più presto possibile. Inoltre, aumenta il rischio di far fronte alla vita di tutti i giorni per la persona che subisce ulteriori danni.

Se il malfunzionamento fa sì che un'auto non venga più riconosciuta, il passaggio sopra la strada è classificato come pericoloso per la vita. Solo attraverso una visita medica intensiva, l'agnosia può essere diagnosticata e vengono avviate adeguate misure mediche. La cecità dell'anima è una lesione nel cervello. Pertanto, il non riconoscimento degli oggetti deve essere inteso come un segnale di avvertimento immediato. Sfortunatamente, non è prevista la guarigione spontanea o la presenza di effetti temporanei di restrizione.

Medici e terapisti nella tua zona

↳ Per trovare medici e terapisti specializzati nella tua zona, fai clic su: "Cerca specialisti nella tua zona" o inserisci un indirizzo a tua scelta (ad es. "Berlino" o "Augustenburger Platz 1 Berlino"). f.name) .join (', ') "> ↳ Sei un medico o un terapista e non trovi qui? Contattaci!

Terapia e terapia

Non esiste un trattamento specifico per l'agnosia. Se si è verificata una lesione in una determinata area del cervello, ad esempio attraverso un ictus, dopo un po 'di tempo potrebbe verificarsi un miglioramento da sola. Tuttavia, ciò dipende dalle dimensioni e dalla posizione della lesione e dall'età del paziente. Dopo i primi tre mesi, la maggior parte del recupero viene eseguita. Anche dopo, ci sono ancora molti processi che indeboliscono il fallimento.

Tuttavia, la disabilità permanente deve essere assunta nella maggior parte dei casi. Il medico può prendere solo misure compensative per superare i fallimenti. Nel contesto della terapia occupazionale, ad esempio, viene fatto un tentativo di compensare al meglio l'agnosia corrispondente attraverso altre funzioni esistenti. Durante la terapia occupazionale, il paziente può imparare ad usare altre funzioni per riconoscere persone e oggetti.

Ad esempio, nel caso di agnosia, il paziente non riconosce il volto di una persona a lui nota. Tuttavia, per identificare questa persona, l'interessato può ricorrere ad altre caratteristiche come la voce, la postura o l'andatura. Il processo di apprendimento potrebbe avere un tale successo che il riconoscimento del volto mancante non svolge più alcun ruolo e potrebbe anche non essere notato.

La terapia occupazionale può ovviamente essere usata in tutte le forme di agnosia. Sfrutta il fatto che di norma si verificano solo guasti selettivi nel sistema di elaborazione delle informazioni del cervello.

Outlook e previsioni

Di norma, la percezione dell'agosnie da parte del paziente è gravemente disturbata. Ciò riguarda principalmente il riconoscimento dei volti di persone diverse. I pazienti quindi cercano di associare le persone alla loro voce o andatura. L'Agosnie, tuttavia, può anche influenzare altre aree della vita. Questi includono, ad esempio, colori o forme che non possono essere riconosciuti neanche. Ciò porta a una grave restrizione della vita quotidiana nei pazienti. Pertanto, da parte di Agosnie alcune professioni non possono essere esercitate.

Sfortunatamente, non esiste un trattamento per Agosnie. Tuttavia, possono essere eseguiti esercizi che compensano i punti deboli e li sostituiscono con altre possibilità di percezione. Agosnie pertanto non comporta una riduzione dell'aspettativa di vita per la maggior parte delle persone. Per il trattamento vengono utilizzati soprattutto i metodi di Ergotherapie o Logopädie.

In casi complicati, alcuni organi possono fallire completamente. Questi includono, ad esempio, le orecchie o gli occhi. Ciò può portare a una limitazione molto grave della vita quotidiana per il paziente. Questi pazienti dipendono quindi dall'aiuto di altre persone.

prevenzione

Un agnosia non può essere prevenuto. Esistono forme innate e acquisite. Le forme congenite sono spesso malattie genetiche o disturbi dello sviluppo prenatale. Le forme acquisite sono causate da malattie come ictus o altri disturbi organici del cervello. Per tutte le forme di agnosia non esistono misure profilattiche.

Puoi farlo tu stesso

L'agnosia non è un sintomo comune della malattia, ma un grosso problema per coloro che ne soffrono. I termini "sordità dell'anima" e "cecità dell'anima" usati in tedesco indicano quanto può essere sfaccettato e grave il disturbo dell'udito, della vista o dell'abilità tattile.

Poiché il sintomo si manifesta in modo così individuale, è assolutamente necessario nel trattamento, soprattutto nell'auto-aiuto, procedere in base al paziente. L'agnosia è di solito incurabile, ma con speciali forme di allenamento, le menomazioni possono essere più o meno compensate. Nel caso della prosopagnosia, ad esempio, l'obiettivo è consentire ai pazienti di essere in grado di identificare le persone sulla base di caratteristiche diverse dal viso (postura, andatura, voce, abbigliamento, acconciatura, ecc.). A volte sembra che le misure dall'aspetto semplice aiutino, come la scrittura e gli esercizi computazionali. Quali esercizi devono essere eseguiti devono essere discussi con il terapeuta o il medico. In generale, le terapie professionali o di lavoro sono essenziali nel trattamento.

Attraverso processi di apprendimento e formazione della memoria, nuovi neuroni e sinapsi vengono creati nel cervello durante esercizi mirati, che possono migliorare le prestazioni. Molto dipende dal trattamento della cerchia di amici e della famiglia. È consigliabile garantire l'integrazione sociale della persona interessata, ridurre il rischio di lesioni nella vita di tutti i giorni e dargli tranquillità in modo sicuro.

Tag: 
  • piante medicinali 
  • cosmetici e benessere 
  • anatomia 
  • gravidanza 
  • Malattie 
  • Top