L'agomelatina è venduta in Germania con il nome Valdoxan® ed è sul mercato da pochi anni. È un agonista del recettore della melatonina, che viene utilizzato principalmente nella depressione da lieve a grave e può anche combattere i disturbi cronici del sonno entro un certo intervallo.

Che cos'è l'agomelatina?

L'agomelatina favorisce il rilascio di noradrenalina o serotonina e porta anche ad un aumento della produzione di dopamina. Questo combatte la depressione a livello chimico.

L'agomelatina favorisce il rilascio di monoammine come noradrenalina o serotonina e porta anche ad un aumento della produzione di dopamina.

Questo combatte la depressione a livello chimico, creando allo stesso tempo l'effetto collaterale di un sonno notturno più confortevole nei pazienti che soffrono di disturbi del sonno. Viene assunto per via orale prima di andare a letto con un po 'd'acqua ed è soggetto a prescrizione medica in Germania.

Azione farmacologica

L'agomelatina proviene dal gruppo di agonisti del recettore della melatonina. Funziona direttamente contro la mancanza di serotonina o noradrenalina, entrambe considerate monoammine.

La depressione clinica, che è principalmente causata da una carenza di queste due monoammine, deve essere controllata dall'agomelatina. Al fine di aumentare la produzione di questi neurotrasmettitori nel corpo, viene utilizzata l'agomelatina: combatte la sindrome da carenza e porta anche a un aumento del rilascio di dopamina. In alcune aree del cervello vengono rilasciati serotonina, dopamina e noradrenalina, che hanno lo scopo di migliorare l'umore del paziente.

Inoltre, si dice che l'agomelatina abbia un effetto di promozione del sonno, quindi dovrebbe sempre essere presa immediatamente prima di coricarsi. In dosi molto ridotte, è quindi anche prescritto come ausilio al sonno quando altri mezzi, ampiamente noti come efficaci, dovrebbero fallire. Poiché l'uso di agomelatina influisce anche sul fegato, il preparato non deve essere assunto in caso di disfunzione o malattia epatica nota.

È anche improbabile che prenda agomelatina durante o immediatamente dopo la gravidanza, poiché i principi attivi possono entrare nel latte materno. La dose giornaliera media è di 25 milligrammi, la dose massima di 50 milligrammi non deve essere superata.

Applicazione e uso medici

In Germania, l'agomelatina è principalmente usata per trattare la depressione negli adulti (depressione maggiore). Poiché si basa chimicamente su un diverso modo di agire rispetto ai farmaci già stabiliti, viene spesso somministrato a persone che non rispondono al trattamento classico. Inoltre, l'agomelatina viene anche utilizzata nell'insonnia cronica, ma lì a dosi più basse e solo allora, se non ci sono controindicazioni con altri farmaci.

Poiché questo è un farmaco molto giovane, ci sono solo pochi studi sugli effetti dell'agomelatina. In uno studio con un totale di 5.800 pazienti, l'agomelatina ha sovraperformato il placebo. Tuttavia, non sono state osservate differenze in altri tre studi durante la co-somministrazione di fluoxetina o paroxetina.

L'agomelatina è stata utilizzata come parte di questi studi in pazienti con depressione da lieve a moderata e grave. Il tasso di successo è stato dal 60 al 70%. Allo stesso tempo, è stato osservato un miglioramento della qualità del sonno in tutti i partecipanti agli studi, senza perdita di attenzione durante il giorno. Negli anziani con demenza non si deve usare l'agomelatina.

Rischi ed effetti collaterali

L'agomelatina può influire negativamente sull'equilibrio energetico dell'organismo, che è caratterizzato, tra l'altro, dall'affaticamento e dalla sonnolenza persistente. Inoltre, l'agomelatina può causare insonnia, mal di testa e attacchi di emicrania.

Inoltre, è improbabile l'insorgenza improvvisa di ansia e vertigini, quindi si prevede che funzionerà dopo il primo utilizzo di macchinari pesanti di agomelatina. Il tratto digestivo può anche essere influenzato dal farmaco, si lamentano nausea, costipazione e diarrea. L'aumento dei valori del fegato, il mal di schiena e la visione offuscata occasionale sono alcuni degli effetti collaterali dell'agomelatina.

Effetti collaterali molto rari includono, ma non sono limitati a, un'epatite improvvisa, nonché un comportamento suicidario o pensieri suicidari, che va contro l'effetto originale del farmaco. In particolare, a causa degli elevati valori epatici, si raccomandano regolari test funzionali di questo organo durante la somministrazione di agomelatina. Non deve essere somministrato se vengono assunti contemporaneamente farmaci come fluvoxamina o ciprofloxacina. Tag: 

  • patogeno 
  • droga 
  • valori di laboratorio 
  • consulente 
  • Malattie 
  • Top