L'AIDS, derivato dalla sindrome da immunodeficienza acquisita, è una malattia da immunodeficienza causata dal virus dell'HIV. La malattia da AIDS è quindi preceduta dall'infezione da HIV. Sfortunatamente, fino allo stato attuale della ricerca medica, non esiste una cura o un approccio terapeutico in grado di trattare con successo questa malattia. La causa più comune dell'infezione da HIV e successivamente dell'AIDS sono i rapporti sessuali non protetti con persone già infette dall'HIV.

Cos'è l'AIDS?

Il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) è un retrovirus. Un'infezione da HIV non trattata porta all'AIDS dopo una fase prevalentemente pluriennale e priva di sintomi. Clicca per ingrandire

La malattia AIDS (abbreviazione di: sindrome da immunodeficienza acquisita, che significa in tedesco: sindrome da immunodeficienza acquisita) è ora nota a tutti gli esseri umani, perché è incurabile fino ai giorni nostri e può abbreviare notevolmente la vita. Le piace essere confusa con l'infezione da HIV, in cui solo il virus HI ha infettato il corpo umano e nel corso di diversi anni garantirà la completa distruzione del sistema immunitario.

Al contrario, l'AIDS si riferisce alla condizione in cui il sistema immunitario è così gravemente danneggiato che le cosiddette infezioni opportunistiche si diffondono e alla fine uccidono gli umani.

cause

L'AIDS è la conseguenza terminale dell'infezione da virus HI. Non appena i virus entrano nel corpo umano, innescano solo sintomi lievi, simil-influenzali, che presto scompaiono. Tuttavia, i virus non lo fanno: rimangono nel corpo e non possono essere riconosciuti e distrutti dalle cellule immunitarie umane, come sarebbe il caso di altri agenti patogeni.

I virus iniettano il loro RNA (acido ribonucleico) in cellule umane sane e li riprogrammano in modo tale da poter produrre solo nuovi virus. Quindi le cellule del corpo muoiono e i virus cercano nuove cellule ospiti. Attraverso questo meccanismo, le cellule immunitarie sane vengono distrutte fino a quando non ce ne sono più.

Si parla di AIDS quando lo stato del sistema immunitario è ovviamente disturbato o malato. L'AIDS si manifesta attraverso le cosiddette infezioni opportunistiche o tumori opportunistici, che possono diffondersi perché il sistema immunitario non ha nulla per contrastarli.

Sintomi, reclami e segni

L'AIDS è il segno distintivo dell'infezione da HIV caratterizzata da gravi infezioni opportunistiche, disfunzione cerebrale e sindrome da deperimento. La sindrome da deperimento provoca diarrea prolungata, febbre, affaticamento e pesante perdita di peso che supera il dieci percento del peso corporeo. Le disfunzioni del cervello sono espresse da una varietà di sintomi neuropsichiatrici come disregolazioni, disturbi del movimento e disturbi autonomici.

I processi degenerativi possono portare ad un aumento della demenza. Particolarmente tipiche dell'AIDS, tuttavia, sono le gravi infezioni opportunistiche causate da microrganismi, che non causano problemi nelle persone sane. Queste infezioni includono polmonite grave causata dal fungo Pneumocystis jirovecii, polmonite batterica, tubercolosi, toxoplasmosi o ripetute infezioni da Salmonella.

Spesso, si tratta anche di infezioni da herpes nello stomaco, nell'esofago o nei polmoni. Inoltre, si verificano infezioni assenti in soggetti sani. Questi includono infezioni con citomegalovirus, che attacca in particolare la retina dell'occhio, infezioni fungine trasmesse dagli uccelli, infezioni intestinali con organismi unicellulari e altre infezioni atipiche.

Tipico per l'AIDS è l'insorgenza di tumori maligni come Kaposisarkom, vari linfomi non Hodgkin, tumori maligni del sistema nervoso centrale o persino un cancro cervice aggressivo. Kaposisarkom è caratterizzato da più placche indurite marrone-rosso sulla pelle. Questi nodi formano ulcere e, se non curati, possono colpire l'intera pelle, le mucose e i vari organi. Ogni singola malattia che si verifica nel contesto dell'AIDS può portare alla morte.

corso

Il decorso della malattia in AIDS richiede pochissimo tempo. Dopotutto, si parla di AIDS non appena il sistema immunitario non è più in grado di respingere altri agenti patogeni. Il decorso della malattia è diviso in modo tale che la persona un giorno soffra di un'infezione che può essere banale, tuttavia morirà entro poche settimane da questo, poiché l'infezione da HI ha quasi indebolito il suo sistema immunitario. Sono anche possibili tumori che possono portare rapidamente alla morte.

Tuttavia, prima che arrivi all'AIDS, l'infezione da HI è seguita da una fase di latenza che dura anni, durante la quale il sistema immunitario viene solo degradato. Mentre la persona interessata potrebbe non morire ancora per infezioni insignificanti, può durare più a lungo e diventare più ardua. Solo quando diventa evidente che la persona colpita non può più difendersi da una malattia, l'AIDS può essere l'argomento.

Molto raramente, può accadere che l'AIDS non esploda mai e che la persona infetta rimanga in latenza per tutta la vita o combatta il virus HI.

complicazioni

L'AIDS è sempre associato a gravi complicazioni come fase finale dell'infezione da HIV. Innanzitutto, vi è un aumentato rischio di varie infezioni e infiammazioni, tra cui, ad esempio, bronchite, citomegalovirus, setticemia da salmonella e infezione da candida fungina. Spesso c'è anche polmonite o infiammazione dell'esofago e vari tipi di polmonite.

Anche il rischio di cancro aumenta significativamente, il che può causare, tra l'altro, il cancro cervicale e il linfoma maligno. Le sequele specifiche dell'AIDS includono il sarcoma di Kaposi (un tumore maligno), la sindrome da deperimento (rapida perdita di peso con diarrea cronica) e le infezioni da micobatteri che si verificano nei polmoni o in tutto il corpo.

In generale, l'AIDS ha un rischio maggiore di sviluppare tumori e infezioni. Con il verificarsi di queste sequele si accompagna di solito un rapido declino fisico e mentale. Malattie come l'encefalopatia da HIV causano danni irreversibili al cervello, portando a ulteriori complicazioni.

Alla fine, a causa dell'AIDS, si verificano insufficienza d'organo multipla e incoscienza, insieme alla morte del paziente. Tuttavia, oggi un trattamento estensivo può almeno ridurre le complicanze dell'AIDS.

Quando dovresti andare dal dottore?

Dopo un periodo di incubazione (che potrebbe richiedere molto tempo), l'infezione da HIV porta all'AIDS. Il trucco è che i primi sintomi dopo l'infezione sono simili a un'influenza o un'infezione influenzale e inizialmente non possono essere facilmente distinti. I segni sono sintomi diffusi come febbre, stanchezza, mal di testa, perdita di appetito, eruzione cutanea, dolori muscolari, nausea, diarrea o perdita di peso. Per questo motivo, l'infezione da virus HI spesso non viene immediatamente riconosciuta come tale.

Un altro problema è che i sintomi che seguono dopo l'infezione sono seguiti da un periodo di latenza più lungo, che può richiedere anni. Durante questo periodo i pazienti sono praticamente esenti da lamentele. Tuttavia, se l'infezione da HIV non viene curata, porterà inevitabilmente all'insorgenza della malattia in un secondo momento. Un sistema immunitario gravemente indebolito è la caratteristica più importante. Rende le persone colpite vulnerabili alle infezioni e al cancro.

Quindi, senza una ragione apparente, se hai sintomi simil-influenzali che persistono per un lungo periodo di tempo e non usi trattamenti tradizionali, è tempo di vedere un medico di medicina generale. Può fare un esame del sangue e quindi indirizzarli a medici specialisti. Ciò è particolarmente vero quando si appartiene ai cosiddetti gruppi a rischio (tossicodipendenti, persone con partner sessuali che cambiano frequentemente, ecc.)

Medici e terapisti nella tua zona

↳ Per trovare medici e terapisti specializzati nella tua zona, fai clic su: "Cerca specialisti nella tua zona" o inserisci un indirizzo a tua scelta (ad es. "Berlino" o "Augustenburger Platz 1 Berlino"). f.name) .join (', ') "> ↳ Sei un medico o un terapista e non trovi qui? Contattaci!

Terapia e terapia

Attualmente l'AIDS non può essere curato, è possibile solo un trattamento palliativo. Una volta che il malato ha un'infezione opportunistica, è possibile almeno alleviare il disagio. In caso di raffreddore o simile infezione da AIDS i sintomi possono essere combattuti. Un trattamento con antibiotici o altri mezzi non sarebbe utile.

Tuttavia, l'obiettivo principale del trattamento dell'AIDS è attualmente ritardare l'insorgenza dell'AIDS dopo l'infezione da HIV. Esistono già approcci moderni secondo cui questo ritardo è possibile per diversi anni o addirittura decenni. Tuttavia, la ricerca medica sta lavorando duramente per sconfiggere l'AIDS.

Se, d'altra parte, si tratta di un tumore opportunistico causato dall'AIDS, gli antidolorifici vengono spesso somministrati e la persona colpita soffre di meno. È anche importante monitorare il paziente affetto da AIDS durante questo periodo per essere adeguatamente sintomatico e per essere in grado di risparmiargli dolore.

Outlook e previsioni

L'infezione da HIV non è ancora completamente curabile. Tuttavia, un'immunodeficienza completa può essere evitata con una terapia completa. Decisivo per una prognosi positiva è un trattamento coerente e duraturo dell'infezione da virus.

Tuttavia, una volta scoppiata la malattia da AIDS, è mortale. Tuttavia, le medicine moderne possono migliorare significativamente l'aspettativa di vita e la qualità della vita delle persone colpite. A lungo termine, tuttavia, si sviluppano malattie di follow-on come infezioni e malattie del fegato o del cancro, che indeboliscono il sistema immunitario e l'intero organismo.

I pazienti con altre malattie, nonché le persone anziane o tossicodipendenti hanno un'aspettativa di vita particolarmente bassa. Anche nei paesi con scarsa assistenza sanitaria, le possibilità di una lunga vita con l'AIDS sono molto peggiori.

post-terapia

Non ci sono misure di follow-up che possono essere prese nel caso dell'AIDS. Piuttosto, le misure di follow-up devono essere guidate dai diversi disturbi che danno origine alla diagnosi di "AIDS". Ciò può essere spiegato dal fatto che l'AIDS non è curabile. Tuttavia, le condizioni dei pazienti possono essere migliorate in alcuni casi da una terapia farmacologica coerente ancora di più. Esami di follow-up esistono ovunque nel monitoraggio dei punteggi CD4 e della carica virale.

Il carcinoma anale associato all'HIV richiede esami di follow-up circa annuali, che consistono nel controllo del retto e di parti del colon. Per tutte le infezioni associate all'HIV e le infestazioni parassitarie, devono essere esaurite anche le corrispondenti opzioni di post-terapia. In molti casi, ciò significa cure mediche regolari per i malati di AIDS, oltre a controllare i livelli ematici per rilevare e monitorare le infezioni successive.

Complessivamente, le misure di follow-up adottate nei pazienti con AIDS in caso di malattie insorte e trattate sono le stesse dei pazienti HIV-negativi. Solo l'uso di immunosoppressori (ove appropriato) deve essere riconsiderato con urgenza.

Per prevenire ulteriori infezioni opportunistiche, le persone colpite dall'AIDS dovrebbero vivere uno stile di vita molto sano che migliora il sistema immunitario nel miglior modo possibile. Ciò include una dieta sana, l'esercizio fisico e l'eliminazione di sostanze che hanno un impatto negativo sul sistema immunitario, come alcol e nicotina.

Puoi farlo tu stesso

Poiché l'AIDS è un'immunodeficienza acquisita, sono indicati tutti i passaggi che rafforzano il sistema immunitario. A causa della gravità della malattia, le misure di auto-aiuto sono possibili solo in misura limitata.

Oltre all'assunzione regolare del farmaco, sono anche utili una dieta mista ricca di vitamine, molti sport ed esercizio fisico all'aria aperta. È particolarmente importante prestare attenzione a una quantità sufficiente di vitamina C. Altre misure di potenziamento immunitario come il cambio delle docce e una routine quotidiana ben regolata sono utili. In parte, questo può essere usato per ridurre gli effetti collaterali del farmaco. Chiunque mantenga un atteggiamento positivo nei confronti della vita, nonostante la malattia, fa anche del bene al suo sistema immunitario. I contatti sociali utili e di supporto invece dell'esclusione sono benefici per il corpo, l'anima e lo spirito.

A causa della loro immunodeficienza le persone colpite dovrebbero evitare le infezioni da parte di altri. Le vaccinazioni possono aiutare (ad esempio, quando viaggiano in altri paesi), ma a volte i pazienti con AIDS sono sconsigliati contro le vaccinazioni. Metodi di guarigione alternativi possono essere testati come misure di supporto. Tuttavia, l'agopuntura, l'omeopatia e simili non sono scientificamente stabiliti.

Tag: 
  • gravidanza 
  • viaggiare 
  • dispositivi medici 
  • anatomia 
  • hausmittel 
  • Top