La sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie è un complesso neurologico di sintomi associati a una percezione disturbata dell'ambiente e / o della propria persona. I pazienti e i bambini con emicrania ed epilessia sono spesso colpiti dalla sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie.

Cos'è la sindrome di Alice nel paese delle meraviglie?

La sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie è un complesso neurologico di sintomi associati a una percezione disturbata dell'ambiente e / o della propria persona.

La sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie si riferisce a una percezione distorta dell'ambiente e / o della propria persona, che nella maggior parte dei casi è attribuita a varie malattie di base come emicrania, epilessia, infezioni con alcuni virus (virus di Epstein-Barr) o abuso di sostanze può.

Una sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie, che non è considerata una malattia in sé, di solito si manifesta con una metamorfopsia, attraverso la quale gli oggetti vengono ingranditi (macropsia) o ridotti (micropsia), più lontano (teleopsia, porropsia) o più da vicino (pelopsia ), distorto, deformato, spostato spazialmente (specchiato, capovolto) o percepito in termini di colore.

Inoltre, una sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie può manifestarsi attraverso disturbi dell'ego (depersonalizzazione, scissione dell'anima e del corpo), un senso del tempo disturbato, ceneri (disturbi dello schema corporeo) nonché sentimenti sospetti e disturbi del senso dell'udito e del taked. Ansia e stati di panico, grave affaticamento e mal di testa, vertigini, vomito e nausea possono essere altri sintomi della sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie.

cause

Le cause di una sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie non sono ancora state completamente chiarite. Come innesco della sindrome le aberrazioni organiche e / o funzionali del lobo temporale (lobus temporalis) sono assunte sulla base dei sintomi caratteristici, della corteccia uditiva primaria, del centro del linguaggio sensoriale (centro di Wernicke), della memoria visiva di lavoro e delle aree associative neocorticali (elaborazione di complessi non spaziali stimoli uditivi e visivi).

Le lesioni in quest'area, in particolare la corteccia temporale associativa, possono portare a vari deficit uditivi e visivi (agnosie) come oggettività, prosopagnosia (cecità visiva), entusiasmo (percezione disturbata dei suoni) o afasia (disturbi del linguaggio).

Inoltre, l'epilessia è associata a disturbi del lobo temporale (epilessia del lobo temporale). Oltre alle convulsioni epilettiche, una sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie è associata a emicrania, infezioni virali (virus di Epstein-Barr), abuso di droghe (abuso di droghe), nonché nelle fasi tra veglia e sonno (stati ipnagogici e ipnopompe).

Sintomi, reclami e segni

Una sindrome di Alice nel paese delle meraviglie si manifesta per prima attraverso cambiamenti acuti o striscianti nella percezione del proprio ambiente. Questi sono di solito accompagnati da effetti collaterali come stanchezza e affaticamento o mal di testa. Spesso le persone colpite si sentono confuse o soffrono di una paura indefinibile.

Può anche causare allucinazioni e ipersensibilità alla luce e al rumore. Alcuni malati hanno un mutato senso del tempo o una insolita sensazione tattile con breve preavviso o per un periodo di tempo più lungo. Tipico è la sensazione che tutto sia percepito ridotto o ingrandito. Questa micropsia o macropsia porta spesso a vertigini e disturbi dell'andatura - le persone colpite non trovano più la loro strada nel loro normale ambiente.

Una forte gravità può portare a deficit neurologici. Il bambino quindi scatta "foto fantastiche" o soffre di attacchi epilettici. I sintomi si verificano di solito durante l'infanzia, ma possono continuare fino all'età adulta e possono persistere per tutta la vita.

È particolarmente comune durante le fasi di addormentamento e recupero a sensazioni insolite e disturbi fisici o mentali. Lo stress risultante può portare a sintomi concomitanti come dolore addominale, emicrania, disturbi del sonno, depressione e cambiamenti della personalità.

Diagnosi e storia

Una sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie viene diagnosticata dall'anamnesi dei sintomi del paziente, in particolare dalla sindrome.

Una sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie può essere ipotizzata qui, se possibile, si possono escludere altre menomazioni fisiologiche oltre alle tipiche malattie sottostanti per la manifestazione della sindrome. Nella diagnosi differenziale, la malattia che causa la sindrome (emicrania, epilessia o infezione virale) deve essere diagnosticata.

Mentre le tecniche di diagnostica per immagini come la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica (MRI), l'ecografia EEG o l'ecografia Doppler possono far luce sull'epilessia o sull'emicrania sottostante, le infezioni virali (virus di Epstein-Barr) vengono rilevate dall'analisi del sangue.

La sindrome di Alice nel paese delle meraviglie viene spesso diagnosticata durante l'infanzia. Sebbene la sindrome si risolva spesso durante la pubertà, alcune delle persone colpite sono affette dalla sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie per tutta la vita, specialmente durante il sonno e il recupero.

complicazioni

La sindrome di Alice nel paese delle meraviglie è comune nei bambini che potrebbero soffrire di problemi sociali a causa dei sintomi. Altri bambini possono provare ansia nella sindrome e ritirarsi dal bambino interessato. Possono anche reagire con il ridicolo e la malizia, che possono arrivare fino al bullismo.

Lo stress risultante può causare ulteriori complicazioni per il bambino affetto, come peggioramento della salute generale, dolore addominale, mal di testa o disturbi mentali come disturbi d'ansia, depressione e disturbi del sonno. Gli adulti possono anche soffrire delle complicazioni sociali e psicologiche della sindrome.

I disturbi dell'orientamento che si verificano come parte della sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie, sia nei bambini che negli adulti, possono portare a calare o perdere. Gli adolescenti e gli adulti possono in alcuni casi essere soggetti all'alcol o all'uso di droghe. I disturbi dell'orientamento possono portare a restrizioni nella vita di tutti i giorni.

Ad esempio, se si verifica un episodio acuto sulla strada per un appuntamento importante, la persona potrebbe essere in ritardo o perdere il proprio orientamento in modo da non ricordare in seguito come sono arrivati ​​a una posizione. In particolare, la forma cronica della sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie può anche provocare restrizioni di stile di vita di vasta portata. Altre complicazioni possono anche verificarsi e dipendono principalmente dalla malattia di base che è responsabile della sindrome.

Quando dovresti andare dal dottore?

Se sospetti una sindrome di Alice nel paese delle meraviglie, un medico deve chiarire la causa e trattarla se necessario. Il consiglio medico è particolarmente necessario quando ci sono frequenti percezioni errate che sono dovute a nessuna causa specifica e limitano la persona colpita nella vita di tutti i giorni.

Se questi cambiamenti nella percezione e nelle allucinazioni hanno un effetto negativo sulle condizioni generali, un medico o uno psicologo devono essere consultati con il bambino interessato. Ciò è particolarmente vero quando si tratta di incidenti o cadute nel contesto di un sequestro.

Descrive "immagini fantastiche" di un bambino affetto e / o prende alcune parti del corpo più o meno grandi, la sindrome dovrebbe essere chiarita immediatamente. La maggior parte della sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie si basa su una condizione di base relativamente innocua come l'emicrania, che può essere trattata facilmente.

Se la causa non viene trattata, tuttavia, la sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie può portare a gravi disturbi mentali. Inoltre, i sequestri possono portare all'esclusione nella vita di tutti i giorni. Al più tardi, se i genitori notano cambiamenti e sintomi al proprio figlio, dovrebbero parlare con uno specialista.

Medici e terapisti nella tua zona

↳ Per trovare medici e terapisti specializzati nella tua zona, fai clic su: "Cerca specialisti nella tua zona" o inserisci un indirizzo a tua scelta (ad es. "Berlino" o "Augustenburger Platz 1 Berlino"). f.name) .join (', ') "> ↳ Sei un medico o un terapista e non trovi qui? Contattaci!

Terapia e terapia

Poiché la sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie rappresenta un complesso di sintomi neurologici finora ancora in gran parte inesplorato con patogenesi ed eziologia chiarite in modo incompleto, questo non può essere trattato causalmente.

Di conseguenza, le misure terapeutiche in una sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie di solito iniziano con le malattie sottostanti diagnosticate. Pertanto, oltre alla raccomandazione per un rigoroso riposo nelle fasi convulsive, vengono utilizzate misure per la profilassi degli attacchi di emicrania. A tale scopo vengono utilizzati antidepressivi (amitriptilina), anticonvulsivanti, antagonisti del calcio o calcio-antagonisti, analgesici e antidolorifici FANS.

In caso di convulsioni molto gravi, i sedativi (tranquillanti) possono anche essere usati a breve termine per ridurre i sintomi. Inoltre, si raccomanda una dieta speciale per l'emicrania in cui si dovrebbero evitare il cioccolato, una dieta eccessivamente carnosa, zuccheri raffinati e la maggior parte dei cibi denaturati.

Se la sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie si basa sull'epilessia, viene generalmente trattata con farmaci con anticonvulsivanti o cosiddetti "bloccanti delle convulsioni" (tra cui carbamazepina, eslicarbazepina acetato, oxcarbazepina, acido valproico, benzodiazepine, zonisamide, fenobarbital). Se le persone colpite sono resistenti alla terapia farmacologica, può essere presa in considerazione una procedura chirurgica (chirurgia dell'epilessia) in cui, se noto, l'area cerebrale responsabile delle convulsioni può essere rimossa.

Inoltre, sono suggerite misure dietetiche che accompagnano la terapia (dieta chetogenica). Se la sindrome di Alice nel paese delle meraviglie può essere ricondotta all'abuso di alcol, viene indicata l'astinenza da alcol. Inoltre, le misure psicoterapeutiche supportano le persone colpite non solo in termini di trattamento della malattia di base, ma anche rispetto alla sindrome di Alice nel paese delle meraviglie.

Outlook e previsioni

La sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie è nella maggior parte dei casi una percezione molto disturbata del paziente. Diversi stimoli e informazioni non possono essere elaborati o assegnati correttamente, il che può portare a limitazioni e problemi significativi nella vita quotidiana del paziente. La maggior parte dei pazienti soffre di vertigini o ansia. C'è anche una maggiore sensibilità alla luce e non di rado alle convulsioni epilettiche. Si verificano anche attacchi di emicrania e possono essere accompagnati da una confusione.

Inoltre, i pazienti possono soffrire di allucinazioni, che riducono anche la qualità della vita. Le lamentele spesso portano a disturbi del sonno. Anche i disturbi mentali o la depressione possono rendere più difficile la vita del paziente. Spesso i pazienti dipendono dall'aiuto di altre persone nella loro vita.

Il trattamento della sindrome di Alice nel paese delle meraviglie può essere fatto con l'aiuto di terapie e farmaci. Non è possibile prevedere universalmente se questo conduca a un decorso positivo della malattia. Il consumo di alcol può anche avere un effetto negativo sulla sindrome o addirittura aumentarlo. Allo stesso modo, l'aspettativa di vita può essere ridotta.

prevenzione

Poiché l'esatta patogenesi e l'eziologia della sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie non possono essere chiarite in modo conclusivo, non può essere prevenuta direttamente. Tuttavia, le misure terapeutiche della specifica malattia di base dovrebbero essere seguite in modo coerente per prevenire potenziali convulsioni e quindi una sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie.

post-terapia

La sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie richiede spesso un ampio follow-up. Il motivo di questa scoperta sta nella complessa miscela con altri disturbi mentali. Mentre la sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie spesso scompare nei bambini in età puberale, di solito non è così negli adolescenti e negli adulti.

Qui possono verificarsi disturbi sia fisici che mentali in combinazione con la sindrome di Alice nel paese delle meraviglie. Questi possono includere gravi conseguenze come epilessia, lesioni cerebrali o gravi infezioni virali. Questi hanno bisogno di cure. Devono anche essere monitorati dal punto di vista medico a lungo termine.

Le misure post-terapia nella sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie devono basarsi sui sintomi e sulle conseguenti sequele. Le persone colpite soffrono spesso di gravi disturbi visivi come attacchi di panico o allucinazioni. Anche la percezione dello spazio o del tempo può cambiare. Ciò sconvolge fortemente le persone colpite. Il problema è che non esistono concetti terapeutici efficaci per la sindrome di Alice nel paese delle meraviglie. Di conseguenza, anche il post-trattamento soffre di una mancanza concettuale di fondamenti terapeutici efficaci.

Le misure terapeutiche e di follow-up sono inizialmente dedicate alle malattie sottostanti o alle gravi conseguenze. Altrimenti, il post-trattamento può rimanere solo sintomatico. È medicato. Particolarmente difficile è la cura dei bambini. È solo una piccola consolazione che il bambino affetto spesso subisca la scomparsa spontanea dei disturbi stressanti durante la pubertà.

Puoi farlo tu stesso

Ad oggi, l'esatta patogenesi e l'eziologia della sindrome di Alice nel paese delle meraviglie non sono state chiarite. Pertanto, i medici non possono dare consigli concreti su come i pazienti possono prevenire efficacemente la sindrome.

In un gran numero di casi, tuttavia, almeno le cause responsabili possono essere trattate preventivamente. Pertanto, l'attenzione è rivolta alla terapia della malattia di base. Per evitare potenziali convulsioni, l'individuo dovrebbe seguire costantemente le misure terapeutiche della singola malattia sottostante.

In termini di prevenzione, dovrebbe essere evitato il consumo eccessivo di alcol o l'uso di droghe. Anche un cambiamento nella dieta è considerato immensamente importante. Per prevenire l'insorgenza della sindrome, i farmaci prescritti devono essere assunti nel ciclo dato.

Se i sintomi sono gravi e acuti, la persona dovrebbe entrare in un ambiente familiare e familiare e, per quanto possibile, essere sedata da una persona familiare. Se non ci sono miglioramenti o se i sintomi peggiorano, un medico può somministrare un sedativo in breve tempo per alleviare o ridurre l'insorgenza dell'attacco.

Tag: 
  • anatomia 
  • neonati e bambini 
  • trattamenti 
  • cosmetici e benessere 
  • droga 
  • Top