• Monday July 6,2020

colestiramina

Poiché la colestiramina è chiamata un inibitore del riassorbimento. È usato per trattare l'ipercolesterolemia.

Che cos'è la colestiramina?

La colestiramina è uno stirene, un liquido incolore che ha un odore dolce. Il principio attivo è usato per trattare i disturbi del metabolismo lipidico.

La colestiramina è uno stirene, un liquido incolore che ha un odore dolce. Il principio attivo è usato per trattare i disturbi del metabolismo lipidico. Come macromolecola insolubile in acqua, la colestiramina non può essere catalizzata dagli enzimi del corpo e non è influenzata dal metabolismo.

La colestiramina viene utilizzata soprattutto quando il colesterolo LDL nel sangue raggiunge una concentrazione troppo elevata. Per trattare questo, il paziente deve prima sottoporsi a una dieta. Se ciò non porta al successo sperato, vengono somministrati farmaci per abbassare il colesterolo come le statine. Se anche questi non mostrano alcun effetto, entra in gioco la colestiramina, che è combinata con le statine. Solo se il medico non classifica l'uso delle statine come utile o se non sono ben tollerate dal paziente, la colestiramina verrà somministrata da sola.

Azione farmacologica

La colestiramina è una resina che ha la proprietà di legare l'acqua. Non è solubile in acqua, tuttavia. Poiché il principio attivo non può essere digerito, passa attraverso l'intestino senza cambiamenti. Nel tratto gastrointestinale, la colestiramina catalizza la degradazione mirata degli acidi biliari.

In realtà, la colestiramina è un cloruro di colestiramina. Per questo motivo, a contatto con i sali degli acidi biliari, il cloruro viene scambiato con il resto dell'acido biliare, formando soluzione salina (cloruro di sodio).

Gli acidi biliari sono completamente prodotti dal colesterolo nel fegato. Come parte della digestione, gli acidi biliari entrano nell'intestino. Tuttavia, l'intestino recupera gran parte degli acidi biliari e li trasmette al fegato. Tuttavia, questi acidi biliari sono legati dalla colestiramina, che a sua volta rallenta il loro ritorno. Ciò ha anche effetti sul fegato, che inizia con la mancanza di acidi biliari con la loro nuova produzione. L'organo regola l'enzima colesterolo 7a-idrossilasi. Poiché il fegato produce più acidi biliari attraverso questo processo, porta ad un aumento del consumo di colesterolo. Questo non appare più nel sangue. In questo modo, vi è una diminuzione dei livelli elevati di colesterolo LDL.

Applicazione e uso medici

La colestiramina è usata per trattare l'ipercolesterolemia, che provoca alti livelli di colesterolo nel sangue. Inoltre, il farmaco è adatto per il trattamento della diarrea dovuta a un eccesso di acidi biliari. Anche per il trattamento dell'ittero (ittero) e prurito, a causa di una parziale occlusione del tratto biliare, può essere utilizzata la colestiramina.

La colestiramina è anche usata come strumento diagnostico per la diarrea da colina. Se questo è causato da un intervento chirurgico, il farmaco viene anche usato per trattare la diarrea.

Un'altra area di applicazione è l'interruzione della circolazione enteropatica in caso di avvelenamento da droghe. Pertanto, la colestiramina può eliminare meglio i farmaci che dipendono dalla circolazione enteropatica. Questi includono l'agente digitossina.

L'uso della colestiramina assume la forma di compresse masticabili, polveri e granuli, offerti in commercio. Il paziente prende il farmaco contenente colestiramina per via orale con abbondante acqua.

Rischi ed effetti collaterali

Come con altri farmaci, l'assunzione di colestiramina può essere associata a spiacevoli effetti collaterali. Tuttavia, questi effetti collaterali non sono evidenti in tutti i pazienti. Pertanto, le droghe sono tollerate in modo diverso dall'uomo. Costipazione, gonfiore, perdita di appetito, bruciore di stomaco, nausea, vomito, diarrea e flatulenza sono i più comuni dopo la somministrazione di colestiramina. Raramente, può anche portare a un ridotto apporto di vitamine liposolubili, a una carenza di acido folico nel sangue e al rafforzamento di una feci grasse. Nei pazienti che soffrono di disfunzione renale o nei bambini che hanno un eccesso di cloro, esiste il rischio di acidificazione dell'organismo.

Ci sono anche alcune controindicazioni alla colestiramina. Pertanto, l'agente non deve essere somministrato in caso di ipersensibilità al farmaco, spostamento del dotto biliare o ostruzione intestinale (ileo). Anche in gravidanza, la colestiramina è considerata l'ultima risorsa solo se non esistono altre opzioni di trattamento. La ragione di ciò è la ridotta assunzione di importanti vitamine liposolubili come le vitamine A, D, E e K, che possono avere un impatto negativo sulla salute del bambino. Durante l'allattamento al seno, l'uso della colestiramina è considerato innocuo perché il farmaco non entra nel latte materno. Allo stesso modo, è possibile una terapia per bambini e adolescenti con il farmaco.

La somministrazione di colestiramina può anche provocare interazioni con altri medicinali. Quindi minaccia un'assunzione ridotta o ritardata di questi preparati. Questi includono principalmente l'idroclorotiazide diuretico, il fenobarbitale antiepilettico, il fenilbutazone farmaco antinfiammatorio, gli ormoni tiroidei e la penicillina G e la tetraciclina antibiotici. Si consiglia di prendere questi rimedi solo quattro ore dopo la colestiramina.

Articoli Interessanti

scatto di crescita

scatto di crescita

I primi anni dell'uomo sono caratterizzati da sbalzi di crescita, che si estendono principalmente al periodo tra la nascita e l'ottavo anno di vita. Durante queste spinte il bambino compie significativi passi evolutivi. Che cos'è uno scatto di crescita? I primi anni dell'uomo sono caratterizzati da sbalzi di crescita, che si estendono principalmente al periodo tra la nascita e l'ottavo anno di vita.

diverticolo di Zenker

diverticolo di Zenker

Il diverticolo di uno Zenker è inteso per essere una crescita eccessiva della faringe. Può causare disfagia. Che cos'è un diverticolo Zenker? Si ritiene che il diverticolo dello Zenker sia il diverticolo esofageo, sebbene si trovi sulla faringe (ipofaringe) piuttosto che direttamente nell'esofago. I

zenzero

zenzero

Lo zenzero è conosciuto da noi come una pianta di spezie, ma è anche in medicina una priorità assoluta. Il tubero acuto aiuta con la nausea e il trattamento delle malattie reumatiche. Presenza e coltivazione di zenzero Oggi lo zenzero non è più un alimento base degli scaffali, in particolare la cucina asiatica ama e apprezza il tubero speziato. Lo

benessere

benessere

Il benessere è un termine smagliante: quasi tutti hanno in mente un quadro apparentemente chiaro quando lui (o lei) parla di "benessere", ma in realtà non esiste un significato definito con precisione. Il benessere ha una vasta gamma di contenuti. La sfocatura porta alcuni svantaggi: Troppo veloce e troppo facile può navigare sotto la parola "stile di vita" - senza che quindi sarebbe comunicato qualcosa sulla qualità dei singoli aspetti. Il

Trattamento e prevenzione del morbillo nei bambini

Trattamento e prevenzione del morbillo nei bambini

Non sono mai stato gravemente ammalato, tranne per il morbillo e altre malattie infantili! "I pazienti spesso riferiscono quando intervistati come dottori sulla storia delle loro condizioni attuali: il fatto che nei paesi industrializzati europei ad alta densità, quasi tutti sono già considerati malati Se il bambino sopravvive al morbillo, la malattia può apparire nella memoria dell'individuo come un episodio innocuo con un'interruzione all'asilo o alla frequenza scolastica. N