• Thursday July 9,2020

virus Coxsackie

I virus Coxsackie appartengono al gruppo di enterovirus umani che causano principalmente raffreddori simil-influenzali, meningite virale e infezioni dolorose della bocca e della gola. A causa del loro effetto cardiotropico, la miocardite o la pericardite sono effetti collaterali comuni di questa infezione. Il serbatoio del virus è l'uomo, la trasmissione è fecale-orale o tramite infezione da gocciolina o striscio.

Cos'è il virus Coxsackie?

I virus Coxsackie sono virus sferici e vergini di RNA appartenenti alla famiglia degli enterovirus della famiglia Picornaviridae e sono divisi in due ceppi (A e B). Come tutti gli enterovirus umani, sono relativamente resistenti all'ambiente, il che rende la loro distribuzione relativamente semplice.

I virus Coxsackie si trovano in tutto il mondo e vengono trasmessi direttamente da persona a persona tramite infezione fecale-orale, nonché gocciolina o striscio. La trasmissione indiretta è possibile attraverso oggetti contaminati o alimenti contaminati.

La denominazione risale al luogo Coxsackie vicino a New York, dove il patologo e virologo Gilbert Dalldorf descrisse per la prima volta questi virus nel 1948.

Presenza, distribuzione e caratteristiche

Le persone malate e i portatori di germi espellono i virus Coxsackie attraverso le feci, per cui l'escrezione può durare per diverse settimane. L'infezione si verifica direttamente da persona a persona o indirettamente tramite oggetti contaminati, sui quali i virus possono sopravvivere per un periodo di tempo più lungo. L'infezione è anche possibile con acqua e alimenti contaminati.

Tuttavia, per le persone con un sistema immunitario sano, questi virus rappresentano solo un piccolo pericolo, poiché nel corso del tempo si è verificato un forte adattamento all'ospite del serbatoio umano, creando un grado di immunità.

Il periodo di incubazione è da 7 a 14 giorni, ma è possibile una latenza da 2 a 35 giorni. Le persone sane che entrano in contatto con persone malate possono già essere infettate due o tre giorni prima che la malattia si manifesti in modo evidente. Esiste anche il rischio di infezione per tutta la durata dei sintomi clinici.

I virus Coxsackie sono diffusi in tutto il mondo, ma nei paesi con condizioni di vita socioeconomicamente basse, questi virus sono più diffusi rispetto ai paesi industrializzati altamente sviluppati. Le ragioni principali sono l'acqua contaminata e la scarsa igiene. Alle latitudini con climi temperati, le infezioni da coxsackie si verificano prevalentemente in estate e in autunno. Le opzioni di prevenzione più efficaci sono il lavaggio regolare delle mani e misure di igiene efficienti.

Malattie e lamentele

Come tutti gli enterovirus umani, i virus coxsackie causano principalmente infezioni senza alcuna chiara associazione a determinate malattie, poiché i virus sono in grado di innescare una varietà di sintomi che possono indicare sia l'infezione di coxsackie A che quella di coxsackie B come sintomi sono in gran parte identici per entrambi i tipi di infezione.

Tuttavia, nel sessanta percento delle persone, l'infezione da coxsackie è asintomatica, in quanto non provoca alcun disagio e consente al virus di passare inosservato attraverso le feci. L'erpangina, un'infiammazione della mucosa orale, è associata a febbre alta e sintomi generali simil-influenzali.

Le malattie del tratto respiratorio sono caratterizzate da tosse, mal di gola e tosse irritabile. Le regioni interessate nella faringe sono arrossate e dotate di bolle leggere. Quando esplodono, si formano piccole ulcere rotonde con forma di alone rosso, che guariscono entro 3-4 giorni.

La cosiddetta malattia mano-piede-bocca è evidente dalle vescicole dai bordi rossi sui piedi e sulle mani. Anche la pseudoparalisi, il naso che cola e la stomatite dolorosa intorno alla lingua, al palato e alle gengive indicano un'infezione di tipo A.

Come gli ecovovirus, anche i virus coxsackie hanno un effetto cardiotropico che può causare pericardite e miocardite. Un altro effetto collaterale è la mialgia epidemica, che provoca dolore al torace, alla pleura e all'addome superiore. È anche conosciuta come la malattia di Bornholm. L'inizio della malattia si verifica improvvisamente e diventa evidente con febbre, brividi, vomito, nausea e diarrea. Può portare a mancanza di respiro, tendenza al collasso e mal di testa.

Le malattie meno comuni includono pancreatite, infiammazione testicolare e congiuntivite. Entrambi i tipi di virus possono causare diabete mellito di tipo 1. Nei neonati, sono possibili gravi malattie sistemiche come palpitazioni, blu, dispnea, pericardite e miocardite.

Il rilevamento di agenti patogeni viene effettuato mediante esame delle feci, lavaggio faringeo, tampone congiuntivale (tampone congiuntivale) e liquido cerebrospinale. Una diagnosi differenziale deve essere fatta in relazione a diverse malattie associate a sintomi simili all'infezione da virus Coxsackie. Questi includono infezioni da arbovirus, meningite dopo infezione da altri enterovirus, infiammazione della mucosa orale, febbre ghiandolare, appendicite e pancreatite.

Altre malattie con sintomi simili includono reumatismi, infiammazione della cistifellea, malattia da ecovirus, lombaggine, meningite tubercolare, polmonite e varie malattie cardiache. Per i sintomi dolorosi che durano più di due giorni, consultare un medico per non ritardare l'infezione da virus e escludere malattie simili.

La terapia si svolge con analgesici e antipiretici. In caso di malattia complicata, il medico prescrive preparazioni gamma globiniche. Queste sono immunoglobuline (anticorpi), che agiscono principalmente contro batteri e virus. Preferibilmente, questi anticorpi sono preparati da sieri convalescenti. Questi sieri del sangue sono ottenuti da persone che hanno appena attraversato una malattia infettiva e il cui sangue ha gli anticorpi necessari per un trattamento efficace. Questo trattamento consente l'immunizzazione passiva del paziente.

Una terapia concomitante di supporto può essere eseguita con i rimedi omeopatici Mercurius corrsivus, Acidum muriaticum e Rhus toxicodendron. Questi rimedi associati agiscono contro eruzioni cutanee e vesciche dolorose e arrossamenti nella gola e nella gola.


Articoli Interessanti

ritenzione idrica

ritenzione idrica

Nella ritenzione idrica o nell'accumulo di acqua (med. Edema, idropisia, idrope) si gonfiano di solito gambe, piedi, braccia o mani da liquidi. L'edema è principalmente il risultato di malattie come malattie cardiache o epatiche. Normalmente, questo edema non fa male, ma dovrebbe essere esaminato dal medico per le loro cause.

meccanismo di feedback ultrashort

meccanismo di feedback ultrashort

Il meccanismo di feedback ultracorto è un ciclo di secrezione endocrina nelle ghiandole autocrine e paracrine. Un ormone inibisce il proprio rilascio in questo ciclo senza passaggi intermedi o altri ormoni. Le disregolazioni nel meccanismo di ultra-feedback possono essere causate da malattie come la malattia di Graves.

linfopenia

linfopenia

I linfociti, che sono essi stessi suddivisi in una varietà di manifestazioni con ruoli diversi, sono un sottoinsieme di leucociti: con poche eccezioni, fanno parte del sistema immunitario acquisito e la loro proporzione relativa di leucociti totali è in genere dal 25 al 45 percento dei leucociti, Se la proporzione relativa o il numero assoluto scende al di sotto di un determinato valore, è presente la linfopenia. C

aneurisma parete cardiaca

aneurisma parete cardiaca

L'aneurisma della parete cardiaca (aneurisma ventricolare) si riferisce a un rigonfiamento formato sulla parete del cuore. L'aneurisma della parete cardiaca si verifica prevalentemente nel ventricolo sinistro. L'aneurisma della parete cardiaca non è una malattia classica; è principalmente una delle complicazioni tardive dopo un infarto.

aerofagia

aerofagia

L'aerofagia si riferisce a un eccesso di aria nel tratto gastrointestinale. Di norma, quando si parla, si mangia o si beve, l'aria entra sempre nel tratto digestivo, ma nel caso della malattia aerofagica, la quantità di aria ingerita è così grande da causare gonfiore, dolore addominale e rigurgito eccessivo. C

La sindrome di Hermansky-Pudlak

La sindrome di Hermansky-Pudlak

La sindrome di Hermansky-Pudlak è una malattia ereditaria molto rara. La malattia è spesso indicata con l'abbreviazione HPS. La sindrome di Hermansky-Pudlak è caratterizzata dal fatto che le persone colpite soffrono principalmente di disturbi tipici e anomalie della pelle. Cos'è la sindrome di Hermansky-Pudlak? No