• Monday July 6,2020

Crura cerebri

Le crura cerebri formano le due cosce cerebrali e fanno parte del mesencefalo e contengono fibre della capsula interna, attraverso le quali i tratti nervosi provenienti da varie aree del cervello tirano principalmente verso il ponte (ponte). Ad esempio, il danno a queste fibre nervose può verificarsi come parte di un ictus e portare a sintomi caratteristici come l'emiplegia.

Cos'è la crura cerebri?

Le crura cerebri o le cosce del cervello fanno parte del mesencefalo, dove giacciono alla base nella parte anteriore. Alla crura cerebri confina con la sostantia nigra, che è un'area centrale nel cappuccio del mesencefalo e per il loro contenuto di melanina e ferro ha un colore nero.

La demarcazione tra la crura cerebri e altre strutture cerebrali bilaterali, il pedunculi cerebri, non è chiara. Gli esperti si riferiscono quindi solo ai peduncoli cerebrali o ai peduncoli cerebrali, a cui sono riassunti le cosce cerebrali e il cappuccio del mesencefalo (Tegmentum mesencephali). Tra i pedicelli cerebrali c'è la fossa interpeduncolare, che è una fossa. Si trova nel mezzo e separa quindi il Pedunculi cerebri e quindi anche il Crura cerebri l'uno dall'altro.

Altri solchi li separano dal resto del tessuto circostante. Il mesencefalo in ciascun emisfero oltre al crus cerebri e il cappuccio del mesencefalo (Tegmentum mesencephali) comprende anche il tetto del mesencefalo (Tectum mesencephali).

Anatomia e costruzione

Il nervo oculomotore, che si trova tra le due cosce cerebrali, esce dalla fossa interpeduncolare. Questo tratto nervoso costituisce il III. Nervo cranico ed è responsabile di vari movimenti oculari.

Inoltre, attraverso le fibre nervose crura cerebri che appartengono alla capsula interna e trasportano informazioni da altre aree del cervello nella direzione del tronco encefalico. La fisiologia distingue cinque diverse fibre (fibrae) nel crura cerebri. I fasci Arnold o Fibrae frontopontinae corrono dal lobo frontale attraverso la Capsula interna e la Crura cerebri fino al ponte (Pons); i corticonucleari della fibra trasportano informazioni dalla corteccia motoria attraverso la capsula interna al tronco encefalico.

Nella capsula interna, il tratto piramidale introduce le fibre corticospinali, che trasmettono anche comandi motori - noto anche come tratto piramidale. Oltre alla capsula interna delle cosce del cervello includono i fasci di Türck (Fibrae temporopontinae), che si estendono dal lobo temporale sulla crura cerebri al ponte, e la Fibrae parietopontinae.

Funzione e compiti

Il compito della crura cerebri è legato soprattutto ai tratti nervosi che lo attraversano. Ogni Crus cerebri trasmette attraverso le sue varie fibre prevalentemente segnali nervosi motori, che innescano movimenti arbitrari. Il risultato è il comando per la contrazione muscolare in uno dei centri di controllo motorio del cervello; la maggior parte di essi si trova nella corteccia motoria del cervello.

Quando sorge un segnale neuronale, si diffonde come potenziale d'azione sulle fibre nervose dei neuroni. Le fibre nervose sono estensioni filiformi delle cellule. Sulle tracce naturali, i segnali attraversano il cervello e il mesencefalo, che contiene anche la crura cerebri. Da lì, passano nel ponte adiacente, che si trova tra il mesencefalo e il midollo allungato. Tuttavia, affinché il potenziale d'azione scateni una risposta muscolare, deve essere trasportato ulteriormente attraverso il midollo spinale.

I nervi spinali si diramano dal midollo spinale e formano quindi la transizione verso il sistema nervoso periferico. Infine, il segnale motorio raggiunge il paziente attraverso altri nervi che attraversano tutto il corpo.In una piastra terminale del motore, la fibra nervosa irrita il muscolo innervato e lo fa accorciare (contrarsi) o rilassarsi. Il risultato è un movimento consapevole.

malattie

I danni ai tratti nervosi che attraversano la crura cerebri, ad esempio, possono essere dovuti a un ictus. L'ictus ischemico è caratterizzato da un disturbo circolatorio che porta a una carenza delle aree cerebrali interessate. Responsabile di ciò è ad esempio un trombo o un'embolia.

In entrambi i casi, inizialmente si forma un coagulo all'interno di un vaso sanguigno nel corpo umano. Questo cosiddetto trombo può eventualmente restringere il vaso sanguigno in modo che sia presente una chiusura completa. Tuttavia, può anche staccarsi e camminare con il flusso sanguigno fino a quando non si blocca a un collo di bottiglia. In questo caso, la medicina parla di embolia. Se il cervello è colpito, si tratta di un ictus. A seconda delle aree cerebrali interessate, possono insorgere diversi segni di malattia.

I sintomi tipici includono emiparesi o paralisi di un solo braccio o gamba, disturbi del linguaggio e della deglutizione, perdita di coscienza, nausea, vomito, vertigini, disturbi del riflesso di Babinski, amnesia, varie anomalie cognitive o neuropsicologiche, mezza cecità ( Emianopsia) e numerosi altri fenomeni. I medici di solito usano la tomografia computerizzata (CT) per creare un'immagine del cervello per confermare l'ictus e determinare quali aree del cervello sono interessate.

Le prime misure sono prese al più presto per limitare la morte di altre cellule nervose. Circa il 60% di tutti i pazienti con ictus sopravvive a un ictus e l'anno successivo. A medio e lungo termine, il trattamento post-ictus comprende estese terapie, che spesso coinvolgono non solo misure farmacologiche e di altro tipo, ma anche neuropsicologia, fisioterapia, logopedia, occupazione e altri mezzi.

I fattori di rischio che possono contribuire all'ictus includono sesso maschile, età avanzata, ipertensione, fumo, disturbi del metabolismo lipidico, inattività fisica, diabete mellito, aritmia cardiaca e predisposizione genetica.


Articoli Interessanti

scatto di crescita

scatto di crescita

I primi anni dell'uomo sono caratterizzati da sbalzi di crescita, che si estendono principalmente al periodo tra la nascita e l'ottavo anno di vita. Durante queste spinte il bambino compie significativi passi evolutivi. Che cos'è uno scatto di crescita? I primi anni dell'uomo sono caratterizzati da sbalzi di crescita, che si estendono principalmente al periodo tra la nascita e l'ottavo anno di vita.

diverticolo di Zenker

diverticolo di Zenker

Il diverticolo di uno Zenker è inteso per essere una crescita eccessiva della faringe. Può causare disfagia. Che cos'è un diverticolo Zenker? Si ritiene che il diverticolo dello Zenker sia il diverticolo esofageo, sebbene si trovi sulla faringe (ipofaringe) piuttosto che direttamente nell'esofago. I

zenzero

zenzero

Lo zenzero è conosciuto da noi come una pianta di spezie, ma è anche in medicina una priorità assoluta. Il tubero acuto aiuta con la nausea e il trattamento delle malattie reumatiche. Presenza e coltivazione di zenzero Oggi lo zenzero non è più un alimento base degli scaffali, in particolare la cucina asiatica ama e apprezza il tubero speziato. Lo

benessere

benessere

Il benessere è un termine smagliante: quasi tutti hanno in mente un quadro apparentemente chiaro quando lui (o lei) parla di "benessere", ma in realtà non esiste un significato definito con precisione. Il benessere ha una vasta gamma di contenuti. La sfocatura porta alcuni svantaggi: Troppo veloce e troppo facile può navigare sotto la parola "stile di vita" - senza che quindi sarebbe comunicato qualcosa sulla qualità dei singoli aspetti. Il

Trattamento e prevenzione del morbillo nei bambini

Trattamento e prevenzione del morbillo nei bambini

Non sono mai stato gravemente ammalato, tranne per il morbillo e altre malattie infantili! "I pazienti spesso riferiscono quando intervistati come dottori sulla storia delle loro condizioni attuali: il fatto che nei paesi industrializzati europei ad alta densità, quasi tutti sono già considerati malati Se il bambino sopravvive al morbillo, la malattia può apparire nella memoria dell'individuo come un episodio innocuo con un'interruzione all'asilo o alla frequenza scolastica. N