Il fungo intestinale è un segmento naturale dell'intestino umano e si presenta in quantità moderate nella flora intestinale. Di norma, il fungo non provoca disagio. Tuttavia, se c'è un forte aumento di Candida albicans, è inevitabile un trattamento medico.

Cos'è un fungo intestinale?

I funghi intestinali possono esprimersi attraverso una serie di sintomi e lamentele. Tipici della malattia sono improvvisi problemi digestivi, che sono spesso accompagnati da flatulenza, sensazione di pienezza e crampi addominali.
© timonina - stock.adobe.com

La diffusione di uno o più tipi di funghi nell'area intestinale viene definita fungo intestinale. Principalmente è il fungo di lievito Candida albicans. I funghi convertono i carboidrati assorbiti dalla dieta in anidride carbonica e alcoli fusoli.

I gas causati dal processo di fermentazione spesso causano gonfiore e gonfiore, nonché forti dolori intestinali. Se l'intestino è esposto agli alcoli di fusel più a lungo, può persino danneggiare il fegato. Il fungo intestinale dipende dalle mucose degli esseri umani e da quelle di altri animali a sangue caldo. L'infezione viene trasmessa attraverso il contatto fisico diretto come lo scambio di saliva o il rapporto sessuale da persona a persona.

Le persone sane con un forte sistema immunitario di solito non danneggiano i lieviti. Per lo più persone già indebolite o malate vengono infettate. I funghi si depositano principalmente in luoghi caldi e umidi. Pertanto, le nicchie dell'intestino forniscono condizioni di vita ottimali per il fungo intestinale.

cause

Le cause delle malattie fungine sono molte. Tuttavia, sono spesso principalmente legati ad errori nutrizionali. L'elevato consumo di prodotti dolciari e di farina bianca può portare a un aumento significativo dell'infestazione. Oltre allo zucchero, la nicotina e l'abuso di alcol, droghe o farmaci possono essere una causa.

La mancanza di esercizio fisico e lo stress in corso contribuiscono anche all'infezione fungina. Altri gruppi a rischio includono pazienti affetti da cancro e AIDS, diabetici, anziani e donne che usano la pillola ormonale. Inoltre, l'uso frequente di farmaci come il cortisone e gli antibiotici, nonché varie tossine ambientali come la formaldeide indeboliscono il sistema immunitario e contribuiscono così alla diffusione dei funghi.

Anche i funghi della muffa in casa o negli alimenti e un disturbo acido-base nel corpo favoriscono la proliferazione dei funghi. Questi sono solo alcuni dei fattori che contribuiscono all'indebolimento delle difese dell'organismo e favoriscono quindi la crescita del fungo.

Sintomi, reclami e segni

I funghi intestinali possono esprimersi attraverso una serie di sintomi e lamentele. Tipici della malattia sono improvvisi problemi digestivi, che sono spesso accompagnati da flatulenza, sensazione di pienezza e crampi addominali. Può anche portare a dolori addominali, nausea e vomito. Occasionalmente, i Candidi esprimono diarrea e costipazione, che di solito si verificano in alternanza e aumentano di intensità con il progredire della malattia.

Inoltre, si verificano affaticamento e affaticamento, accompagnati da un graduale calo delle prestazioni e vertigini. Può anche causare prurito nell'area genitale, specialmente nella regione anale. Nelle donne, un fungo intestinale può causare prurito nella zona vaginale.

In assenza di trattamento può portare a disturbi gastrointestinali cronici nel corso di una malattia del fungo intestinale. Parallelamente, i malati avvertono un crescente senso di malattia e un disagio fisico. A volte sorgono anche disturbi psicologici. Pertanto, in particolare un fungo intestinale non riconosciuto può causare stati d'animo e paure depressivi.

In casi isolati si tratta di attacchi di panico e concomitanti a sudorazione e disturbi cardiovascolari. Tuttavia, i Candidi possono essere rapidamente identificati e trattati sulla base di questi sintomi e lamentele. La terapia precoce previene le complicanze e, nella maggior parte dei casi, determina un rapido miglioramento dei sintomi.

Diagnosi e storia

Esistono diversi modi per diagnosticare il fungo intestinale. Tuttavia, è necessario prestare attenzione perché i sintomi non sono specifici e potrebbero avere altre cause. Se il disagio si verifica dopo aver mangiato dolci o diarrea e costipazione, in ogni caso è consigliabile la visita di un medico.

Il prurito all'uscita intestinale, l'intolleranza all'alcol, i cambiamenti della pelle e il dolore articolare possono anche essere indicatori di aumento delle infezioni fungine. I pazienti soffrono anche di emicrania, disturbi del sonno, depressione, cambiamenti della pelle o problemi articolari. Se una sospetta micosi intestinale è vicina, un campione di feci può essere illuminante.

Tuttavia, il risultato sarà falsificato a meno che i campioni non vengano prelevati direttamente dai nidi nella parete intestinale. Ulteriori misure per la diagnosi sono un esame del sangue o un campione di saliva, per cui anche questi metodi non sempre portano a risultati chiari. Diagnosi davvero sicure sono possibili solo attraverso esami microscopici e l'individuazione indiretta dei prodotti metabolici da parte del fungo.

complicazioni

Un fungo intestinale non provoca alcun disagio o complicazioni in una persona sana. Tuttavia, sembra un po 'diverso quando il fungo inizia a moltiplicarsi. Se il fungo intestinale inizia a moltiplicarsi, possono insorgere numerose complicazioni, che possono anche essere valutate e trattate da un medico.

Una condizione molto comune che può essere causata da un fungo intestinale è un comune raffreddore associato alla diarrea acquosa. Coloro che lasciano questa malattia senza alcun trattamento, corrono un rischio molto grande. Senza un trattamento adeguato e le giuste medicine, i singoli quadri clinici possono peggiorare. Per questo motivo, una visita dal medico è molto importante.

Solo allora i sintomi emergenti possono essere riconosciuti in modo tempestivo ed efficacemente trattati. Coloro che si astengono da esso avranno particolari complicazioni con la diarrea esistente. C'è una significativa perdita di liquidi, quindi può anche causare gravi problemi circolatori. Solo con un'assunzione di liquidi sufficiente questa complicazione può essere efficacemente contrastata.

Pertanto, un fungo intestinale è completamente normale in quantità limitata. Tuttavia, se questo fungo prolifera molto rapidamente in breve tempo, possono verificarsi varie complicazioni. Può venire a diversi sintomi del raffreddore, febbre, prurito, pienezza o persino disturbi del sonno. Coloro che vogliono evitare queste complicazioni dovrebbero cercare un trattamento medico precoce.

Quando dovresti andare dal dottore?

Nelle persone sane, un fungo intestinale spesso non provoca disagio. Sintomi come diarrea, costipazione, gonfiore, eruzione cutanea o grave stanchezza possono essere un segno che il sistema immunitario si è indebolito e che i funghi nell'intestino potrebbero moltiplicarsi in modo massiccio.

Fai dei rimedi casalinghi come la "fame" dei funghi attraverso una dieta a basso contenuto di carboidrati e bevendo succo di crauti o tisane che agiscono con tisane non efficaci, dovrebbe essere visitato il medico di famiglia. Un semplice esame delle feci può già chiarire l'estensione dell'infestazione da funghi, in caso di accertamento poco chiaro potrebbe essere un rinvio all'internista o all'allergologo.

Inoltre, dovrebbe essere studiata la causa principale dell'immunodeficienza: potrebbe nascondere una malattia virale finora non riconosciuta o una malattia tumorale dietro di essa. In alcune malattie croniche, come il diabete mellito, esiste un aumentato rischio di abuso di funghi intestinali, nonché in gravidanza.

La rapida insorgenza del trattamento può generalmente prevenire un'ulteriore diffusione e complicanze associate. Le donne che soffrono spesso di mughetto vaginale dovrebbero anche chiedere chiarimenti sul fatto che la malattia ricorrente sia dovuta a infezione fungina nell'intestino. Se il fungo intestinale diventa evidente durante o dopo la terapia con antibiotici o cortisone, può essere utile una pulizia del colon assistita da un medico.

Terapia e terapia

Il fungo intestinale viene solitamente combattuto con una coltura di funghi o un agente antifungino come la nistatina o il fluconazolo. Allo stesso tempo, è importante rafforzare nuovamente il sistema immunitario indebolito. Qui, una terapia microbiologica può contribuire al recupero. Questo attiva la difesa del corpo attraverso i germi intestinali e un vaccino speciale e rigenera la flora intestinale.

Inoltre, è essenziale rimuovere costantemente i nutrienti dai lieviti e seguire una rigorosa dieta antifungina per almeno quattro settimane. La base di ciò è la rinuncia a zucchero, dolci di qualsiasi forma, prodotti a base di farina bianca e alcool. Anche con la frutta dolce è dovuta alla cautela del contenuto di zucchero.

D'altra parte, grandi quantità di verdure e insalata, nonché prodotti integrali di alta qualità hanno un effetto positivo. Questa dieta equilibrata è ricca di fibre e non solo rafforza le difese naturali del corpo, ma purifica il corpo e stimola allo stesso tempo il movimento intestinale. Questa nutrizione è completa e porta a un successo a lungo termine, a condizione che sia costantemente e permanentemente mantenuta.

Outlook e previsioni

Nella maggior parte dei pazienti, il fungo intestinale ha una prognosi favorevole. Con un trattamento farmacologico si arriva in pochi giorni o settimane per alleviare i sintomi. Quanto più forte e stabile è il sistema immunitario del paziente, tanto più breve sarà la cura. Con una dieta equilibrata e sana, anche la prognosi migliora.

Per un lievito, si raccomanda una dieta speciale. Ciò porta in poche settimane a un indebolimento dei sintomi e al successivo recupero del paziente. Il consumo di zucchero, farina di frumento, dolci e alcolici dovrebbe essere evitato per prevenire il deterioramento o la diffusione del fungo.

L'assunzione di verdure e cereali integrali dovrebbe essere aumentata contemporaneamente. Per almeno quattro settimane, la dieta deve essere costantemente mantenuta affinché avvenga una cura. Nella maggior parte dei casi, la dieta antifungina è necessaria per 6-12 settimane.

Con un fungo intestinale può tornare in qualsiasi momento a una ricaduta. Ciò è particolarmente vero se le cause non vengono combattute o il paziente si espone nuovamente in un ambiente infetto. In una malattia psicosomatica di base, la prognosi è difficile. Il fungo intestinale può arrestarsi bruscamente a lungo se gli stimoli o lo stress mentale non possono essere trovati o trattati.

prevenzione

I lieviti hanno bisogno di un mezzo nutritivo adatto. Con una dieta equilibrata e il più naturale possibile non può nemmeno sorgere. Uno stile di vita sano contrasta la proliferazione patologica del fungo intestinale e allo stesso tempo rafforza il sistema immunitario.

È anche sensato evitare una carenza di nutrienti, come lo zinco, e compensare se necessario con alimenti corrispondenti ricchi. Al fine di evitare il trasferimento del fungo ad altri, è inevitabile un'igiene completa.

Sono indispensabili il cambio regolare di asciugamani e spazzolini da denti, nonché una pulizia accurata di apparecchi ortodontici o protesi. L'infestazione colpisce spesso anche la regione genitale e la bocca, motivo per cui nel caso di una partnership, entrambi i partner vengono sempre trattati.

post-terapia

Al fine di garantire il successo terapeutico a lungo termine di un trattamento antisettico, è di solito essenziale che la dieta antifungina, che faceva già parte del trattamento, continui per un periodo di tempo più lungo, almeno per dodici settimane. Gli interessati devono prestare attenzione durante questo periodo a non creare un nuovo terreno fertile per il fungo intestinale. È quindi importante prestare attenzione a una dieta che si basa prevalentemente su alimenti sani a base vegetale.

Particolarmente consigliati sono cereali integrali, verdure fresche, insalate e frutta a basso contenuto di zucchero. Fonti proteiche adatte sono prodotti di soia, legumi, noci e semi. D'altra parte, è essenziale evitare prodotti a base di farina bianca, zucchero e altri dolcificanti (biologici), dolciumi, in particolare torte, crostate, cioccolatini, barrette di cioccolato e cioccolato.

Inoltre, fai attenzione allo zucchero nascosto nei piatti pronti, nei succhi e nelle bevande a base di latte misto. Gli edulcoranti artificiali sono ammessi in quantità gestibili, ma un'assunzione elevata può causare indigestione e diarrea. Il consumo di yogurt (vegetale) può anche aiutare a mantenere sana la flora intestinale, poiché questi prodotti contengono colture batteriche probiotiche.

È importante rafforzare il sistema immunitario, in modo che non possa tornare a un'eccessiva proliferazione di funghi intestinali. Oltre a una dieta sana e l'astinenza dalla nicotina e l'eccessivo consumo di alcol contribuisce in particolare all'esercizio fisico regolare all'aria aperta.

Puoi farlo tu stesso

Una forte infestazione dell'intestino con lieviti può avere conseguenze pericolose. Se c'è il sospetto di questa condizione, è importante consultare un medico e seguire rigorosamente le sue istruzioni.

Particolare attenzione viene data a un attacco di funghi intestinali alla dieta del paziente. Le persone colpite dovrebbero evitare cibi e bevande zuccherati e prodotti a base di farina bianca. Nocivo non è solo quello generalmente considerato come zucchero industriale raffinato non salutare. In caso di funghi intestinali devono essere dispensati con altri zuccheri come fruttosio, glucosio o maltosio.

Anche la frutta dolce o i succhi di frutta sono considerati controproducenti. I prodotti a base di farina bianca da evitare comprendono, in particolare, pane, panini, toast, baguette e tutti i dolci. I cereali e le patate integrali possono essere consumati in quantità moderate. Al centro della dieta, tuttavia, l'insalata e le verdure dovrebbero rimanere soprattutto fino a quando i lieviti non saranno ridotti. Inoltre, gli alimenti ricchi di fibre, come lo psillio, sono particolarmente utili nella lotta contro i funghi intestinali.

Nella medicina naturale, si raccomanda una cosiddetta riparazione intestinale in caso di eccessiva infezione di lievito. La terapia di solito inizia con un'accurata pulizia dell'intestino mediante sali o clisteri lassativi. Successivamente, con l'aiuto di una dieta adeguata e di preparati probiotici ad alte dosi, viene fatto un tentativo di ricostruire una flora intestinale sana.

Tag: 
  • Malattie 
  • neonati e bambini 
  • sintomi 
  • consulente 
  • hausmittel 
  • Top