Polipi o adenomi intestinali possono insorgere nella mucosa intestinale. Sono protuberanze benigne che di solito non diventano più grandi di pochi millimetri. Solo raramente raggiungono le dimensioni di pochi centimetri. Sebbene inizialmente i polipi intestinali non siano pericolosi, dovrebbero essere esaminati e trattati dal medico, poiché possono anche diventare maligni come escrescenze del tessuto ghiandolare. I reclami di solito si verificano solo quando i polipi intestinali hanno raggiunto una certa dimensione.

Cosa sono i polipi intestinali?

Nella maggior parte dei polipi intestinali i malati non avvertono lamentele o sintomi. Solo quando i polipi sono di dimensioni maggiori possono verificarsi lamentele.
© rob3000 - stock.adobe.com

I polipi del colon, chiamati anche adenomi, sono tra le sporgenze mucose intestinali benigne. Possono essere di dimensioni millimetriche o centimetriche e tra tutti i tumori con il 90% dei tumori benigni. Se si sono sviluppati polipi intestinali, nella maggior parte dei casi il tessuto ghiandolare è invaso e continua a crescere lentamente come un tumore.

I polipi del colon, che continuano a crescere e diventano più grandi per molti anni, possono trasformarsi in tumori maligni. I polipi intestinali possono verificarsi singolarmente o in più e sono variamente attaccati alla mucosa intestinale.

Il tasso di crescita degli adenomi benigni è molto lento con un massimo di un millimetro. Oltre una certa dimensione, i polipi del colon possono diventare carcinomi maligni se non vengono rimossi.

cause

Varie cause sono responsabili dello sviluppo di polipi intestinali, inclusa l'ereditarietà. Inoltre, la dieta è una delle principali cause di polipi intestinali, specialmente nei paesi industrializzati, dove vengono distribuiti di conseguenza. Troppi grassi animali (carne, salsiccia) e troppo poca fibra, obesità, nicotina e alcool favoriscono lo sviluppo di polipi intestinali.

Se i polipi intestinali sono ereditari, la poliposi, la sindrome di Gardner, Cowden e Peutz-Jeghers sono considerate cause. La poliposi è una malattia adenomatosa familiare basata su un difetto genetico. I polipi del colon, che sono causati dalla sindrome di Gardner, trovano la loro causa anche in un difetto genetico e in questi casi scatenano il cancro del colon in quasi tutti i casi.

Polipi intestinali e aumento delle macchie marroni alle estremità e in bocca sono segni della causa della sindrome di Peutz-Jeghers. I polipi intestinali sono ereditari nella sindrome di Cowden e spesso si verificano in relazione alla tiroide e al cancro al seno.

Sintomi, reclami e segni

Nella maggior parte dei polipi intestinali i malati non avvertono lamentele o sintomi. Solo quando i polipi sono di dimensioni maggiori possono verificarsi lamentele. I polipi intestinali più grandi interferiscono con l'attività intestinale, causando irregolarità delle feci. Tipici sono la diarrea e la costipazione, spesso accompagnate da dolori addominali e crampi all'addome.

I polipi intestinali sono occasionalmente evidenti da secrezioni sanguinanti o viscose nelle feci. Lo sgabello diventerà quindi nero o mostrerà altri segni insoliti. Pertanto, può essere molle o addirittura fluido nelle fasi successive, se i polipi intestinali trattengono parti delle feci o impediscono una corretta digestione.

I polipi intestinali possono anche causare una sensazione di pressione nell'intestino. Ciò è particolarmente evidente dopo pasti più grandi e di notte. A lungo termine, i polipi intestinali possono svilupparsi nel cancro del colon. In tal caso, può essere notato dalle persone colpite dall'insolito comportamento della sedia e da una serie di altri sintomi.

Ciò porta a forti dolori addominali e crampi, che sono accompagnati da un crescente senso di malattia. La maggior parte dei malati perde peso e non si sente bene nel complesso. Per evitare un decorso così grave, uno specialista dovrebbe essere consultato al primo segno di polipi intestinali.

diagnosi

I polipi intestinali sono inizialmente completamente insignificanti. Pertanto, invecchiando, un esame intestinale può rivelare se sono presenti polipi del colon. Le persone che soffrono di diarrea, costipazione o più spesso hanno dolori addominali dovrebbero sottoporsi a esami intestinali, poiché ciò può essere una prova di polipi intestinali.

Se si notano sangue e muco nelle feci o le feci sono macchiate di nero, questi possono anche essere segni di polipi intestinali. I polipi intestinali crescono in modo invisibile e si verificano più frequentemente dopo i 50 anni, con le donne meno colpite dai polipi intestinali rispetto agli uomini. Pertanto, sono stati introdotti esami preventivi in ​​Germania, che iniziano come un esame rettale con il dito. Con il sangue nelle feci può essere chiarito con un test di Hämoccult, indipendentemente dalla causa dei polipi intestinali.

complicazioni

I polipi intestinali sono escrescenze benigne nella mucosa intestinale, che inizialmente non causano problemi di salute e di solito vengono scoperti durante il controllo. Crescono per un periodo più lungo senza sintomi riconoscibili. Spesso i pazienti lamentano dolore addominale, nausea e vomito.

Nel corso della malattia, i polipi del colon possono essere associati a varie complicazioni. Al di sopra di una certa dimensione, i polipi intestinali influenzano l'intestino e le sue funzioni associate. Si tratta di ostruire il passaggio delle feci, che può causare ostruzione intestinale. Quando i polipi intestinali sanguinano, la perdita di sangue costante porta ad anemia e vertigini associate.

Ci sono irregolarità delle feci come costipazione, diarrea e sangue e muco nei movimenti intestinali. Di conseguenza, elettroliti e proteine ​​vengono persi. La sedia può anche essere di colore nero. Il più grande pericolo per la salute è che i polipi del colon possano degenerare in carcinomi maligni di una certa dimensione. Tuttavia, questo rischio non si verifica nei polipi non ereditari oltre una certa dimensione e una crescita più lunga.

I polipi intestinali causati geneticamente sono generalmente a maggior rischio di sviluppare il cancro del colon-retto. I polipi intestinali sono in realtà tumori intestinali benigni, che di solito causano solo lievi disagi, purché non persistano per un lungo periodo di tempo. Pertanto, la prognosi è positiva nella maggior parte dei casi. Tuttavia, se i polipi intestinali rimangono non trattati, aumenta il rischio di sviluppare il cancro al colon.

Quando dovresti andare dal dottore?

I sintomi dei polipi intestinali sono molto bassi o in molti casi non presenti. Poiché la loro presenza viene spesso scoperta per caso, ci sono alcune indicazioni concrete che li suggeriscono.

In generale, è necessaria una visita dal medico non appena ci sono disturbi intestinali che si verificano per diversi giorni e non possono essere spiegati da altre malattie. Se compaiono sintomi di diarrea, se si verifica costipazione o se il movimento intestinale viene alterato, consultare un medico.

In caso di sanguinamento, sensazione di pressione nell'addome o malessere generale, si dovrebbe fare una visita dal medico. Se ci sono insoliti disagi nelle pratiche sessuali come il sesso anale, questo è un motivo di preoccupazione che dovrebbe essere chiarito da un medico. Se si tratta di gonfiore nell'addome o sensazione di ispessimento, è necessaria la visita di un medico.

Poiché i polipi intestinali si verificano spesso in combinazione con malattie come il cancro del colon-retto, i controlli dovrebbero essere effettuati il ​​prima possibile in caso di lamentele esistenti. Inoltre, dall'età di 50 anni, è consigliabile effettuare controlli regolari per prevenire il cancro, in modo che possa avvenire una diagnosi precoce.

Se si verifica ripetutamente un movimento intestinale scolorito di colore marrone-nero, deve essere esaminato da un medico. Se si tratta di disturbi della digestione, sensazione di pienezza o suoni intestinali non familiari, è consigliabile anche una visita medica.

Terapia e terapia

I polipi intestinali vengono diagnosticati con colonscopia e se sono più grandi di 5 millimetri, durante la colonscopia già rimossa indolore. A tal fine, viene utilizzato un endoscopio attraverso il quale può essere guidato un piccolo anello, con l'aiuto di polipi intestinali viene separato dalla mucosa intestinale. Successivamente, il tessuto dei polipi intestinali viene esaminato per la sicurezza al fine di escludere tumori maligni.

Nel caso dei polipi intestinali ereditari e nei polipi intestinali grandi viene utilizzata la chirurgia al posto dell'endoscopia. Una volta che i polipi del colon sono stati rilevati e rimossi, è probabile che i polipi del colon vengano ristabiliti dopo alcuni anni. A questo proposito, la terapia dei polipi intestinali è la dieta dei fattori, che promuove lo sviluppo dei polipi intestinali.

Nel caso della formazione di polipi intestinali, il paziente stesso può fare molto per prevenire lo sviluppo di ulteriori tumori intestinali. Una dieta sana ed equilibrata assicura che i polipi intestinali non si presentino nemmeno.

Outlook e previsioni

Normalmente, i polipi intestinali hanno una buona prognosi. Se vengono riconosciuti in tempo utile e rimossi dall'intestino, il recupero e la successiva libertà dai sintomi si verificano entro pochi giorni. Poco dopo la procedura, la cura della ferita sterile è di particolare importanza, poiché i germi possono entrare nell'organismo attraverso le aree aperte.

Il sito di ablazione dei polipi intestinali sanguina e deve essere appositamente protetto in modo che non si verifichino malattie secondarie. I polipi intestinali possono rieducare se stessi in qualsiasi momento. Pertanto, controlli regolari sono importanti per mantenere una buona salute. Sei mesi dopo la rimozione dei polipi intestinali, viene eseguito il primo test emocculto. Una volta che è senza risultati, ogni tre anni viene eseguito un nuovo test a fini di controllo.

Alla manifestazione di nuovi polipi intestinali a una rimozione prematura viene nuovamente data una buona prognosi. La prospettiva di un decorso favorevole cambia non appena i polipi intestinali non vengono rilevati e rimangono nell'intestino per diversi anni.

Dopo circa 5-10 anni, i polipi possono mutare nell'intestino. Passano da un tumore intestinale benigno in molti pazienti a un tumore maligno. Questa è una condizione pericolosa per la vita della persona colpita. Il rischio di cancro del colon-retto aumenta con la dimensione del polipo. Questo è promosso con una dieta malsana.

post-terapia

Se i polipi intestinali sono stati completamente rimossi, si consiglia di seguire i polipi in base al rischio individuale del paziente (malattie concomitanti, diverticolosi, stress familiare, esame istologico). Ad esempio, se sono stati rimossi piccoli polipi non neoplastici, si consiglia una colonscopia di controllo ogni dieci anni e da tre a dieci polipi rimossi dovrebbero essere visitati dopo tre anni.

Se sono stati rimossi più di 10 polipi, vengono prima attentamente monitorati ogni 2-6 mesi, seguiti da una colonscopia ogni 3-5 anni. Lo scopo degli esami di follow-up è identificare e riguadagnare la crescita il prima possibile. Se dopo il trattamento si verificano sintomi come cambiamenti nei movimenti intestinali, sangue nelle feci, dolore o perdita di peso, consultare immediatamente un medico.

Nel caso normale, i pazienti vengono informati dal medico curante dopo la rimozione dei polipi in merito alle misure o alle terapie eseguite o alle terapie che continuano a sembrare necessarie. Ulteriori controlli ed esami di follow-up possono quindi essere organizzati con un gastroenterologo residente vicino al luogo di residenza. Inoltre, un esame di follow-up offre l'opportunità di affrontare eventuali problemi o domande a uno specialista.

Puoi farlo tu stesso

Una dieta e uno stile di vita sani hanno un'influenza positiva sullo sviluppo e sulla frequenza dei polipi intestinali. I pasti dovrebbero essere equilibrati e ricchi di fibre. È utile se si evita l'assunzione di grassi o irritanti non necessari, come peperoncino o additivi piccanti.

Inoltre, dovrebbe essere evitata l'assunzione di tossine come nicotina o alcool. Riposo sufficiente, riduzione dello stress, attività sportive regolari e una dieta ricca di vitamine favoriscono il rafforzamento del sistema immunitario. Questo riduce al minimo qualsiasi disagio e il processo di guarigione è supportato.

Inoltre, con un sistema immunitario stabile, la probabilità di polipi intestinali può essere ridotta. Per un buon benessere dell'intestino le purificazioni possono essere eseguite a intervalli più lunghi. Tra i pasti, all'intestino dovrebbe essere sempre concesso il tempo per il processo di elaborazione. Ciò ha un'influenza positiva sulla flora intestinale e quindi ottimizza l'attività intestinale.

Le persone in sovrappeso possono ridurre il proprio peso passando al cibo, migliorando così contemporaneamente il proprio benessere. Al primo segno di problemi con l'intestino, consultare un medico. I polipi sono rilevabili solo durante una colonscopia, quindi è utile se si cerca in anticipo la strada per un medico. Ciò impedisce la propagazione tempestiva in modo incontrollato.

Tag: 
  • dentizione 
  • hausmittel 
  • consulente 
  • parassita 
  • valori di laboratorio 
  • Top