Il termine medico pressione sanguigna si riferisce alla pressione che il sangue esercita sui vasi sanguigni. Tuttavia, le condizioni di pressione non sono affatto identiche in tutte le aree della circolazione sanguigna. Dove il sangue scorre al cuore è l'area della bassa pressione. Nella parte arteriosa, dove il sangue viene pompato nel corpo, si trova l'area ad alta pressione. Nella misurazione normale eseguita di routine, si ottengono sempre due valori significativi. Viene fatta una distinzione tra pressione arteriosa sistolica e diastolica.

Che cos'è la pressione diastolica?

Il valore sistolico deriva dalla contrazione dei muscoli nel ventricolo sinistro. Il sangue viene quindi pompato impulsivamente nell'arteria principale. Il flusso sanguigno verso le arterie coronarie si ferma quasi per una frazione di secondo. La pressione sanguigna nei vasi aumenta brevemente. La pressione massima raggiunta si traduce nel valore superiore. Nella misurazione questo viene sempre chiamato per primo. La gamma standard è di 120 mmHg. ed è sempre significativamente più alto della pressione diastolica.

Solo quando il muscolo cardiaco si rilassa il flusso sanguigno torna in marcia. Ora inizia la fase di diastole. Il ventricolo si riempie di nuovo di sangue dagli atri. Le arterie coronarie sono fornite. La pressione sulle pareti del vaso diminuisce. Questo valore più basso è chiamato pressione arteriosa diastolica, anche pressione residua. L'intervallo normale è compreso tra 80 e 89 mmHg. (Unità di misura: millimetri di mercurio).

Funzione e attività

Una funzione importante della diastole non è solo quella di riempire il cuore di sangue durante questa fase, ma anche di fornire le arterie coronarie o coronarie dopo l'espulsione del sangue. Diastole si alterna regolarmente a sistole. La pressione diastolica non deve essere aumentata in modo permanente, altrimenti si produce un effetto negativo sul sistema coronarico. Fornisce informazioni su quanto bene o male vengono fornite le arterie coronarie.

La pressione diastolica è molto importante in diverse aree. Soprattutto con i giovani, un valore aggiunto è essenziale. Fornisce un'indicazione affidabile del rischio di ipertensione, poiché spesso inizia in giovane età con un aumento unilaterale del valore più basso.

Tuttavia, la pressione arteriosa diastolica non deve essere trascurata in età avanzata. Soprattutto nelle persone con una malattia coronarica, quindi un danno ai vasi sanguigni, questo valore è di grande importanza. La ragione di ciò è che nella fase di bassa pressione i vasi sanguigni devono essere ben riforniti di sangue. Le irregolarità possono portare grandi pericoli qui. Ad esempio, se la pressione diastolica è troppo alta, il rischio di una pericolosa eruzione dell'aorta può aumentare.

Anche il rapporto tra i valori di pressione sanguigna superiore e inferiore può essere importante. Maggiore è la differenza tra il valore sistolico e diastolico, più pericolose sono le conseguenze sulla salute. Una differenza di pressione eccessiva aumenta il carico sulle navi e aumenta il rischio di insufficienza cardiaca cronica.

Malattie e lamentele

È chiaro che sia una pressione arteriosa diastolica permanentemente elevata, sia un valore sistolico troppo elevato possono portare a indurimento e danni alle arterie. Questi cambiamenti impediscono il flusso sanguigno e, nel peggiore dei casi, finiscono con un infarto. L'ipertensione è una malattia diffusa, che è significativamente migliorata da condizioni di vita malsane, obesità, stress, esercizio fisico insufficiente e molti altri fattori. Una predisposizione genetica può anche essere presente. L'ipertensione contribuisce in modo significativo allo sviluppo di malattie cardiovascolari.

Contrariamente alla bassa pressione sanguigna, che è scomoda ma difficilmente pericolosa, i sintomi troppo alti possono portare rapidamente a sintomi spiacevoli. Possono verificarsi vertigini e affaticamento, la concentrazione diminuisce e le navi sono permanentemente sovraccaricate.

Altre lamentele poco chiare possono essere visione offuscata e mal di testa che si verificano soprattutto al mattino. Se sei a corto di fiato dopo uno sforzo o hai persino un'aritmia cardiaca, questo è un segno che il corpo non sta ricevendo abbastanza ossigeno e sangue. Tutti questi sintomi possono essere scatenati dall'ipertensione.

Se i valori diastolici aumentati non vengono trattati, si sviluppa l'arteriosclerosi e le pareti dei vasi si addensano. Riducendo il diametro dei vasi sanguigni, il volume del sangue viene ridotto. Questo può portare a vari problemi di salute. Tra l'altro, l'escrezione idrica dei reni è ridotta. Un aumento permanente può anche danneggiare le navi negli occhi e nel cervello. Se le arterie coronarie sono colpite, potrebbe esserci una tensione al torace, che in ogni caso deve essere considerata come un segnale di allarme.

In generale, quando si misura la pressione sanguigna, il valore diastolico non deve superare 90 mmHg. Dal punto di vista medico e scientifico, entrambi i valori della pressione sanguigna hanno la stessa importanza. Per la maggior parte dei pazienti con ipertensione diagnosticata, entrambi i valori sono elevati. Un trattamento è essenziale. Se solo il valore più basso è al di sopra dell'intervallo normale, un'altra causa potrebbe essere la causa.

Tag: 
  • droga 
  • processi corporei 
  • piante medicinali 
  • Malattie 
  • Cibo 
  • Top