Un soffio di ascesso, pus o vescica è un accumulo incapsulato di pus nel tessuto. Ciò può causare infiammazione nei tessuti durante il corso. Le vesciche di pus sono generalmente causate da infiammazione dovuta a corpi estranei o batteri. Gli ascessi o le bolle di pus devono sempre essere esaminati dal medico. L'auto-trattamento mediante espressioni del pus non è raccomandato.

Che cos'è un pus?

Le vesciche di pus non devono essere forate da sole, poiché potrebbero altrimenti essere accese dai germi. Una vescica già aperta dovrebbe essere coperta da un cerotto blister.

Le bolle di pus, chiamate anche ascessi, sono vesciche piccole o grandi che sono piene di pus. Questo si manifesta o scoppiando le bolle di pus o aprendo manualmente tale bolla. Un precursore di bolle di pus può talvolta essere vesciche d'acqua, la cui secrezione della ferita può anche causare pus mentre la malattia progredisce.

Il pus è noto per essere un segno di infiammazione. Per questo motivo, è consigliabile consultare un medico il più presto possibile se vengono rilevate vesciche di pus sulla pelle. Ma le vesciche di pus possono verificarsi non solo sulla pelle, ma anche sulle gengive e sulle mucose. Inoltre sono possibili sviluppi nelle bolle di sangue.

cause

Esistono numerose possibili cause di bolle di pus o ascessi. Alcune punture di insetti possono causare vesciche di pus. Tuttavia, la causa più comune delle vesciche di pus è l'infiammazione della pelle o delle gengive, che non guarisce correttamente. Anche le ustioni della superficie della pelle o delle gengive possono portare nel peggiore dei casi a bolle di pus, che a volte sono abbastanza dolorose.

Un'altra causa molto comune di bolle di pus sono anche le infezioni fungine o l'eczema della pelle. La maggior parte di questi cambiamenti della pelle si verificano tra le dita dei piedi o delle dita. Di solito si tratta prima di acqua più piccola e bolle di pus e poi di una desquamazione della superficie della pelle.

Le vesciche esofagee sulla carne di solito derivano dalla gengivite o sono il risultato della sua combustione, ad esempio cibi o bevande troppo caldi. La vera causa delle bolle di pus può essere chiarita solo dal medico, a meno che la causa non sia nota in anticipo. Le vesciche di pus, qualunque sia la loro causa, sono sempre un segno serio che non dovrebbe essere ignorato.

Malattie con questo sintomo

  • antrace
  • ascesso cerebrale
  • herpes labiale
  • acne
  • rosacea
  • eczema

diagnosi differenziale

Gli ascessi cutanei di solito non sono confusi, poiché i sintomi sono generalmente chiari. Malattie simili possono quindi essere escluse.

complicazioni

Se le vesciche di pus vengono trattate in modo improprio o non adeguato, potrebbero esserci fistole, infezioni e altre complicazioni. Gli ascessi e le vesciche di pus, che non sono forate, possono rompersi e svuotarsi nelle cavità del corpo e negli organi cavi o invadere il flusso sanguigno. Gli ascessi d'organo, le infezioni e, nel peggiore dei casi, la sepsi, cioè l'avvelenamento del sangue, sono il risultato e, in casi estremi, portano alla morte del paziente. Se le vesciche di pus sul viso o sulla mascella si rompono, c'è il rischio che si formi un ascesso cerebrale.

Di conseguenza, può portare ad un aumento della pressione intracranica e, di conseguenza, all'occlusione vascolare e all'infarto cerebrale. In caso di trattamento precoce delle bolle di pus di solito non minacciano complicazioni permanenti. Nel corso del processo di recupero, che può protrarsi per diverse settimane, causa principalmente un trattamento antigienico della ferita, poiché questi agenti patogeni possono penetrare nell'ascesso esistente.

Se il patogeno penetra quindi in altre parti del corpo, si sviluppano ulteriori bolle di pus interne ed esterne e infezioni. Altre complicazioni includono sanguinamento dopo l'apertura del pus, reinfezione, fistole e cicatrici dei tessuti. Se l'ano è interessato, si aggiungono dolore intenso e un movimento intestinale difficile, con bolle di pus sotto le ascelle, a causa della concentrazione batterica sotto l'ascella spesso dolore e talvolta infezioni gravi.

Quando dovresti andare dal dottore?

L'effervescenza è un accumulo incapsulato di pus nel tessuto corporeo. Sono anche comuni tra i termini pus e ascesso. Le vesciche di pus possono verificarsi ovunque e nel corpo, sulla superficie della pelle e nel cervello. Le cause delle bolle di pus sono causate da infiammazione di batteri o corpi estranei. Anche se la tentazione è grande: le bolle di pus visibili non devono mai essere trattate da sole, ad esempio dalle espressioni. Le bolle di pus appartengono esclusivamente al trattamento di un medico.

La visita del medico deve essere effettuata il più presto possibile con bolle di pus. Da un lato, è importante trovare la causa, dall'altro il pus significa sempre un notevole rischio per la salute. Le cause delle bolle di pus sono numerose. Innanzitutto sono la pelle e la gengivite. L'eczema e le infezioni fungine sono ulteriori fattori scatenanti per un pus o un ascesso. L'acne e l'herpes labiale sono anche caratterizzati da pustole.

Una presentazione troppo tardi dal medico può complicare il corso degli eventi causati dal pus. Una pustola può causare una fistola o addirittura avvelenamento del sangue. L'ascesso nel cervello è principalmente dovuto al fatto che nell'area della testa, localizzata bolle di pus - ad esempio, sulla mascella o sul viso - si aprono e superano i loro patogeni la barriera emato-encefalica. Ci sono altri rischi. Riepilogo: in caso di bolle di pus, è necessario consultare immediatamente un medico.

Medici e terapisti nella tua zona

↳ Per trovare medici e terapisti specializzati nella tua zona, fai clic su: "Cerca specialisti nella tua zona" o inserisci un indirizzo a tua scelta (ad es. "Berlino" o "Augustenburger Platz 1 Berlino"). f.name) .join (', ') "> ↳ Sei un medico o un terapista e non trovi qui? Contattaci!

Terapia e terapia

Dopo aver chiarito la causa delle bolle di pus esistenti, dovrebbero essere trattate il prima possibile.

Altrimenti, c'è il pericolo, specialmente nel caso di infezioni della pelle, che la presunta innocua pus-vescica si diffonda in una vasta area di pus. La ragione di ciò è il fatto che il pus nelle vesciche è di solito altamente infettivo e può causare ulteriori vesciche dopo che se ne è andato.

Per il trattamento delle vesciche di pus a seguito di infezioni fungine o eczema, il medico di famiglia prescrive regolarmente un unguento corrispondente. A seconda della posizione delle bolle si consiglia anche di "proteggere" la regione infetta possibile da associazioni o simili, in modo da impedire un'ulteriore diffusione. Se si tratta di vesciche di pus a seguito di ustioni, di solito vengono trattate con unguenti bruciati.

Non è raro che grandi ascessi vengano aperti da un medico specialista e risciacquati con un antibiotico. Soprattutto a causa della vasta gamma di possibili malattie, è assolutamente necessario astenersi dal trattamento a casa e rivolgersi direttamente a un medico.

Outlook e previsioni

Le vesciche di pus possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo, ad esempio sulla pelle o sul cervello. Per le bolle di pus, la regola è: mai esprimere o perforare te stesso. Con una bolla di pus dovresti sempre andare alle cure mediche.

Il medico deve prima determinare perché potrebbe persino arrivare ad un accumulo di pus. Spesso, le infezioni della pelle e delle gengive causano tali bolle di pus. Anche l'herpes labiale o varie infezioni fungine hanno pus, quindi andare dal medico è inevitabile.

Se tali malattie non vengono trattate correttamente, esiste il rischio di avvelenamento del sangue pericoloso, che può portare alla morte. Soprattutto se un pus è sulla testa, un medico dovrebbe essere consultato il prima possibile. Se queste pus-vesciche si rompono, nel peggiore dei casi può svilupparsi un ascesso nel cervello. I patogeni corrispondenti in questo caso superano la barriera emato-encefalica e infettano il cervello. Se una tale bolla pelvica è già rotta, quindi può essere prevenuta con farmaci adeguati, gravi sequele.

prevenzione

Come già spiegato, le vesciche di pus sono spesso il risultato di un'infezione fungina o eczema. Per la prevenzione, soprattutto, si raccomanda un'igiene completa.

Poiché le bolle di pus si formano spesso sulle mani, devono essere lavate regolarmente. Anche sulla pulizia dell'appartamento dovrebbe essere sempre rispettato.

Soprattutto il bagno e la cucina sono mandrie di batteri che richiedono una pulizia quotidiana. Per un appartamento straniero si consiglia di portare con sé panni antibatterici e pulire il bagno prima dell'uso.

Un'ampia igiene previene numerose malattie associate alle bolle di pus.

Puoi farlo tu stesso

Il trattamento delle bolle di pus deve essere sempre eseguito da un medico. A supporto di ciò, vari rimedi casalinghi e auto-aiuto possono contribuire a una pronta guarigione. I rimedi domestici efficaci per gli ascessi includono buste e bagni con camomilla, arnica, ortica o calendula. Anche efficaci sono le applicazioni di quark e cavoli, impacchi di latte caldo e lapachotee, che rafforzano il sistema immunitario e riducono la diffusione locale di agenti patogeni.

Anche l'argilla curativa può essere utilizzata per trattare le bolle di pus. La polvere viene applicata sotto forma di un involucro o una semplice busta sulla zona interessata, dove allevia il dolore e il prurito e blocca la diffusione dei patogeni. Possono essere applicati pomate e tinture antinfiammatorie di supporto, che supportano il sistema immunitario nella lotta contro l'infezione e accelerano la maturazione delle bolle di pus. Inoltre, misure generali, come l'idratazione regolare e il lavaggio delle mani con sapone disinfettante, aiutano a scovare i patogeni e ridurre la diffusione dell'infiammazione.

Gli alimenti e gli stimolanti mal tollerati devono essere rimossi dalla dieta fino a quando le bolle di pus non sono guarite. Inoltre, i possibili fattori scatenanti dei reclami (allergeni, acari della polvere, ecc.) Devono essere evitati e, se possibile, rimossi per garantire una rapida guarigione delle bolle di pus.

Tag: 
  • processi corporei 
  • Cibo 
  • neonati e bambini 
  • sintomi 
  • dispositivi medici 
  • Top