A differenza di altri ormoni, gli ormoni tissutali non sono prodotti in ghiandole speciali, ma nelle immediate vicinanze dei loro siti di azione. Svolgono una varietà di compiti nel corpo. Alcuni ormoni tissutali influenzano solo le cellule in cui sono prodotti (ormoni cellulari).

Cosa sono gli ormoni tissutali?

Gli ormoni tissutali sono anche chiamati ormoni locali. Svolgono il loro compito nelle immediate vicinanze del luogo di istruzione agendo direttamente sulle cellule vicine (tessuto paracrino).

Superano lo spazio pieno di vasi sanguigni, fibre nervose e tessuto connettivo e raggiungono i recettori delle cellule bersaglio. La circolazione del sangue non è necessaria come via di trasporto. Esistono anche ormoni locali che colpiscono solo il tessuto endocrino. Esempi di ormoni tissutali sono gli ormoni che regolano le prostaglandine (PG), la serotonina, l'istamina, la bradichinina e il tratto gastrointestinale (sostanza P). Quando l'ormone tissutale colpisce direttamente le cellule in cui viene prodotto, viene chiamato ormone cellulare.

Funzione, effetto e compiti

Gli ormoni tissutali utilizzano il principio di diffusione per diffondersi al tessuto paracrino o endocrino circostante. Gli ormoni della recitazione locale influenzano i processi metabolici e regolano la crescita del corpo e la maturità sessuale.

Sono permanentemente controllati dal sistema nervoso centrale e dagli ormoni di livello superiore. Ad esempio, vengono rilasciati da uno stimolo nel sistema nervoso centrale. Inoltre, vengono rilasciati per mantenere l'equilibrio ormonale (circuito di controllo). Le prostaglandine (PG) appartengono al gruppo degli eicosanoidi. Come mediatori del dolore, trasmettono la sensazione di dolore, nello stomaco sono coinvolti nella costruzione della mucosa protettiva dello stomaco. In caso di infiammazione vascolare impediscono l'aggregazione delle piastrine e quindi anche l'insorgenza di trombosi ed embolie. Dilatano i vasi sanguigni e stringono i muscoli. Nel glaucoma, abbassano la pressione nell'occhio.

I gruppi di prostaglandine E1 ed E3 prevengono gli effetti avversi della prostaglandina E2, come lo sviluppo della febbre. La serotonina dell'ormone tissutale agisce sui 5 recettori HT. È principalmente attivo dalla mucosa intestinale e influenza la memoria e il benessere mentale. Come "ormone della felicità" garantisce un buon umore e una migliore gestione dello stress. Riduce la sensazione di fame e regola la temperatura corporea. L'istamina, che funge anche da neurotrasmettitore, viene rilasciata durante le reazioni infiammatorie. Stimolare i recettori H2 stimola la produzione di succo gastrico.

Nell'infiammazione, il rilascio di istamina provoca gonfiore dei tessuti nel sito bersaglio e ingrossamento dei vasi sanguigni - misure progettate per supportare la risposta immunitaria nel sito. Inoltre, alti livelli di rilascio di istamina causano l'insorgenza di sintomi allergici come naso che cola, lacrimazione e rash cutaneo. Attraverso il sistema nervoso centrale, l'istamina provoca il rilascio di altri neurotrasmettitori.

Istruzione, occorrenza, proprietà e valori ottimali

Gli ormoni tissutali sono prodotti in singole cellule specializzate e, a differenza degli ormoni ghiandolari, possono essere distribuiti su ampie regioni tissutali. Le prostaglandine furono scoperte per la prima volta nella secrezione della prostata maschile (da cui il nome). Sono particolarmente forti nello sperma maschile, ma si verificano anche in molti organi.

Le prostaglandine sono prodotte dagli acidi grassi gamma-linolenico, acido eicosapentaenoico e acido arachidonico - acidi grassi insaturi di 20 atomi di carbonio e un anello di carbonio chiuso a 5 membri. Esistono gruppi di prostaglandine D2, E1, E2, E3 ecc. L'istamina è composta da istidina. Inoltre, il corpo lo produce da alcuni alimenti come formaggio, lievito e cioccolato. Si verifica quasi ovunque (pelle, polmoni, ipotalamo, tratto gastrointestinale) e in quantità maggiore principalmente nei mastociti, nelle mucose gastriche e nei granulociti basofili.

Circa il 95% della serotonina viene prodotta nel tratto gastrointestinale e allo stesso tempo funge da messaggero nervoso (neurotrasmettitore). La sua produzione nel cervello richiede L-triptofano perché il corpo non può produrre la serotonina stessa. Il triptofano si trova in alte concentrazioni in alcuni alimenti (noci, soia, funghi, semi di girasole), ma deve prima passare attraverso la barriera emato-encefalica. Lo sport rende più facile il passaggio del L-triptofano nel cervello, aumentando la produzione e il rilascio di serotonina.

Malattie e disturbi

Le prostaglandine prodotte artificialmente aumentano le arterie periferiche nei pazienti con malattia dell'arteria periferica (PAOD) negli stadi III e IV. Imitano l'azione della prostaglandina naturale E1.

Inoltre, vengono utilizzati per la guarigione e la prevenzione di ulcere e infiammazioni gastrointestinali. Come analogo E2 sono utilizzati per l'inizio del travaglio artificiale e prevenire il sanguinamento uterino atonico. In caso di carenza di prostaglandine, i gruppi E1 ed E3 sono prodotti in modo insufficiente. Di solito inibiscono gli effetti indesiderati del gruppo E2. Di conseguenza, si verificano reazioni allergiche. La carenza di serotonina porta a stati d'animo depressivi, cattivo umore, irritabilità, aumento dell'ansia ed emicrania. È causato da una mancanza di vitamina B6 e magnesio ed è trattato con antidepressivi che agiscono direttamente sul cervello.

Inoltre, il consumo di caffè, carne e latticini influisce negativamente sulla produzione di serotonina. Al contrario, il consumo di alimenti contenenti L-triptofano come banane, noci, amaranto, funghi e cioccolato aumenta la produzione di serotonina. Nell'intolleranza all'istamina, la capacità del corpo di abbattere l'istamina dell'ormone tissutale viene interrotta. L'enzima DAO richiesto funziona solo in modo insufficiente. Ciò porta a un eccesso di istamina e a reazioni infiammatorie e allergiche. Il paziente risponde al consumo di cioccolato, frutta secca solforata, formaggio e vino rosso con eruzioni cutanee, mal di testa, diarrea, nausea, naso che cola e occhi gonfi.

A volte arriva anche a conseguenze a lungo termine (emicrania, eczema). L'intolleranza all'istamina è spesso causata da antibiotici che influenzano negativamente i batteri intestinali. Inoltre, si verifica a causa della mancanza di sostanze vitali.

Tag: 
  • salute e stile di vita 
  • droga 
  • neonati e bambini 
  • cosmetici e benessere 
  • formazione scolastica 
  • Top