La malattia di Ledderhose è una proliferazione benigna del tessuto connettivo nella pianta del piede. La malattia appartiene alle fibromatosi.

Che cos'è Morbus Ledderhose?

Nella malattia di Ledderhose, chiamata anche malattia di Ledderhose, arriva nella pianta del piede alla proliferazione del tessuto connettivo. Questo crea nodi induriti che causano dolore e limitano la mobilità del piede. La malattia si manifesta nell'aponeurosi plantare (piatto tendineo della pianta del piede).

La malattia di Ledderhose è attribuita alla fibromatosi. Inoltre, esiste una relazione con la malattia di Dupuytren. Mentre le suole in cuoio sono influenzate dalla formazione di nodi nella malattia di Ledderhose, questo è il caso della malattia di Dupuytren sulla superficie interna delle mani. L'omonimo della condizione benigna fu il medico tedesco Georg Ledderhose (1855-1925), che li descrisse.

Negli uomini, la malattia di Ledderhose è due volte più comune del sesso femminile. Nella malattia, c'è una lenta crescita di noduli che si concentrano sul centro della pianta del piede. A volte, la crescita dei nodi può essere ritardata, in modo che temporaneamente non aumentino più. Più tardi, la loro crescita ricomincerà e inaspettatamente.

cause

Morbus Ledderhose è causato da un aumento del tessuto connettivo. Tuttavia, non sono note le cause della malattia di Ledderhose, che provoca le escrescenze. I miofibroblasti, che sono cellule speciali, sono considerati responsabili dell'aumento del tessuto connettivo. Le esatte connessioni sono ancora oggetto di ricerca in medicina.

Vari scienziati assumono l'influenza di una componente genetica nello sviluppo della malattia di Ledderhose. Se poi si tratta di lesioni alla pianta del piede, causate da fattori genetici, i cambiamenti nel tessuto connettivo. Inoltre, la malattia si verifica spesso a livello familiare, il che aumenta la probabilità di influenze genetiche.

Un altro importante fattore di rischio è la presenza di altre fibromatosi come la malattia di Dupuytren. Anche malattie come l'epilessia o il diabete (diabete mellito) sono considerate possibili fattori scatenanti. Tra i fattori favorevoli si annoverano anche malattie epatiche e metaboliche, stress, consumo di alcol e tabacco.

Sintomi, reclami e segni

Morbus Ledderhose si rende evidente sulla piastra tendinea della pianta del piede. Lì si formano i nodi, che si induriscono. Se i nodi raggiungono una certa dimensione, hanno un effetto aggravante sulla deambulazione del paziente. Quindi si trovano principalmente nel mezzo della pianta del piede all'arco del piede.

Mentre in alcune persone si forma solo un singolo nodo, in altre sono più comuni. Sono possibili anche formazioni di filamenti interi. Distribuire i nodi su tutta la pianta del piede, crescono insieme ai muscoli e alla pelle che si trova sopra di esso. Ma ci sono anche forme più leggere della malattia di Ledderhose in cui è interessata solo una piccola parte della piastra della suola.

Inoltre, non ci sono aderenze ai muscoli e alla pelle. In circa un quarto di tutti i pazienti, la malattia di Ledderhose si manifesta su entrambi i piedi. Non di rado, il decorso della malattia si svolge a scatti, quindi la loro progressione può richiedere anni.

Diagnosi e decorso della malattia

Per diagnosticare la malattia di Ledderhose, il medico prima di tutto interroga il paziente. Si informa sulle possibili condizioni preesistenti e sulla presenza di determinati fattori di rischio. Questo è seguito da un esame approfondito delle piante dei piedi. Altre aree del corpo sono controllate per eventuali anomalie.

Un indicatore tipico è i nodi duri. Questi difficilmente possono essere spostati a mano. Le tecniche di imaging sono utilizzate per determinare l'estensione dei noduli. Ciò include in primo luogo l'ecografia (esame ecografico). Inoltre, la risonanza magnetica (MRI) può essere eseguita con la quale è possibile rilevare l'esatta propagazione dei nodi.

La diagnosi viene confermata esaminando i nodi con un microscopio. A tal fine, un campione di tessuto (biopsia) viene prelevato dal paziente. La malattia di Ledderhose è una delle malattie croniche benigne. Una cura completa non è possibile. Con un trattamento adeguato, tuttavia, è possibile porre rimedio ai reclami o almeno ridurli.

complicazioni

A causa della malattia di Ledderhose i malati soffrono di vari disturbi che si verificano principalmente sulla pianta dei piedi. I pazienti soffrono di mobilità ridotta e, soprattutto, dolore che si verifica quando si è in piedi o camminando. La qualità della vita delle persone colpite è significativamente ridotta e ridotta dalla malattia di Ledderhose. Anche altri muscoli possono essere colpiti da questa malattia.

Tuttavia, i sintomi spesso non si verificano in modo permanente, ma a scatti, in modo che la malattia venga diagnosticata in ritardo. A causa dell'improvvisa limitazione del movimento, i malati spesso soffrono di depressione o malattie mentali. Nei bambini, la malattia di Ledderhose può portare a disturbi dello sviluppo e possibilmente ritardarli.

Purtroppo non è possibile un trattamento causale della malattia di Ledderhose. Per questo motivo, il trattamento mira principalmente a limitare il dolore e la limitazione dei movimenti. Le complicazioni di solito non si verificano. Con l'aiuto di varie terapie e l'uso di droghe, molti reclami possono essere limitati, in modo che le persone colpite possano condurre una normale vita quotidiana. Tuttavia, anche la malattia di Ledderhose può ripresentarsi. Tuttavia, l'aspettativa di vita del paziente non è influenzata da questa malattia.

Quando dovresti andare dal dottore?

Se si nota un nodo duro e inamovibile nel piede, consultare un medico. Tuttavia, ciò non nasconde necessariamente una malattia di Ledderhose. La persona di contatto per dolore o nuovi nodi nel piede è l'ortopedico. Anche il medico di famiglia può guardare il piede e, se necessario, indirizzare il paziente a uno specialista.

Se la diagnosi non è chiara, la risonanza magnetica può essere ordinata in caso di sospetta malattia di Ledderhose. Per confermare la diagnosi, il medico può eseguire una biopsia per esaminare ulteriormente il nodulo. La bontà del nodo deve essere determinata.

Le visite regolari dal medico sono normali in presenza della malattia di Ledderhose. Sfortunatamente, il trattamento chirurgico spesso porta a recidive. Di solito è quindi evitato. Gli approcci terapeutici frequentemente prescritti rallentano la diffusione del tessuto nodale. Solette speciali possono ridurre la pressione sulle fibromatosi benigne. Dipende dall'entità delle escrescenze, dalla frequenza con cui viene indicata una visita dal medico per l'adattamento delle misure terapeutiche.

Le ulcere possono essere irradiate. I trattamenti fisioterapici sono anche possibili con la malattia di Ledderhose. Tutte le misure terapeutiche possono rallentare al massimo la formazione del nodo. La guarigione non è in vista per la diagnosi della malattia di Ledderhose.

Terapia e trattamento

Uno degli obiettivi più importanti nel trattamento della malattia di Ledderhose è la repressione dell'infiammazione e la riduzione del dolore. Inoltre, il paziente dovrebbe essere in grado di camminare di nuovo. Per mantenere la capacità di camminare vengono utilizzati principalmente depositi molli. Questi riducono la pressione interna che si verifica sui nodi.

Per curare il dolore, il medico di solito fornisce ai farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) interessati, che influenzano anche l'infiammazione. Allo stesso tempo, le iniezioni di steroidi vengono somministrate ai nodi.

Nella fase iniziale della malattia di Ledderhose, anche la radioterapia è promettente, usando una radiazione a raggi X morbida. Anche l'iniezione di collagenasi o terapia con onde d'urto (ESWT) sono considerate utili. Questi portano al rilascio dei nodi duri. Anche considerata promettente è una crioterapia, in cui il medico tratta i pazienti con raffreddore.

Se è già presente uno stadio avanzato, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico. Non è insolito per la completa rimozione della piastra tendinea. Al contrario, gli interventi parziali spesso portano a una ricorrenza di nodi. Tuttavia, anche con la completa rimozione della fascia plantare, circa il 25 percento di tutti i pazienti è a rischio di fibromatosi ricorrente. Inoltre, l'operazione può provocare lesioni ai tendini, ai nervi e ai muscoli.

Outlook e previsioni

La malattia di Ledderhose in genere ha un decorso graduale della durata di diversi anni. Tuttavia, la prognosi è molto buona. Di solito è sufficiente rimuovere la fascia interessata e riparare il grilletto della malattia di Ledderhose. Durante il trattamento a raggi X c'è un'esposizione alle radiazioni, che può causare disagio fisico in determinate circostanze. Poiché i raggi X molli sono utilizzati principalmente nel trattamento della malattia di Ledderhose, il rischio di gravi effetti collaterali è relativamente basso. L'uso della collagenasi o della terapia con onde d'urto non è problematico e promettente.

La prognosi è positiva se la condizione si presenta come effetti collaterali di farmaci come primidone o fenobarbital. Di solito è sufficiente interrompere la terapia scatenante. L'aspettativa di vita non è limitata dalla malattia di Ledderhose. Tuttavia, la qualità della vita durante il periodo della malattia può essere ridotta, poiché i piedi fanno molto male e il paziente riesce a malapena a stare in piedi sulla pianta del piede senza provare un intenso dolore alla pressione. Ciò può portare a gravi lamentele e restrizioni nella vita di tutti i giorni, soprattutto nella fase acuta della malattia. Il medico di medicina generale o podologo può fornire una prognosi affidabile, compresa la causa delle condizioni e della costituzione del paziente.

prevenzione

Il modo in cui si sviluppa la malattia di Ledderhose non è stato ancora stabilito. Per questo motivo, non sono note misure preventive.

post-terapia

Il follow-up medico per la malattia di Ledderhose è necessario solo in caso di intervento chirurgico. Altrimenti, le misure di follow-up sono eliminate. I farmaci sintomatici o altri trattamenti non chirurgici non richiedono mai cure di follow-up. In parte, a causa di un livello accettabile di sofferenza, il trattamento non è nemmeno disponibile.

Quando viene eseguito un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto indurito dalla pianta dei piedi, è necessario seguire una serie di procedure di follow-up. Ciò può essere spiegato dal fatto che i piedi sono già pesantemente caricati nella vita di tutti i giorni. La corretta guarigione di ferite e cicatrici è molto più difficile.

Oltre a una protezione molto pronunciata dei piedi, che può essere raggiunta dal paziente non camminando e in piedi, deve anche essere pagato per una speciale igiene della ferita. Mantenersi puliti e proteggere dal sudore facilita la guarigione e previene le infezioni.

A seconda dell'ambito dell'operazione, lo specialista responsabile deve elaborare un piano di trattamento adeguato con il paziente. Dopo alcune settimane, quando le piante dei piedi sono guarite, i piedi possono essere nuovamente caricati gradualmente. La misura in cui ciò dovrebbe avvenire gradualmente dipende anche dalla portata dell'operazione. Se vengono rimossi solo singoli noduli, la suola è meno colpita rispetto a una fasciectomia completa.

Puoi farlo tu stesso

Poiché la malattia di Ledderhose non è curabile, i pazienti devono imparare a fare i conti con la malattia a lungo termine. In alcuni casi, è consigliabile cercare aiuto psicologico oltre alle cure mediche. Inoltre, le persone interessate possono scambiare idee in vari forum su Internet per auto-aiuto. Nelle città più grandi, ci sono anche gruppi di supporto per le persone che soffrono di malattia di Ledderhose o fibromatosi in generale. Lì troverai anche maggiori informazioni sulle misure di auto-aiuto.

È anche importante prendersi cura regolarmente dei piedi ed evitare lesioni. Le irritazioni delle piante dei piedi dovrebbero essere evitate. Quando acquisti scarpe assicurati che siano in buone condizioni. Se necessario, le persone interessate dovrebbero ricorrere alla personalizzazione ortopedica o utilizzare depositi. In alcuni casi, aiuta a camminare a piedi nudi regolari su superfici morbide come erba, sabbia o fango. Anche il raffreddamento e massaggi delicati possono portare a un miglioramento o evitare un peggioramento.

Si consiglia inoltre di modificare la dieta e ridurre l'assunzione di glucosio e carboidrati. Supporta alimenti che contengono molti antiossidanti naturali. Si consiglia pertanto di assumere quanta più frutta e verdura possibile, ma anche legumi. Alcol e caffè possono di solito continuare a essere consumati moderatamente.

Tag: 
  • formazione scolastica 
  • valori di laboratorio 
  • viaggiare 
  • ingredienti attivi 
  • hausmittel 
  • Top