• Monday April 6,2020

Faringite del muscolo costrittore inferiore

Il muscolo inferiore della faringite costrittore è il costrittore faringeo inferiore, che contribuisce al linguaggio e alla deglutizione. Entrambe le aree di responsabilità possono essere disturbate se il muscolo della faringite restrittivo è inferiore, stretto o altrimenti compromesso. Questo è il caso, ad esempio, nel caso della paralisi nervosa o nel contesto di un ascesso peritonsillare.

Qual è il muscolo inferiore della faringite constrictor?

Il muscolo inferiore della faringite constrictor è la parte inferiore delle tre ghiandole faringee. Gli altri due muscoli di questo gruppo sono il muscolo superiore della faringite constrictor e il muscolo medio della faringite constrictor.

Insieme, le aragoste faringee trasportano cibo o liquidi nell'esofago durante la fase di trasporto faringea. Durante la gravidanza, il muscolo inferiore della faringite si sviluppa dal sesto arco ramificato dell'embrione. Questo arco di branchia include anche attacchi per i muscoli laringei (muscoli laringei), laringe e vasi sanguigni.

Poiché nell'embrione il quarto e il sesto arco della branchia si fondono insieme dopo solo un breve periodo, esiste una relazione più stretta sia spazialmente che funzionalmente tra il muscolo costrittore della faringe medio e il muscolo inferiore rispetto a questi due muscoli e il muscolo superiore della faringe. Quest'ultimo si trova nella parte superiore della gola e chiude il naso durante la deglutizione insieme al lifting del palato molle (Musculus levator veli palatini) e al tenditore del palato molle (Musculus tensor veli palatini).

Anatomia e costruzione

Il muscolo inferiore della faringite constrictor unisce due parti: la pars tiroofaringea e la cricofaringea. Entrambi si attaccano alla cucitura faringea, che l'anatomia ha anche chiamato la faringe. Si trova sulla parete posteriore della faringe ed è parzialmente visibile dall'esterno attraverso la mucosa faringea. Anche gli altri guilleman della gola iniziano alla gola.

Le due parti del muscolo faringeo del costrittore inferiore hanno origini diverse sulla laringe. Una delle cartilagini laringee è la cartilago cricoidea anulare, che ha scanalature. Il pars cricoidea del muscolo inferiore della faringite inferiore ha origine da una tale tacca: la linea obliqua. Il pars tiroidea, d'altra parte, deriva dalla cartilagine tiroidea, nota anche come cartilagine tiroidea o tiroide, che fornisce supporto al pars tiroidea sul suo bordo esterno.

Complessivamente, il muscolo inferiore della faringite del costrittore appare a forma di ventaglio. Si presenta su ogni lato del corpo una volta e appartiene ai muscoli striati. Le fibre nervose del nono e decimo nervo cranico (nervo glossofaringeo e nervo vago) controllano l'attività della ghiandola faringea inferiore, seguita dall'esofago.

Funzione e compiti

Le funzioni del muscolo inferiore della faringite costrittore comprendono due aree funzionali. Da un lato, gioca un ruolo nel parlare e dall'altro contribuisce alla deglutizione. Il muscolo inferiore della faringite del restrittore influenza la posizione della laringe sopra la cartilagine in cui ha origine.

A questo punto, il muscolo vocale e il muscolo cricotiroideo agiscono sulle corde vocali, che la medicina chiama anche internus ed esterno. Appartengono ai muscoli laringei. Durante la deglutizione, il muscolo inferiore della faringosi è attivo durante la fase di trasporto faringea. In precedenza, la bocca trita il cibo nella fase di preparazione orale e promuove il porridge o il liquido nella fase di trasporto orale alla gola. La successiva fase di trasporto faringeo consiste in una complessa interazione di diversi gruppi muscolari.

Il tenditore del palato molle (muscolo tensore del veli palatini), il sollevatore del palato molle (muscolo levatore veli palatini) e il restrittore faringeo superiore (costrittore faringeo superiore) sigillano il rinofaringe all'invasione del cibo. Con l'aiuto dei muscoli sovraoidei e infrahyoid, la lingua spinge il contenuto della bocca più indietro nella gola. Il muscolo costrittore della faringe media è responsabile del trasporto nella bocca (mesofaringe), il muscolo inferiore della faringite contrasta l'ulteriore trasporto di cibo nella laringe (ipofaringe). La fase di trasporto faringea è seguita dalla fase di trasporto esofageo in cui la tunica muscleis dell'esofago spinge il morso allo stomaco.

malattie

La compromissione del muscolo faringeo del costrittore inferiore può interferire con la parola e la deglutizione. La paralisi del nono e decimo nervo cranico che innerva la ghiandola faringea inferiore è una possibile causa di tali disturbi.

Un'insufficienza nervosa colpisce anche altre parti del discorso e la deglutizione dei muscoli. Le fibre del nervo glossofaringeo e del nervo vago passano sul plesso faringeo. I nervi, così come le sezioni superiori dei nervi cranici, possono soffrire di infiammazione, tumori, sanguinamento, avvelenamento e lesioni. Raramente il trattamento di un carcinoma mammario porta a danni indesiderati alla faringe faringea. Eventi come ictus o convulsioni epilettiche, nonché malattie neurodegenerative possono anche influenzare i nervi cranici e le loro aree centrali del cervello. L'entità e la durata della lesione sono molto diverse da caso a caso e dipendono non solo dalla causa sottostante ma anche da singoli fattori.

Nella tonsillite, in alcuni casi, l'infezione si diffonde ad altri tessuti. Ciò può anche interessare la fossa della tonsilla superiore (Fossa supratonsillaris), che è associata alle larve faringee, e causare un ascesso. Il medicinale si riferisce a tale formazione di pus come ascesso peritonsillare. Questo in genere provoca dolore durante la deglutizione, che può irradiarsi all'orecchio e porta a gonfiore nell'area interessata.

Se anche i muscoli masticatori si infiammano e si restringono, i malati soffrono anche di un perno anchilosante (anchilostoma): non possono più aprire la bocca senza ostacoli. Altri sintomi dell'ascesso peritonsillare comprendono difficoltà a parlare e segni generali di malattia come febbre, brividi e disagio.


Articoli Interessanti

rettoscopia

rettoscopia

Per controllare l'intestino sensibile alle anomalie patologiche, i medici usano il metodo della rettoscopia. È uno studio frenetico, ma molto prezioso, nel suo uso. Cos'è la rettoscopia? Una rettoscopia è un riflesso del retto. Un medico esamina il retto durante questa procedura e di solito anche una parte dell'ano. U

costipazione

costipazione

La costipazione (costipazione) è un sintomo comune e comune. Una costipazione è caratterizzata da un difficile movimento intestinale. Il movimento intestinale è generalmente ritardato o irregolare e la sua consistenza è generalmente dura o indurita. Cos'è la costipazione? Una costipazione è caratterizzata da un difficile movimento intestinale. Il m

Ipertensione portale

Ipertensione portale

L'ipertensione portale si riferisce alla pressione eccessiva nella vena portale, la vena portae. Anche il termine ipertensione portale viene usato come sinonimo. La vena porta è responsabile del passaggio del sangue dagli organi addominali, come stomaco, intestino e milza, nel fegato. Qualsiasi pressione superiore a 4 - 5 mmHg nella vena porta è considerata ipertensione portale.

Viszerozeption

Viszerozeption

Il termine viscousception comprende tutti i sistemi sensoriali del corpo che percepiscono la condizione e l'attività degli organi interni, come il sistema digestivo e la circolazione cardio-polmonare. I vari sensori segnalano le loro percezioni principalmente attraverso percorsi afferenti del sistema nervoso autonomo al cervello, che elabora ulteriormente i messaggi.

Osteoporosi (perdita ossea)

Osteoporosi (perdita ossea)

L'osteoporosi o la perdita ossea è una delle malattie ossee più comuni nel nostro paese. Ciò porta a una forte riduzione della massa ossea, che porta a danni alla massa ossea e alla struttura ossea nel corso. Questi disturbi influenzano quindi la funzione ossea, che spesso porta a fratture ossee. L

sindrome KIDD

sindrome KIDD

La sindrome KiDD è la sequela della sindrome di Kiss non trattata, mentre nella sindrome KiDD si tratta di disfunzione delle articolazioni della testa, che successivamente hanno effetti sull'organismo. Poiché tali disturbi non "crescono troppo", è quindi importante cercare un trattamento precoce. L