Il muscolo deltoide è un muscolo scheletrico ampio e piatto che, una volta diffuso, ricorda una sciarpa triangolare e si estende su tutta la spalla. Tiene la testa dell'omero nell'orbita e, insieme ad altri muscoli, serve a sollevare la parte superiore del braccio in un certo intervallo angolare.

Qual è il muscolo deltoide?

Il muscolo deltoide o deltoide fa parte della muscolatura della spalla e circonda l'articolazione della spalla in una parte anteriore (muscolo deltoide anteriore), una parte laterale (muscolo deltoide medio) e una parte posteriore (muscolo deltoide posteriore).

Il muscolo deltoide anteriore ha origine dalla clavicola ( clavicola ), quello centrale dall'acromion e il deltoide posteriore dalla scapola. Tutte e tre le parti del muscolo puntano verso il basso verso la deltoidea della tuberosità, fino al punto di attaccamento all'omero sul lato del condilo, che è condiviso da tutte e tre le parti del muscolo deltoide spesso circa 2 cm. L'espressione del muscolo deltoide dà alla spalla il suo aspetto. Un deltoide addestrato dà l'impressione di "spalle larghe". Motormente, il muscolo deltoide è innervato da un ramo del nervo ascellare (il nervo ascellare), che innerva altri due muscoli della spalla. Il nervo ascellare proviene dal plesso brachiale, che è collegato al midollo spinale tra la 5a e la 6a vertebra cervicale (C5-C6).

Anatomia e costruzione

Il muscolo deltoide è un muscolo scheletrico piatto in tre parti, che - come quasi tutti i muscoli scheletrici - è composto da muscoli striati. Il muscolo deltoide è soggetto alla volontà ed è innervato da un ramo efferente del nervo ascellare.

Ogni parte del muscolo deltoide è composta da fasci di fibre muscolari, ciascuna a sua volta costituita da diverse migliaia di miofibrille filiformi. Scorrono attraverso le fibre muscolari per tutta la loro lunghezza e sono composti da piccole unità, i miofilamenti. Nei miofilamenti, che consistono in proteine ​​speciali, si verifica la contrazione muscolare.

I singoli miofilamenti, al ricevimento del comando di contrazione, si fondono l'uno nell'altro per formare il tipico motivo a strisce che ha conferito alla muscolatura scheletrica la designazione aggiuntiva a strisce incrociate. Tuttavia, il muscolo deltoide non è un recettore di comando puro sulle fibre nervose efferenti, che può solo trasmettere il comando "contratto". Il muscolo comunica anche con il sistema nervoso centrale attraverso le fibre afferenti sensoriali del nervo ascellare misto e può influenzare il sistema immunitario e altre funzioni corporee.

Funzione e struttura

Il muscolo deltoide è responsabile della maggior parte dei movimenti della parte superiore del braccio. In una complessa interazione, le tre parti del deltoide consentono il movimento della parte superiore del braccio in tutte le direzioni e rotazioni immaginabili.

La parte anteriore del muscolo piatto ( Pars clavicularis ) consente di sollevare il braccio in avanti (verso l'alto), un'aggiunta al corpo e una rotazione interna. La parte centrale del muscolo ( Pars acromialis ) può diffondere il braccio (lontano dal corpo) e la parte posteriore ( Pars spinalis ) è responsabile dell'elevazione della schiena (back up), della rotazione esterna e anche della diffusione in un determinato intervallo angolare.

I movimenti combinati di sollevamento, allargamento e rotazione sono possibili solo in un supporto reciproco complesso. Alcune delle tre parti muscolari agiscono come sinergici o antagonisti, come il pars clavicularis e il pars acromialis. Mentre il primo può agire da adduttore, il pars acromiale appare come un rapitore ed è in questo caso l'antagonista del pars clavicolare.

Oltre alla sua funzione di "motore" della parte superiore del braccio, il deltoide ha ancora una funzione protettiva. Avvolge in modo piatto l'articolazione della spalla e quindi funge da protezione meccanica dell'articolazione della spalla dagli effetti della violenza mordendo pugnalate o colpi con oggetti contundenti. La funzione di protezione meccanica è paragonabile a quella di una protezione spalla flessibile.

È anche interessante il fatto che nell'area del muscolo deltoide, che si trova in un punto esposto, non corrono vasi più grandi o tratti nervosi. Ciò significa che mentre la violenza meccanica può danneggiare il muscolo deltoide, difficilmente può causare danni secondari da lesioni nervose o vascolari.

Malattie e lamentele

La disfunzione muscolare deltoidea può essere causata da cambiamenti anormali nel o sul muscolo stesso o può originare da un danno al nervo ascellare. Il tipo più comune di compromissione del muscolo deltoide è una tensione permanente, che può essere causata da sovraccarico o ripetendo costantemente carichi di stress.

Inoltre, lo stress a lungo termine favorisce la formazione di tale tensione. Posture sfavorevoli sul PC, combinate con situazioni stressanti favoriscono enormemente lo sviluppo dell'indurimento muscolare. Una compromissione diretta del muscolo deltoide può essere causata dai cosiddetti lipomi.

Questi sono tumori benigni delle cellule del tessuto adiposo. I lipomi nel deltoide sono di solito evidenti da piccoli dossi sulla superficie. In rari casi, il muscolo può essere affetto da trombosi venosa o infiammazione delle vene del braccio. Il dolore alla spalla nell'area del muscolo deltoide spesso non influenza il muscolo stesso, ma una borsa infiammata che provoca il disagio.

Le più comuni menomazioni del muscolo correlate al nervo sono in una compressione (meccanica) del nervo ascellare, che può essere innescata dal restringimento dei "passaggi" del nervo e portare alla neurite. Un altro, insufficienza nervosa, può essere causato da un'amiotrofia della spalla che si verifica raramente.

È un'infiammazione nel plesso neurovascolare brachiale, da cui il nervo ascellare origina e innerva il muscolo deltoide. I sintomi sono improvvisi, lacrimazione del dolore alla spalla che può irradiarsi nel braccio. Mentre la malattia progredisce, provoca la paralisi, che colpisce principalmente il muscolo deltoide.

Tag: 
  • viaggiare 
  • formazione scolastica 
  • processi corporei 
  • dentizione 
  • patogeno 
  • Top