• Monday April 6,2020

Flexor pollicis brevis muscle

Il muscolo flessore polvis brevis è un muscolo della mano con due teste. Piega il pollice e partecipa alla sua adduzione. I segnali nervosi per ottenere il muscolo scheletrico striato dal Ramus profundis nervi ulinaris e dal nervo mediano. I danni ai muscoli o ai nervi possono provocare una compromissione motoria del pollice, come la sindrome del tunnel carpale o il trauma.

Cos'è il muscolo flexor pollicis brevis?

Il nome latino significa tradotto tanto quanto un flessore del pollice corto. Al contrario, il "flessore del pollice lungo" corrisponde al muscolo flessore pollicis longus, che si trova nell'avambraccio e fa parte dei muscoli profondi lì. Come il muscolo flessore polvis brevis, il muscolo più lungo flette il pollice. Inoltre, il lungo pollicis longus del flessore supporta anche il polso durante la flessione.

Il muscolo flessore polvis brevis è un muscolo scheletrico con fibre striate raggruppate in una fibra muscolare. Una busta di tessuto connettivo circonda la fibra e la stabilizza. Diverse fibre muscolari formano un fascio - diversi fasci di fibre muscolari si uniscono per formare un muscolo. Questa costruzione consente al muscolo flessore del braccio flessibile e ad altri muscoli di muoversi in modo dinamico e flessibile.

Anatomia e costruzione

Il muscolo flessore pollicis brevis ha due origini. Al legamento carpale (retinaculum flexorum) sorge la testa del muscolo superficiale, che è anche conosciuta come Caput superficiale. Il Karpalband si trova al polso e si estende sopra i tendini flessori che possono essere trovati lì.

Con la sua superficie in tessuto connettivo solido, il cinturino da polso tiene i tendini sul polso e impedisce ai tendini flessori di sporgere durante i movimenti della mano.

Oltre al caput superficiale, il flessore pollicis brevis ha una seconda testa, il caput profundum. La sua origine è distribuita sul grande poligono (Os trapezio), sul piccolo poligono (Os trapezoide) e sull'osso della testa (Os capitatum). Tutti e tre appartengono alle ossa carpali. Il caput superficiale e il caput profundum si estendono dal carpale all'osso, dove si attaccano al sesamoide esterno (os sesamoideum) e alla base del pollice (l'artulatio metacarpophalangealis pollicis).

Funzione e compiti

Il muscolo flessore polvis brevis partecipa a determinati movimenti del pollice. Il controllo del muscolo flessore pollicis brevis avviene attraverso due nervi. Il nervo del braccio medio (nervo mediano) comunica con il caput superficiale. Le sue fibre hanno origine dal plesso brachiale. Il nervo mediano controlla anche i movimenti del muscolo flessore lungo pollicis.

L'altro nervo che innerva il muscolo flessore polvis brevis è il nervo cervicale. L'anatomia lo conosce come nervo ulnare. Nel suo corso, il nervo ulnare emette cinque rami principali, uno dei quali è il Ramus volaris manu. Da questo ramo si diramano di nuovo due piccoli nervi: il Ramus superficial e il Ramus profundus. Quest'ultimo si attira al muscolo flessore polvis brevis e invia segnali del nervo motore al caput profundum. Il muscolo flessore polvis brevis appartiene alla muscolatura scheletrica dell'uomo ed è soggetto a controllo volontario: il comando di contrarre proviene da un centro motorio del cervello. Un'eccezione sono i riflessi, ad esempio il riflesso avvincente nei neonati.

Le fibre nervose finiscono in una piastra terminale del motore, che rilascia messaggeri biochimici. Quando questi irritano la membrana delle cellule muscolari, i canali ionici si aprono e cambiano l'equilibrio elettrico della cellula. La biologia chiama anche questo cambiamento potenziale di placche post-sinaptiche. Stimola un sistema di membrane all'interno della cellula muscolare, il reticolo sarcoplasmatico, per rilasciare ioni calcio. Questi sono depositati su proteine ​​speciali, dopodiché questi telescopi e accorciano il muscolo.

Nella flessione del polmone la contrazione muscolare porta alla flessione del pollice o all'adduzione. Durante l'adduzione, il pollice si sposta verso il centro della mano.

malattie

Se il muscolo flessore polvis brevis non funziona correttamente, potrebbero esserci danni ai muscoli o ai nervi che innervano il flessore del pollice corto. Le lesioni dirette possono verificarsi, ad esempio, con lesioni alle mani.

In una paralisi del nervo che colpisce il nervo mediano, non è più in grado di flettere il pollice, l'indice e il medio. La medicina si riferisce anche a questo segno di malattia come una mano giurata, poiché la posizione del dito ricorda il gesto tradizionale. La paralisi della mediana non si diffonde alle altre due dita della mano, poiché queste sono fornite da altre fibre nervose. Solo con danni aggiuntivi sono possibili anche alterazioni dell'anulare e del mignolo.

Il nervo mediale contiene non solo le fibre nervose motorie, che controllano l'attività dei muscoli, ma anche le fibre sensibili. Questi trasmettono sensazioni come calore, freddo, dolore e pressione al sistema nervoso centrale. Come parte di una paralisi del nervo mediale, questo trasferimento di informazioni è disturbato e la persona colpita non sente più nulla in queste aree della pelle.

Tuttavia, non tutte le condizioni che colpiscono il nervo mediale causano una perdita di sensibilità. Possono verificarsi altri disturbi sensoriali come la parestesia. Questi si verificano, ad esempio, nella sindrome del tunnel carpale che si manifesta con formicolio, "addormentarsi", disturbi della percezione della temperatura o sensazione di intorpidimento. Inoltre, la sindrome del tunnel carpale si manifesta spesso in un dolore che varia in gravità. La sindrome è spesso il risultato di superlavoro - ma anche le fratture, l'obesità, l'artrite, il diabete, l'amiloidosi, il sanguinamento, i tumori, l'edema e altre malattie sottostanti sono considerate cause.


Articoli Interessanti

rettoscopia

rettoscopia

Per controllare l'intestino sensibile alle anomalie patologiche, i medici usano il metodo della rettoscopia. È uno studio frenetico, ma molto prezioso, nel suo uso. Cos'è la rettoscopia? Una rettoscopia è un riflesso del retto. Un medico esamina il retto durante questa procedura e di solito anche una parte dell'ano. U

costipazione

costipazione

La costipazione (costipazione) è un sintomo comune e comune. Una costipazione è caratterizzata da un difficile movimento intestinale. Il movimento intestinale è generalmente ritardato o irregolare e la sua consistenza è generalmente dura o indurita. Cos'è la costipazione? Una costipazione è caratterizzata da un difficile movimento intestinale. Il m

Ipertensione portale

Ipertensione portale

L'ipertensione portale si riferisce alla pressione eccessiva nella vena portale, la vena portae. Anche il termine ipertensione portale viene usato come sinonimo. La vena porta è responsabile del passaggio del sangue dagli organi addominali, come stomaco, intestino e milza, nel fegato. Qualsiasi pressione superiore a 4 - 5 mmHg nella vena porta è considerata ipertensione portale.

Viszerozeption

Viszerozeption

Il termine viscousception comprende tutti i sistemi sensoriali del corpo che percepiscono la condizione e l'attività degli organi interni, come il sistema digestivo e la circolazione cardio-polmonare. I vari sensori segnalano le loro percezioni principalmente attraverso percorsi afferenti del sistema nervoso autonomo al cervello, che elabora ulteriormente i messaggi.

Osteoporosi (perdita ossea)

Osteoporosi (perdita ossea)

L'osteoporosi o la perdita ossea è una delle malattie ossee più comuni nel nostro paese. Ciò porta a una forte riduzione della massa ossea, che porta a danni alla massa ossea e alla struttura ossea nel corso. Questi disturbi influenzano quindi la funzione ossea, che spesso porta a fratture ossee. L

sindrome KIDD

sindrome KIDD

La sindrome KiDD è la sequela della sindrome di Kiss non trattata, mentre nella sindrome KiDD si tratta di disfunzione delle articolazioni della testa, che successivamente hanno effetti sull'organismo. Poiché tali disturbi non "crescono troppo", è quindi importante cercare un trattamento precoce. L