• Friday April 3,2020

Muscolo Hyoglossal

Come muscolo della lingua esterna, il muscolo ioglossale è coinvolto nella deglutizione, nel parlare, nel succhiare e nella masticazione, tirando la lingua indietro e verso il basso. Le limitazioni funzionali sono spesso dovute a problemi con il nervo ipoglosso, che fornisce al muscolo un'azione neuronale.

Qual è il muscolo ioglossale?

Il muscolo ioglossale è uno dei quattro muscoli esterni della lingua, incluso il muscolo genioglosso, il muscolo stiloglosso e il muscolo condroglosso.

A causa della sua posizione nel corpo, lo ialurone ioglossale è anche noto come muscolo ipoide della lingua. La contrazione del muscolo fa muovere e abbassare la lingua. Il suo antagonista è il musculus styloglossus, che rappresenta un altro muscolo della lingua esterna ed è coinvolto principalmente nella deglutizione. Quando si contrae, tira la lingua indietro e su, con il muscolo ioglossale che si rilassa in parte.

Gli esperti non sono d'accordo sul fatto che il muscolo condroglosso appartenga al muscolo ioglossale e si divida da esso - o se sia un muscolo autonomo. Il muscolo condroglosso è lungo due pollici e tira avanti e indietro la lingua come il muscolo igroglosso. Sorge dall'osso ioide e si attacca alla lingua.

Anatomia e costruzione

L'origine del muscolo ioglossale si trova nella parte bassa della schiena della cavità orale dell'osso ioide (Os hyoideum). L'osso ioide è un osso che i muscoli e i legamenti trattengono senza essere direttamente attaccato ad altre ossa - ma il muscolo ioglossale non appartiene ai suoi muscoli di supporto.

Al contrario, dipende dal solido supporto dell'osso ioide. L'approccio del muscolo ioglossale è attaccato all'aponeurosi linguae. La piastra tendinea si trova tra i muscoli della lingua e la mucosa orale e passa nel setto (setto linguae), con il quale viene fusa. Nella sua forma base, il muscolo ioglossale forma una superficie sottile, quadrangolare, approssimativamente quadrangolare. Appartiene al muscolo scheletrico striato, la cui struttura è costituita da singole fibre.

Una tale fibra muscolare o cellula muscolare deriva dalla divisione cellulare e ha molti nuclei cellulari, che non sono come al solito in una rispettiva cellula delimitata. Invece, formano un tessuto con un'organizzazione di livello superiore. Una fibra muscolare riassume molte miofibrille. La muscolatura striata deve il suo nome alla sua immagine microscopica: alternando strisce chiare e scure. Si verificano perché le fibre simili a capelli di actina e miosina si spostano più strettamente o ulteriormente l'una nell'altra.

Funzione e compiti

Il muscolo ioglossale partecipa a deglutire, parlare, succhiare e masticare. È responsabile del nervo cranico XII o del nervo ipoglosso, che innerva anche i muscoli della lingua. Il nervo trasporta i comandi di tensione muscolare sotto forma di impulsi elettrici che viaggiano attraverso la fibra nervosa.

Sul muscolo, la fibra termina in una piastra terminale del motore: contiene vescicole piene di neurotrasmettitori. Lo stimolo elettrico in ingresso porta al rilascio del trasmettitore nello spazio sinaptico tra nervo e muscolo. Arrivando alla membrana della cellula muscolare, le molecole aprono i canali ionici, il che modifica leggermente lo stato di carica della cellula. Questa carica elettrica transitoria della cellula muscolare è anche nota come potenziale della piastra terminale. Viaggia attraverso il sarcolemma e i tubuli T fino al reticolo sarcoplasmatico, che quindi rilascia ioni di calcio.

Il calcio si lega alle sottili strutture delle miofibrille e provoca l'interblocco dei suoi filamenti di actina e miosina. Ciò accorcia le fibre muscolari irritate nel senso della lunghezza e contemporaneamente tira avanti e indietro la lingua, necessaria per deglutire, parlare, succhiare e masticare. Le persone sono in grado di controllare consapevolmente questi movimenti; ma anche i riflessi automatici influiscono sul controllo del muscolo ioglossale. Ad esempio, il riflesso di allattamento nei neonati non è il risultato di un atto arbitrario, ma parte di un programma comportamentale innato.

malattie

Poiché il muscolo ioglossale si trova molto all'interno della testa, le lesioni dirette del tessuto sono rare. I guasti funzionali e le lamentele del muscolo della lingua sono spesso dovuti a danni al nervo ipoglosso, che è responsabile del suo controllo.

Il medicinale distingue tra lesioni unilaterali e bilaterali, entrambe le quali portano a vari disturbi della masticazione, della deglutizione, della suzione e del parlare. Ad esempio, la lesione causativa del nervo ipoglosso può essere dovuta a lesioni, malattie neurodegenerative o ictus.

Una lesione bilaterale si riflette nella completa paralisi della lingua: la lingua è completamente inoperante, poiché il nervo ipoglosso non solo innerva il muscolo ioglossale, ma è anche responsabile del controllo dei restanti muscoli della lingua. Se il danno ai nervi persiste a lungo, il tessuto muscolare (atrofia) scompare mentre il corpo lo degrada gradualmente. Se si tratta di una lesione reversibile sul nervo ipoglosso, è spesso necessario allenare i muscoli interessati dopo la paralisi della lingua. Esercizi mirati stimolano il corpo a ricostruire il tessuto. In che misura è possibile un completo ripristino dello stato normale dipende dal singolo caso.

Contrariamente alla completa paralisi della lingua, la paralisi della lingua a metà faccia è dovuta a una lesione unilaterale sul nervo ipoglosso. Di conseguenza, la lingua pende sul lato interessato. Al contrario, una leggera deviazione nella posizione della lingua non indica necessariamente un danno ai nervi, poiché può anche essere basato su altri fattori e non è sempre patologico.


Articoli Interessanti

prolina

prolina

La prolina è un amminoacido. L'organismo umano è in grado di produrre prolina a base di acido glutammico. È un aminoacido non essenziale. Che cos'è il prolina? La prolina è uno degli amminoacidi secondari o iminoacidi non essenziali nell'organismo umano, poiché può produrre prolina in modo indipendente. Tutta

Se non va oltre: arresto alla nascita

Se non va oltre: arresto alla nascita

In caso di arresto alla nascita non vi è ulteriore apertura della cervice o ingresso del bambino nella pelvi della madre. Spesso abbastanza cambiamenti di posizione, esercizi di rilassamento o una camminata per fermare l'arresto. Se ciò non bastasse, viene attaccato un farmaco addominale o viene eseguito un taglio cesareo.

paura

paura

La paura è un sentimento di base degli umani. In situazioni minacciose, questa condizione si esprime con una maggiore eccitazione di sentimenti negativi. Che cos'è la paura? La paura diventa un problema solo quando assume una scala più ampia e avvisa il corpo quando, oggettivamente parlando, non c'è effettivamente alcun pericolo, quindi la qualità della vita della persona interessata è limitata. Che

dermatomiosite

dermatomiosite

In caso di cattive condizioni generali con improvvisa debolezza muscolare o dolori muscolari persistenti, dovrebbe essere presa in considerazione una dermatomiosite o una malattia Lilla, specialmente nelle donne e nei bambini. Alcuni cambiamenti della pelle sul viso e sul collo sono anche segni di questa malattia

La sindrome di compressione della vena cava

La sindrome di compressione della vena cava

La sindrome da compressione della vena cava si verifica principalmente nelle donne in gravidanza. I cambiamenti nell'utero esercitano una pressione sulla vena cava. Il limitato riflusso di sangue al cuore provoca problemi circolatori di varia gravità. Al di fuori della gravidanza, la sindrome da compressione della vena cava è un'indicazione di una massa addominale.

menta romana

menta romana

La cosiddetta zecca femmina è in realtà uno del tipo di famiglia delle margherite e non è quindi una vera zecca. Probabilmente ha ottenuto il suo nome a causa della sua fragranza simile alla menta. Condivide anche il suo effetto positivo sugli organi digestivi con la menta. Presenza e coltivazione della zecca della donna In origine, la zecca proviene dalla regione del Caucaso e fu successivamente naturalizzata nell'Europa meridionale e in Asia. M