Il muscolo infraspinato si estende tra la scapola, la capsula articolare della spalla e l'omero grande. Appartiene alla muscolatura striata (scheletrica) ed è importante per la rotazione esterna, il rapimento e l'adduzione del braccio. Come parte della cuffia dei rotatori, può essere danneggiato in una rottura della cuffia.

Qual è il muscolo infraspinato?

Un essere umano normalmente ha 656 muscoli diversi che controllano i movimenti volontari, i riflessi e altre attività motorie. I muscoli responsabili dei movimenti volontari sono chiamati muscoli scheletrici o muscoli striati.

Il suo nome deriva dal motivo a strisce delle fibre muscolari, che si mostra al microscopio ed è causato da filamenti telescopici. Questi filamenti sono strutture filiformi di miosina e actina / tropomiosina. Questi ultimi sono attaccati ai dischi Z che segnano le sezioni trasversali (sarcomeri) all'interno di una miofibrilla. Molte miofibrille sono raggruppate in una fibra muscolare e circondate da uno strato di tessuto connettivo.

A loro volta, più fibre muscolari formano un fascio di fibre muscolari che compongono il muscolo nel suo insieme. Uno dei muscoli scheletrici è il muscolo infraspinato. Si trova sul retro dell'essere umano e si trova nella zona della spalla laterale, dove partecipa alla rotazione esterna, al rapimento e all'adduzione del braccio.

Anatomia e costruzione

L'origine del muscolo infraspinato si trova sulla scapola. Lì, l'organo per il movimento è attaccato alla fossa infraspinata, che rappresenta una fossa nella scapola.

Il muscolo infraspinato si estende da lì sopra l'area della spalla laterale fino alla parte superiore del braccio, dove si attacca alla maggiore tuberosità. Il Tuberculum majus è il grande omero, situato all'estremità della spalla vicino all'omero. Indica la schiena e lateralmente; Ad angolo retto dalla maggiore tuberosità si trova il tubercolo meno o il piccolo omero. Il muscolo infraspinato appartiene alla cuffia dei rotatori, che comprende inoltre il muscolo teres minore, il muscolo sottoscapolare e il muscolo sopraspinato.

Il nervo suprascapularis è responsabile dell'apporto nervoso del muscolo infraspinato. Altre fibre nervose innervano anche il muscolo sopraspinato, che è un altro muscolo della spalla e anche responsabile della rotazione esterna e del rapimento del braccio. Il nervo soprascapolare ha anche fibre sensibili che trasmettono sensazioni dalla capsula articolare della spalla al sistema nervoso.

Funzione e compiti

In effetti, il muscolo infraspinato provoca principalmente la rotazione esterna del braccio. Inoltre, partecipa ai movimenti del braccio verso l'asse dell'arto (adduzione) e lontano dal corpo (abduzione). Se il muscolo deve contrarsi o rilassarsi, il nervo soprascapolare lo informa. Gli impulsi elettrici si muovono sugli assoni delle cellule nervose, che hanno origine come estensioni del corpo cellulare (soma).

Una guaina di mielina circonda gli assoni e li isola elettricamente dal tessuto circostante. Questo composto di guaina di assone e mielina si riferisce alla biologia come una fibra nervosa. Un nervo trasporta una varietà di tali fibre; I processi del nervo soprascapolare terminano, tra l'altro, nel muscolo infraspinato, dove formano una piastra terminale motoria. In questa stazione, il potenziale di azione elettrica si trasforma brevemente in un segnale biochimico: la stimolazione elettrica provoca nella piastra terminale del motore che bolle (vescicole) riversano le sostanze messaggere in esse contenute.

Questi neurotrasmettitori attraversano la piccola distanza dalla fibra muscolare, dove incontrano recettori nella membrana. Uno specifico neurotrasmettitore - acetilcolina in questo caso - si adatta al suo recettore associato come una chiave nella serratura, aprendo i canali ionici nella membrana del muscolo. Gli ioni affluenti innescano il potenziale della placca terminale nel muscolo; Le informazioni ora si diffondono di nuovo in forma elettrica usando il sarcolemma e i T-tubuli - strutture microscopiche nella cellula muscolare.

Nel reticolo sarcoplasmatico, il suo percorso continua, in modo che il segnale sia distribuito nella fibra muscolare. Gli ioni calcio immagazzinati nel reticolo sarcoplasmatico lasciano quindi il sistema a membrana. Legano le sottili fibrille all'interno della fibra muscolare e le fanno incastrare, accorciando il muscolo e avviando il movimento previsto del braccio.

malattie

Come parte della cuffia dei rotatori, il muscolo infraspinato svolge un ruolo nelle lesioni che colpiscono questa struttura generale. Ad esempio, una lesione comune della cuffia dei rotatori è una rottura.

È caratterizzato dalla rottura di tendini e / o muscoli e si verifica particolarmente spesso dopo una caduta sul braccio. Inoltre, l'articolazione della spalla può auskugeln; la rottura fa sì che la cuffia dei rotatori non supporti più adeguatamente l'articolazione, facilitando la dislocazione dell'articolazione. La dislocazione può anche avvenire simultaneamente durante l'infortunio. Oltre alla rottura acuta, è possibile una rottura degenerativa della cuffia dei rotatori: si verifica quando l'articolazione si chiude sempre più in età avanzata, con la malattia degenerativa dell'articolazione può migliorare o accelerare questo processo.

A seconda del tipo di lesione e delle condizioni individuali, sono disponibili varie opzioni per il trattamento di una lacerazione della cuffia dei rotatori. Nel contesto della terapia conservativa da un lato i farmaci, dall'altro lato possono essere applicate misure fisioterapiche. D'altra parte, le procedure chirurgiche mirano a riparare chirurgicamente il danno alla cuffia dei rotatori. Quali misure sono necessarie e possibili nei singoli casi dipende da numerosi fattori influenti.

Pertanto, come per tutti gli interventi medici, la decisione spetta al medico curante. Oltre alle lesioni dirette al muscolo infraspinato, un danno al nervo soprascapolare può causare danni funzionali al muscolo in quanto è responsabile del controllo del muscolo infraspinato.

Tag: 
  • notizia 
  • neonati e bambini 
  • dentizione 
  • valori di laboratorio 
  • sintomi 
  • Top