• Friday April 3,2020

Superiore obliquo

Il muscolo obliquo superiore è un muscolo dei muscoli dell'occhio esterno, che appartiene ai muscoli scheletrici ed è innervato dal quarto nervo cranico. Il muscolo è cruciale per la visione verso il basso degli occhi ed è in armonia con gli altri muscoli dei muscoli esterni dell'occhio. Una paralisi del muscolo porta allo strabismo con doppie immagini.

Qual è il muscolo obliquo superiore?

Da un punto di vista biologico evolutivo, gli esseri umani sono indicati come esseri viventi controllati dagli occhi. Di conseguenza, i biologi evoluzionisti sostengono che in passato le persone hanno fatto affidamento principalmente sulla loro percezione visiva per avere un'idea di ciò che li circonda e per rispondere all'ambiente.

I movimenti oculari hanno contribuito alla sopravvivenza della specie umana. I movimenti oculari sono una complessa interazione di contrazioni di diversi muscoli. I muscoli oculari sono composti da diversi muscoli scheletrici. Uno di questi è il muscolo obliquo superiore, noto anche come muscolo obliquo superiore. Negli animali, questo muscolo viene talvolta definito dorsale obliqua o musculus patheticus.

Il muscolo è un muscolo scheletrico dei muscoli dell'occhio esterno, che comprende anche il retto superiore, il retto laterale, il retto inferiore, il retto mediale e i muscoli inferiori. Tutti i movimenti oculari della persona sono causati dai muscoli oculari esterni.

Anatomia e costruzione

Il muscolo obliquo superiore ha origine dall'osso sfenoide, dalla periorbita e dalla dura madre sul nervo ottico. Il muscolo motore si sposta sul muscolo retto mediale nella direzione rostrale. Ai margini dell'orbita, il tendine del muscolo perfora il tessuto connettivo della troclea, che sotto forma di ipomochlion serve a deviare la trazione muscolare.

Nel suo ulteriore corso nella direzione dorsale, il muscolo obliquo superiore ha un attaccamento al quadrante superiore temporale del bulbo oculare, dove si trova dorsalmente sulla linea dell'equatore sopra la sclera. L'innervazione motoria del muscolo viene data al nervo trocleare, il quarto nervo cranico. Come tutti gli altri nervi motori, questo nervo non trasporta solo fibre motorie, ma è anche dotato di parti sensibili.

Le informazioni sulla posizione e sul tono dei fusi muscolari e dell'apparato tendineo del muscolo Golgi vengono inviate permanentemente al sistema nervoso centrale attraverso le parti sensibili afferenti. Come muscolo scheletrico, il muscolo obliquo superiore è costituito dalle fibre muscolari reali che causano la contrazione e da alcuni tessuti ausiliari, come uno strato esterno di tessuto connettivo duro sotto forma di fascia.

Funzione e compiti

La funzione principale del muscolo obliquo superiore è l'abbassamento o la depressione dell'occhio, che è accompagnato da un rotolamento interiore degli occhi e un leggero abduzione. Il rotolo interno è anche chiamato inzykloduktion. In termini di adduzione, il muscolo è un platino puro. Il rotolamento interiore dell'occhio aumenta con l'aumentare della vista verso l'esterno.

Insieme agli altri muscoli dei muscoli dell'occhio esterno, il muscolo obliquo superiore è responsabile di tutti i movimenti dell'occhio. L'uomo ha quattro muscoli oculari diritti e due obliqui, che sono in una complessa interazione tra loro. Armonizzando la contrazione, i muscoli dell'occhio esterno eseguono congiuntamente tutti i movimenti di rotazione dell'occhio in tutte le direzioni. Inoltre, tutti i muscoli oculari esterni assicurano che le posizioni oculari siano in una relazione stabile tra loro.

Il nervo trocleare fa contrarre solo il muscolo obliquo superiore. Gli altri muscoli oculari dei muscoli oculari esterni ricevono i loro comandi dal sistema nervoso centrale attraverso il nervo oculomotore e il nervo abducens, cioè il terzo e il sesto nervo cranico. A riposo, cioè senza contrazione muscolare attiva iniziata dal nervo, il tono sottostante dei muscoli oculari esterni assicura che l'occhio non si attorcigli.

malattie

Il fallimento del nervo trocleare provoca il fallimento del muscolo obliquo superiore, influenzando la posizione dell'occhio in posizione di riposo. Se tutti gli altri muscoli dei muscoli dell'occhio esterno sono ancora funzionali, l'occhio interessato viene ruotato medialmente verso l'alto dopo il cedimento del muscolo obliquo superiore dal tono dei muscoli dell'occhio ancora funzionanti.

La paralisi del nervo trocleare motorio innervante è anche nota come paralisi del nervo trocleare ed è clinicamente associata allo strabismo e alla corrispondente doppia visione nel senso di una diplopia. La deviazione dell'occhio interessato verso l'alto è anche chiamata ipertrofia. L'introversione simultanea dello sguardo si chiama esotropia. Il rotolo correlato alla paralisi attorno all'asse sagittale verso l'esterno corrisponde nuovamente a una ex ciclotomia. Nel caso di paralisi del muscolo obliquo superiore, ci sono doppie immagini, specialmente sulla verticale, che sono innescate soprattutto dalla vista verso il basso del lato opposto sano.

Spesso i pazienti con tale paralisi dei muscoli degli occhi tendono la testa verso il lato sano per compensare la visione doppia e le menomazioni funzionali. Questo sintomo è anche noto come torcicollo oculare. La paralisi del nervo motore e la conseguente paralisi del muscolo obliquo superiore sono causate da danni infiammatori traumatici, indotti da difetto, indotti da tumore, correlati alla compressione o batterici o autoimmunologici al tessuto nervoso.

In un danno unilaterale isolato al nervo che lo fornisce viene a causa delle sue peculiarità anatomiche esattamente sul lato opposto del lato effettivamente interessato alla paralisi. Oltre alla paralisi, durante le procedure terapeutiche sul muscolo obliquo superiore dovrebbe essere presa in considerazione la vicinanza del suo ampio sito di attacco alla vena esterna del vortice. La vicinanza immediata del muscolo a questa vena rende particolarmente facile il verificarsi di lesioni vascolari durante le procedure chirurgiche all'interno di quest'area.


Articoli Interessanti

prolina

prolina

La prolina è un amminoacido. L'organismo umano è in grado di produrre prolina a base di acido glutammico. È un aminoacido non essenziale. Che cos'è il prolina? La prolina è uno degli amminoacidi secondari o iminoacidi non essenziali nell'organismo umano, poiché può produrre prolina in modo indipendente. Tutta

Se non va oltre: arresto alla nascita

Se non va oltre: arresto alla nascita

In caso di arresto alla nascita non vi è ulteriore apertura della cervice o ingresso del bambino nella pelvi della madre. Spesso abbastanza cambiamenti di posizione, esercizi di rilassamento o una camminata per fermare l'arresto. Se ciò non bastasse, viene attaccato un farmaco addominale o viene eseguito un taglio cesareo.

paura

paura

La paura è un sentimento di base degli umani. In situazioni minacciose, questa condizione si esprime con una maggiore eccitazione di sentimenti negativi. Che cos'è la paura? La paura diventa un problema solo quando assume una scala più ampia e avvisa il corpo quando, oggettivamente parlando, non c'è effettivamente alcun pericolo, quindi la qualità della vita della persona interessata è limitata. Che

dermatomiosite

dermatomiosite

In caso di cattive condizioni generali con improvvisa debolezza muscolare o dolori muscolari persistenti, dovrebbe essere presa in considerazione una dermatomiosite o una malattia Lilla, specialmente nelle donne e nei bambini. Alcuni cambiamenti della pelle sul viso e sul collo sono anche segni di questa malattia

La sindrome di compressione della vena cava

La sindrome di compressione della vena cava

La sindrome da compressione della vena cava si verifica principalmente nelle donne in gravidanza. I cambiamenti nell'utero esercitano una pressione sulla vena cava. Il limitato riflusso di sangue al cuore provoca problemi circolatori di varia gravità. Al di fuori della gravidanza, la sindrome da compressione della vena cava è un'indicazione di una massa addominale.

menta romana

menta romana

La cosiddetta zecca femmina è in realtà uno del tipo di famiglia delle margherite e non è quindi una vera zecca. Probabilmente ha ottenuto il suo nome a causa della sua fragranza simile alla menta. Condivide anche il suo effetto positivo sugli organi digestivi con la menta. Presenza e coltivazione della zecca della donna In origine, la zecca proviene dalla regione del Caucaso e fu successivamente naturalizzata nell'Europa meridionale e in Asia. M