• Friday April 3,2020

Muscolo pterigoideo laterale

Il muscolo pterigoideo laterale è un muscolo masticatorio della dentatura umana. Assicura l'apertura della mascella. Inoltre rende possibile spingere la mascella in avanti.

Qual è il muscolo pterigoideo laterale?

Il muscolo pterigoideo laterale è un muscolo dell'articolazione temporo-mandibolare. Si trova all'interno della mascella inferiore. I muscoli masticatori degli umani sono controllati da quattro muscoli masticatori. Questi includono il muscolo massetere, il muscolo temporale, il muscolo pterigoideo mediale e il muscolo pterigoideo laterale.

Ognuno di essi ha un compito e una funzione diversi nell'area della mascella. Questi includono il movimento della mascella inferiore. Il muscolo pterigoideo laterale è chiamato muscolo dell'ala esterno. Come unico muscolo serve l'apertura della mascella. Inoltre, consente lo spostamento della mascella in avanti o lateralmente. Consente di eseguire il cosiddetto movimento di rettifica con la mascella. Il muscolo pterigoideo laterale si distingue dall'attività funzionale degli altri muscoli. È l'unico muscolo responsabile della chiusura della mascella. Invece, la mascella può essere aperta con essa. Il decorso del muscolo pterigoideo laterale è quasi orizzontale. È fornito dal nervo pterigoideo laterale.

Anatomia e costruzione

Il nervo mandibolare lascia la cavità cranica attraverso il forame ovale come un ramo del v. Nervo cranico, il nervo trigemino. La parte sensibile del nervo è divisa in quattro rami.

Questi includono il nervo auricolo-temporale, il nervo alveolare inferiore, il nervo linguale e il nervo buccale. La parte motoria del nervo mandibolare si divide anche in diversi rami. Questi si spostano quindi sui muscoli mascellari della mascella inferiore e sul pavimento della bocca. Includono il nervo masseterico, i nervi temporali, i nervi pterigoideo e il nervo milooide. Nervus massetericus innerva il muscolo massetere. I nervi temporali innervano il muscolo temporale. I nervi pterigoidi forniscono i muscoli pterigoideo laterali e mediali.

Il nervo mylohyoideus è responsabile della fornitura del Mundfleischmuskulatur. Il muscolo pterigoideo laterale ha due teste muscolari. Uno si trova sulla superficie sotto l'osso sfenoide, l'osso sfenoide. Ci sono due forti placche ossee chiamate Ala maggiore. Il muscolo pterigoideo laterale continua a spostarsi attraverso la lamina laterale fino all'estensione ossea dell'osso sfenoide. Questo è il processo pterigoideo. C'è la seconda testa del muscolo ptergoideo laterale.

Funzione e compiti

Ciascuno dei quattro muscoli dell'apparato masticatorio ha compiti e funzioni diversi. Il muscolo massetere è il muscolo masticatorio responsabile della chiusura della mascella. Il muscolo temporale è chiamato muscolo temporale e aiuta a chiudere e ritrarre la mascella inferiore. Il muscolo pterigoideo mediale è il muscolo interno dell'ala. Serve anche la mascella.

Il muscolo pterigoideo laterale è chiamato muscolo dell'ala esterno. Serve per muovere l'articolazione temporo-mandibolare. Inizia l'apertura della bocca. Inoltre, consente l'avanzamento della mascella inferiore. Questo processo si chiama sporgenza. I movimenti sono ulteriormente rafforzati. Ciò accade attraverso il circuito masticatorio con il massetere. Un'altra funzione del muscolo pterigoideo laterale è il movimento di scorrimento. Questi vanno da destra a sinistra e viceversa. Questo processo si chiama laterotrusione.

La laterotrusione provoca una contrazione unilaterale del muscolo pterigoideo laterale nella direzione opposta. La bocca è continuata oltre all'azione del muscolo pterigoideo laterale da parte dei muscoli soprahyusal. Questi sono quattro muscoli che appartengono ai muscoli ipoidi. Questi sono il musculus digastricus, il muscolo mieloide, il muscolo genioideo e il muscolo stilooideo. La parte superiore del muscolo pterigoideo laterale porta la cartilagine articolare, il disco articolare. Sostiene quindi il movimento dell'articolazione temporo-mandibolare.

malattie

L'intero apparato masticatorio è uno dei sistemi più sensibili del corpo. Il muscolo pterigoideo laterale svolge un ruolo centrale nelle malposizioni dell'articolazione temporo-mandibolare.

La disfunzione craniomandibolare è una condizione in cui la mascella è disadattata rispetto alla mascella. È considerato un termine generico per disregolazioni strutturali o funzionali. Inoltre, di seguito sono riepilogati i problemi biochimici e psicologici della funzione muscolare o articolare. Le malattie causano che quando si mordono le due mascelle non si incontrano in modo ottimale. Ciò ha la conseguenza che c'è un forte sovraccarico o un caricamento errato dei muscoli masticatori. Questi stress causano dolore, irritazione e gonfiore in entrambe le mascelle.

La disfunzione craniomandibolare può essere dovuta a disposizioni genetiche, stress mentale o malocclusioni. Inoltre, otturazioni dentali troppo alte o protesi difettose come corone e ponti possono scatenare la malattia. Inoltre, la perdita di sostanza dentale dovuta, ad esempio, alla carie per le cause della disfunzione craniomandibolare. Il mal di testa, il collo e la schiena possono essere innescati da un malfunzionamento dell'articolazione temporo-mandibolare e dell'organo da masticare associato. I muscoli della masticazione e della schiena sono strettamente interconnessi e si influenzano a vicenda.

Reclami come acufeni o altri rumori alle orecchie, vertigini e disturbi visivi spesso provengono da un organo da masticare difettoso. Disfagia, serraggio notturno dei denti, aumento della salivazione o mal di denti, nonché infiammazione dei nervi sono anche tra le lamentele dell'apparato masticatorio. Infezioni o malattie virali come l'herpes influenzano la regione orale. Colpisce i movimenti della mascella e il loro carico.


Articoli Interessanti

prolina

prolina

La prolina è un amminoacido. L'organismo umano è in grado di produrre prolina a base di acido glutammico. È un aminoacido non essenziale. Che cos'è il prolina? La prolina è uno degli amminoacidi secondari o iminoacidi non essenziali nell'organismo umano, poiché può produrre prolina in modo indipendente. Tutta

Se non va oltre: arresto alla nascita

Se non va oltre: arresto alla nascita

In caso di arresto alla nascita non vi è ulteriore apertura della cervice o ingresso del bambino nella pelvi della madre. Spesso abbastanza cambiamenti di posizione, esercizi di rilassamento o una camminata per fermare l'arresto. Se ciò non bastasse, viene attaccato un farmaco addominale o viene eseguito un taglio cesareo.

paura

paura

La paura è un sentimento di base degli umani. In situazioni minacciose, questa condizione si esprime con una maggiore eccitazione di sentimenti negativi. Che cos'è la paura? La paura diventa un problema solo quando assume una scala più ampia e avvisa il corpo quando, oggettivamente parlando, non c'è effettivamente alcun pericolo, quindi la qualità della vita della persona interessata è limitata. Che

dermatomiosite

dermatomiosite

In caso di cattive condizioni generali con improvvisa debolezza muscolare o dolori muscolari persistenti, dovrebbe essere presa in considerazione una dermatomiosite o una malattia Lilla, specialmente nelle donne e nei bambini. Alcuni cambiamenti della pelle sul viso e sul collo sono anche segni di questa malattia

La sindrome di compressione della vena cava

La sindrome di compressione della vena cava

La sindrome da compressione della vena cava si verifica principalmente nelle donne in gravidanza. I cambiamenti nell'utero esercitano una pressione sulla vena cava. Il limitato riflusso di sangue al cuore provoca problemi circolatori di varia gravità. Al di fuori della gravidanza, la sindrome da compressione della vena cava è un'indicazione di una massa addominale.

menta romana

menta romana

La cosiddetta zecca femmina è in realtà uno del tipo di famiglia delle margherite e non è quindi una vera zecca. Probabilmente ha ottenuto il suo nome a causa della sua fragranza simile alla menta. Condivide anche il suo effetto positivo sugli organi digestivi con la menta. Presenza e coltivazione della zecca della donna In origine, la zecca proviene dalla regione del Caucaso e fu successivamente naturalizzata nell'Europa meridionale e in Asia. M