• Friday April 3,2020

Muscolo sottoscapolare

Il muscolo sottoscapolare (latino per il muscolo della scapola inferiore) è inteso come un muscolo scheletrico più grande della spalla. L'interno della scapola è completamente coperto dal muscolo sottoscapolare. Il suo compito principale è la rotazione interna degli omeri (latino per omero).

Cos'è il muscolo sottoscapolare?

Come componente importante del gruppo ventrale dei muscoli della spalla, il muscolo sottoscapolare è un muscolo centrale nella cuffia dei rotatori. Inizia all'interno della scapola (scapola).

Insieme agli altri muscoli della cuffia dei rotatori, il muscolo infraspinato (latino per le ossa inferiori), il muscolo sopraspinato (latino per il muscolo sopraorbitale) e il muscolo teres minore (latino per il muscolo tondo piccolo), contribuisce alla testa dell'umero nella presa e stabilizzare.

Anatomia e costruzione

Il muscolo sottoscapolare ha origine dalla fossa sottoscapolare, una depressione ossea sul lato ventrale della scapola. Comincia dal tubercolo meno (piccole cuspidi) dell'omero e dalla struttura ossea, che si trova direttamente sotto di esso (Crista tuberculis minoris). Con la presente, alcune delle fibre tendinee del muscolo possono estendersi nella capsula articolare della spalla.

Dei muscoli della cuffia dei rotatori, il muscolo sottoscapolare è il più grande. Partendo da lì, corre in direzione del caput humeri (latino per la testa dell'omero). La parte superiore del muscolo (così come quella del muscolo sopraspinato) corre tra il tetto della spalla e il caput omerale. L'afflusso di nervo del muscolo è dato dal nervo sottoscapolare (latino per il nervo sottolame). Questo è uno dei rami del plesso brachiale (latino per treccia).

Funzione e compiti

Il compito principale del muscolo sottoscapolare è garantire la rotazione interna della parte superiore del braccio nella spalla. Un'altra funzione principale è l'adduzione della parte superiore del braccio al corpo, quindi la preadesione. Allo stesso modo, il muscolo può causare il rapimento della parte superiore del braccio, cioè la sua rimozione dal corpo.

Con l'adesione di alcune fibre muscolari del muscolo sottoscapolare con la capsula dell'articolazione della spalla, la capsula articolare viene allungata e quindi stabilizzata. Questo muscolo è un muscolo della spalla straordinariamente forte. Ha una sezione trasversale fisiologica elevata, che risulta dal suo piumaggio pronunciato. Per la rotazione interna della parte superiore del braccio, il muscolo sottoscapolare è quindi l'attore più importante. L'adduzione è supportata dall'area superiore, mentre l'area inferiore del muscolo assicura il rapimento. La stabilizzazione dell'omero nella fossa glenoidea (latino per presa piatta) impedisce all'osso di fuoriuscire dalla presa.

Allo stesso modo, in questo modo si evita il pizzicamento della capsula dell'articolazione della spalla. Il tendine del muscolo è molto ampio e svolge quindi un ruolo importante nella protezione dalla lussazione della spalla anteriore. Esempi della funzione del muscolo nella vita quotidiana sono numerosi, ovunque sia richiesta una rotazione interna. Un compito tipico di questo muscolo è, ad esempio, lo sterzo durante la guida, con le braccia incrociate davanti al corpo. Anche quando viene applicata la cintura di sicurezza, viene effettuata la rotazione interna della spalla.

malattie

Spesso, il muscolo sottoscapolare è incluso come parte della cuffia dei rotatori in caso di rottura di questa cuffia. Le lesioni al muscolo possono quindi causare gli stessi sintomi della rottura comune della cuffia dei rotatori.

Oltre al dolore per lo più grave, una violazione di questo muscolo mostra anche una gamma significativamente ridotta di movimento nella rotazione interna della parte superiore del braccio. Tuttavia, è anche possibile che vi sia una lussazione simultanea, cioè la spalla sia lussata colloquialmente. Soprattutto in alcuni eventi di incidente è una contro-collisione in un rapito, quindi spostato dal braccio del corpo, tipico. Tali impatti sulle braccia ruotate esternamente sono comuni in sport come pallamano o pallavolo. Il dolore è associato alla lesione. La persona interessata in genere allontana il braccio dal proprio corpo in modo da evitare il dolore e lo sostiene lateralmente.

La mobilità della spalla è molto limitata, mentre manca il normale contorno della spalla. Sono disponibili esami a raggi X, imaging a risonanza magnetica e imaging a risonanza magnetica. Nelle radiografie, la testa della parte superiore del braccio di solito non è più visibile nella presa. I due metodi di tomografia rivelano possibili crepe nel muscolo. Una limitazione della funzione del muscolo sottoscapolare può anche essere causata da una paralisi del nervo sottoscapolare, cioè il nervo che fornisce il muscolo. Anche in questo caso, la limitazione della rotazione interna è un sintomo centrale.

In questo caso, in particolare il palmo può essere spostato solo con l'aiuto di altri muscoli verso la schiena. A causa della sua importante funzione stabilizzante rispetto alla testa dell'omero, anche il danno al muscolo sottoscapolare influisce sulla stabilità della testa dell'omero. Il danno al sottoscapolare porta a una significativa destabilizzazione della parte superiore della testa. Ad esempio, la parte superiore del braccio può scorrere in avanti fino a quando non sfrega sul tetto della spalla o sul processus Coracoideus (latino per l'estensione del becco del corvo).

Questo fenomeno è noto come impingement alla spalla. Questo non deve essere confuso con l'impingement dell'uscita più frequente, che è causato da un restringimento osseo. Le lesioni parziali su questo muscolo sono problematiche. La perdita di funzionalità spesso rimane inosservata a causa della grande quantità di tendini e del contatto diretto del muscolo con la parte superiore del braccio sotto il tendine.


Articoli Interessanti

prolina

prolina

La prolina è un amminoacido. L'organismo umano è in grado di produrre prolina a base di acido glutammico. È un aminoacido non essenziale. Che cos'è il prolina? La prolina è uno degli amminoacidi secondari o iminoacidi non essenziali nell'organismo umano, poiché può produrre prolina in modo indipendente. Tutta

Se non va oltre: arresto alla nascita

Se non va oltre: arresto alla nascita

In caso di arresto alla nascita non vi è ulteriore apertura della cervice o ingresso del bambino nella pelvi della madre. Spesso abbastanza cambiamenti di posizione, esercizi di rilassamento o una camminata per fermare l'arresto. Se ciò non bastasse, viene attaccato un farmaco addominale o viene eseguito un taglio cesareo.

paura

paura

La paura è un sentimento di base degli umani. In situazioni minacciose, questa condizione si esprime con una maggiore eccitazione di sentimenti negativi. Che cos'è la paura? La paura diventa un problema solo quando assume una scala più ampia e avvisa il corpo quando, oggettivamente parlando, non c'è effettivamente alcun pericolo, quindi la qualità della vita della persona interessata è limitata. Che

dermatomiosite

dermatomiosite

In caso di cattive condizioni generali con improvvisa debolezza muscolare o dolori muscolari persistenti, dovrebbe essere presa in considerazione una dermatomiosite o una malattia Lilla, specialmente nelle donne e nei bambini. Alcuni cambiamenti della pelle sul viso e sul collo sono anche segni di questa malattia

La sindrome di compressione della vena cava

La sindrome di compressione della vena cava

La sindrome da compressione della vena cava si verifica principalmente nelle donne in gravidanza. I cambiamenti nell'utero esercitano una pressione sulla vena cava. Il limitato riflusso di sangue al cuore provoca problemi circolatori di varia gravità. Al di fuori della gravidanza, la sindrome da compressione della vena cava è un'indicazione di una massa addominale.

menta romana

menta romana

La cosiddetta zecca femmina è in realtà uno del tipo di famiglia delle margherite e non è quindi una vera zecca. Probabilmente ha ottenuto il suo nome a causa della sua fragranza simile alla menta. Condivide anche il suo effetto positivo sugli organi digestivi con la menta. Presenza e coltivazione della zecca della donna In origine, la zecca proviene dalla regione del Caucaso e fu successivamente naturalizzata nell'Europa meridionale e in Asia. M