• Monday April 6,2020

Musculus temporalis

Il muscolo temporale è un muscolo masticatorio umano. Il muscolo scheletrico è a livello del tempio. Aiuta a chiudere la mascella.

Cos'è il muscolo temporale?

Il muscolo temporale è un muscolo scheletrico situato nell'area facciale umana. Si chiama muscolo temporale perché si estende sotto la tempia su entrambi i lati del viso. Allo stesso tempo, raggiunge la mascella inferiore.

Il suo compito è di aiutare con la chiusura della mascella inferiore. Ai muscoli masticatori della mascella umana vengono contati in totale quattro muscoli. Tutti hanno funzioni diverse nella regolamentazione del processo di acquisto. I quattro muscoli assumono tutte le funzioni necessarie come l'apertura o la chiusura potente della mascella inferiore. La mobilità in tutte le direzioni è controllata da loro. I quattro muscoli masticatori sono il muscolo massetere, il muscolo temporale, il muscolo pterigoideo mediale e il muscolo pterigoideo laterale.

Mentre il muscolo massetere lavora a stretto contatto con il muscolo pterigoideo mediale, anche il muscolo pterigoideo laterale e il muscolo temporale hanno altri compiti. Il muscolo temporale è responsabile oltre l'occlusione della mascella per un possibile ritiro della mascella inferiore. Di tutti e quattro i muscoli masticatori, il muscolo temporale è il muscolo più forte dell'apparato masticatorio.

Anatomia e costruzione

Il nervo V. cranico è il nervo trigemino. Fornisce con i suoi rami nervosi gran parte del viso. Inoltre, è responsabile con i suoi rami delle capacità motorie dell'apparato masticatorio. In particolare, il nervo mandibolare assume questa funzione.

Si spegne come un secondo ramo del trigemino nervoso. Contiene fibre nervose sensibili che, tra le altre cose, forniscono la pelle del viso. Inoltre, ospita parti del motore. Questi si dividono ulteriormente in diversi sotto-rami. Includono il nervo masseterico, che innerva il muscolo massetere. I nervi temporali forniscono il muscolo temporale. I nervi pterigoidi sono responsabili dell'apporto del muscolo pterigoideo laterale e del muscolo pterigoideo mediale.

L'ultimo ramo inferiore è il nervo milohyoideus, che assume il rifornimento dei muscoli del suolo della bocca dal nervo milooide. Il muscolo temporale inizia con il suo decorso nella fossa temporale. Questo è un rigonfiamento sul cranio vicino al tempio. Grande e a forma di ventaglio, il muscolo temporale si diffonde in quest'area. Si tira verso la mascella inferiore dei Kauapparates.

Funzione e compiti

Come tutti gli altri muscoli dell'apparato masticatorio, il muscolo temporale ha un ruolo importante nel movimento della mascella inferiore. Le sue funzioni principali sono la chiusura della mascella inferiore e la possibilità di spostare la mascella inferiore verso la parte posteriore. Il muscolo massetere, insieme al muscolo pterigoideo mediale, forma un'unità. Giacevano attorno alla mascella inferiore come una fionda, aumentando la loro potenza durante il processo di chiusura. Al contrario, il muscolo temporale funziona in gran parte da solo.

Nel confronto diretto con gli altri muscoli masticatori, il muscolo temporale è lo sfintere più forte dell'apparato masticatorio. Solleva la mascella inferiore e consente quindi la chiusura della bocca. I muscoli masticatori sono significativamente coinvolti nella comminuzione del cibo. A causa dei movimenti della mascella, il cibo ingerito viene suddiviso in piccole parti, in modo che possa avvenire una successiva digestione. Viene masticato fino a quando i singoli elementi del cibo non hanno una dimensione che può iniziare il processo di deglutizione. Elementi troppo grandi rendono difficile la deglutizione o la rendono impossibile.

La chiusura della mascella inferiore consente di mordere quando si mangia. Solo chiudendo la mascella inferiore, questa possibilità di assunzione di cibo può avvenire affatto. Inoltre, i muscoli dell'apparato masticatorio sono significativamente coinvolti nella formazione del linguaggio. Senza di essi, la fonazione necessaria quando si parla o si canta non sarebbe possibile in misura sufficiente. Alcuni suoni si sviluppano solo sollevando e abbassando la mascella inferiore. Il lavoro preliminare della fonazione si svolge nella laringe e nella glottide. È raffinato e completato dal movimento della mascella.

malattie

Il dolore che si manifesta nell'apparato masticatorio è percepito dagli umani come particolarmente doloroso. Molti pazienti segnalano attacchi di dolore che sono principalmente legati ai denti. Il disagio dei denti ha un effetto diretto sull'intero apparato masticatorio.

Malposizioni, dentiere difettose o infiammazione dei nervi in ​​tutta la bocca e la gola causano problemi durante la masticazione. I muscoli masticatori sono in stretta connessione con i muscoli della testa, del collo e della schiena. Non appena sono presenti lamentele dei muscoli masticatori, il dolore si verifica di solito negli altri muscoli. Mal di testa o tensione è uno dei sintomi più comuni. Più sono digrignamento dei denti notturni o Kieferfehlhaltungen. Una volta che il muscolo temporale soffre di lesioni, la mascella inferiore non può essere spostata all'indietro. Ciò ha un impatto diretto sulla frantumazione del cibo.

Inoltre, i movimenti di rotazione della mascella inferiore non sono più possibili. Le lesioni sono concepibili dopo incidenti, fratture della mascella o durante interventi chirurgici nell'area della gola o della bocca. Inoltre, la compromissione del muscolo temporale può comportare cambiamenti e limitazioni nella formazione del linguaggio. I suoni non possono più essere pronunciati correttamente se la mascella non riesce a compiere i suoi movimenti in modo sufficiente. Ciò può portare a fraintendimenti nella vita di tutti i giorni e persino rendere impossibile il canto professionale.


Articoli Interessanti

rettoscopia

rettoscopia

Per controllare l'intestino sensibile alle anomalie patologiche, i medici usano il metodo della rettoscopia. È uno studio frenetico, ma molto prezioso, nel suo uso. Cos'è la rettoscopia? Una rettoscopia è un riflesso del retto. Un medico esamina il retto durante questa procedura e di solito anche una parte dell'ano. U

costipazione

costipazione

La costipazione (costipazione) è un sintomo comune e comune. Una costipazione è caratterizzata da un difficile movimento intestinale. Il movimento intestinale è generalmente ritardato o irregolare e la sua consistenza è generalmente dura o indurita. Cos'è la costipazione? Una costipazione è caratterizzata da un difficile movimento intestinale. Il m

Ipertensione portale

Ipertensione portale

L'ipertensione portale si riferisce alla pressione eccessiva nella vena portale, la vena portae. Anche il termine ipertensione portale viene usato come sinonimo. La vena porta è responsabile del passaggio del sangue dagli organi addominali, come stomaco, intestino e milza, nel fegato. Qualsiasi pressione superiore a 4 - 5 mmHg nella vena porta è considerata ipertensione portale.

Viszerozeption

Viszerozeption

Il termine viscousception comprende tutti i sistemi sensoriali del corpo che percepiscono la condizione e l'attività degli organi interni, come il sistema digestivo e la circolazione cardio-polmonare. I vari sensori segnalano le loro percezioni principalmente attraverso percorsi afferenti del sistema nervoso autonomo al cervello, che elabora ulteriormente i messaggi.

Osteoporosi (perdita ossea)

Osteoporosi (perdita ossea)

L'osteoporosi o la perdita ossea è una delle malattie ossee più comuni nel nostro paese. Ciò porta a una forte riduzione della massa ossea, che porta a danni alla massa ossea e alla struttura ossea nel corso. Questi disturbi influenzano quindi la funzione ossea, che spesso porta a fratture ossee. L

sindrome KIDD

sindrome KIDD

La sindrome KiDD è la sequela della sindrome di Kiss non trattata, mentre nella sindrome KiDD si tratta di disfunzione delle articolazioni della testa, che successivamente hanno effetti sull'organismo. Poiché tali disturbi non "crescono troppo", è quindi importante cercare un trattamento precoce. L