• Monday April 6,2020

Musculus teres major

Il muscolo principale appartiene alla muscolatura scheletrica, che gli esseri umani possono controllare arbitrariamente e fa parte della cuffia dei rotatori. Tira dal margine scapolare inferiore alla parte superiore del braccio e contribuisce ai movimenti del braccio.

Qual è il muscolo principale teres?

Sulla sua schiena è il muscolo maggiore teres, il cui nome significa molto "grande muscolo rotondo". La sua origine si trova sul bordo inferiore della scapola (nelle scapole inferiori) e si attacca all'omero. L'approccio del muscolo teres maggiore si trova sul crista tuberculi minoris nella parte anteriore dell'osso, che si attacca anche al grande muscolo dorsale (muscolo latissimus dorsi).

Il muscolo maggiore appartiene alla muscolatura scheletrica ed è costituito da fibre striate, il cui modello risale alla struttura del muscolo. All'interno del muscolo scheletrico, il muscolo principale può essere assegnato ai muscoli della spalla. Secondo alcune definizioni, appartiene alla cuffia dei rotatori, mentre altre lo considerano solo come stabilizzatore secondario della cuffia. Il controllo deliberato del muscolo grande teres si basa sulle aree motorie del cervello e passa attraverso le fibre nervose simpatiche.

Anatomia e costruzione

Tratte nervose che forniscono ai grandi muscoli un passaggio maggiore attraverso i nervi spinali del collo. I comandi per il rilassamento e il rilassamento provengono principalmente dal nervo sottoscapolare, che fornisce anche stimoli neuronali al nervo sottoscapolare.

Meno comunemente, il muscolo grande teres riceve anche segnali nervosi dal nervo toracodorsale, che appartiene al plesso brachiale e controlla anche il grande muscolo dorsi (muscolo latissimus dorsi) o dal nervo ascellare, che appartiene alla stessa rete di nervi, e principalmente al muscolo deltoide e al muscolo teres minor è responsabile.

Il tendine del muscolo grande teres è lungo 5 cm e si collega all'omero attraverso una borsa (bursa sinoviale), per cui la borsa riduce l'attrito. Il muscolo circonda un guscio di tessuto connettivo; la sua struttura interna è costituita da fasci di fibre muscolari, ciascuna delle quali combina diverse fibre muscolari. Le fibre muscolari formano le cellule muscolari, ma non si differenziano tra loro come le altre cellule del corpo. Invece, formano un tessuto continuo con molti nuclei cellulari. Le miofibrille corrono longitudinalmente attraverso le fibre muscolari, le loro sezioni (sarcomeri) costituite da actina / tropomiosina e filamenti di miosina.

Funzione e compiti

Alla transizione da una fibra del nervo motore al muscolo è la piastra terminale del motore. Il potenziale di azione elettrica dall'assone della cellula nervosa innesca qui il rilascio di neurotrasmettitori come in una sinapsi interneuronale.

Queste sostanze messaggere (spesso acetilcolina) causano il potenziale della placca terminale sul muscolo, che si diffonde attraverso la membrana cellulare della cellula muscolare, i canali nella cellula (T-tubuli) e il sistema di guida del reticolo sarcoplasmatico. Il reticolo sarcoplasmatico rilascia ioni di calcio in risposta al potenziale elettrico, dopodiché i miofilamenti filiformi si incastrano, accorciando così il muscolo. Quando il nervo non eccita più il muscolo, scompare anche il potenziale della piastra terminale elettrica, gli ioni calcio rimangono nel reticolo sarcoplasmatico e il muscolo si rilassa.

Il compito del muscolo principale è quello di muovere il braccio in determinate direzioni; Partecipa alla rotazione interna, che gira il braccio verso l'interno, e alla retroversione, che lo tira indietro. Anche con i movimenti della parte superiore del braccio verso il corpo (adduzione), il grande muscolo rotondo è attivo. Questi movimenti coinvolgono anche il muscolo latissimus dorsi. Inoltre, il muscolo maggiore teres insieme al muscolo maggiore pettorale e al muscolo latissimus dorsi stabilizza la spalla.

malattie

Come parte della cuffia dei rotatori, il muscolo maggiore può essere influenzato da condizioni che influenzano questa struttura anatomica. La cuffia dei rotatori strappa il tendine che collega il muscolo all'osso.

La rottura provoca dolore e ostacola la mobilità della parte braccio-spalla. Essendo uno dei muscoli stabilizzatori della cuffia, il muscolo maggiore è di grande importanza nella riabilitazione dopo lesioni della cuffia dei rotatori, poiché può alleviare la struttura danneggiata. Questo caso è comune nella sindrome da impingement quando viene pizzicato il tendine del muscolo della spalla.

Nella sindrome del dolore miofasciale, il muscolo si indurisce a causa di uno stato di tensione persistente. La tensione sui muscoli principali può influenzare la mobilità del muscolo della spalla e quindi la mobilità del braccio. Inoltre, l'ipertensione provoca dolore, specialmente durante i movimenti e la pressione sulla zona interessata. Un tale punto di innesco deriva ad esempio da sovraccarichi e sottili fessure nel muscolo. Il dolore al movimento può anche essere dovuto ad altre cause, come la borsite. A seconda della gravità, si manifesta con dolore più debole o più forte, l'area può essere localmente riscaldata o gonfia. Potrebbe anche esserci del fluido nel tessuto.

Occasionalmente, il controllo del muscolo maggiore teres non ha origine dal nervo sottoscapolare, ma dal nervo ascellare. Questo nervo corre lungo l'ascella vicino all'omero - in una posizione che è molto vulnerabile alle fratture. Se l'omero si rompe, il tessuto circostante può essere danneggiato e il nervo ascellare può essere interessato. Le lesioni sul nervo sono anche possibili quando si disloca la spalla (lussazione). Indipendentemente dalla causa, le lesioni alle fibre nervose motorie che controllano i muscoli principali possono limitare la capacità del muscolo di muoversi. Questo vale anche per gli altri due nervi (nervo sottoscapolare e nervo toracodorsale).


Articoli Interessanti

rettoscopia

rettoscopia

Per controllare l'intestino sensibile alle anomalie patologiche, i medici usano il metodo della rettoscopia. È uno studio frenetico, ma molto prezioso, nel suo uso. Cos'è la rettoscopia? Una rettoscopia è un riflesso del retto. Un medico esamina il retto durante questa procedura e di solito anche una parte dell'ano. U

costipazione

costipazione

La costipazione (costipazione) è un sintomo comune e comune. Una costipazione è caratterizzata da un difficile movimento intestinale. Il movimento intestinale è generalmente ritardato o irregolare e la sua consistenza è generalmente dura o indurita. Cos'è la costipazione? Una costipazione è caratterizzata da un difficile movimento intestinale. Il m

Ipertensione portale

Ipertensione portale

L'ipertensione portale si riferisce alla pressione eccessiva nella vena portale, la vena portae. Anche il termine ipertensione portale viene usato come sinonimo. La vena porta è responsabile del passaggio del sangue dagli organi addominali, come stomaco, intestino e milza, nel fegato. Qualsiasi pressione superiore a 4 - 5 mmHg nella vena porta è considerata ipertensione portale.

Viszerozeption

Viszerozeption

Il termine viscousception comprende tutti i sistemi sensoriali del corpo che percepiscono la condizione e l'attività degli organi interni, come il sistema digestivo e la circolazione cardio-polmonare. I vari sensori segnalano le loro percezioni principalmente attraverso percorsi afferenti del sistema nervoso autonomo al cervello, che elabora ulteriormente i messaggi.

Osteoporosi (perdita ossea)

Osteoporosi (perdita ossea)

L'osteoporosi o la perdita ossea è una delle malattie ossee più comuni nel nostro paese. Ciò porta a una forte riduzione della massa ossea, che porta a danni alla massa ossea e alla struttura ossea nel corso. Questi disturbi influenzano quindi la funzione ossea, che spesso porta a fratture ossee. L

sindrome KIDD

sindrome KIDD

La sindrome KiDD è la sequela della sindrome di Kiss non trattata, mentre nella sindrome KiDD si tratta di disfunzione delle articolazioni della testa, che successivamente hanno effetti sull'organismo. Poiché tali disturbi non "crescono troppo", è quindi importante cercare un trattamento precoce. L