• Tuesday February 25,2020

dermatite caterpillar

La dermatite da bruco è una malattia della pelle causata dai bruchi della falena processionale. Il contatto con i peli di ortica di questi bruchi provoca una reazione allergica che porta ad un tipico aspetto della pelle. Allo stesso tempo, possono verificarsi disturbi respiratori e congiuntivite. La dermatite da bruco si verifica quasi esclusivamente nei mesi estivi.

Cos'è la dermatite da bruco?

La dermatite da bruco è un'allergia da contatto. Quando la pelle viene a contatto con i peli dei bruchi, in particolare la falena processionale in quercia, il veleno in essa contenuto provoca una reazione allergica.

La dermatosi risultante è caratterizzata da arrossamenti nettamente delineati e forti noduli o papule pruriginosi. In alcuni casi, oltre ai tipici cambiamenti della pelle anche altre reazioni allergiche.

Oltre alla congiuntivite, questo include principalmente malattie del tratto respiratorio. Ad esempio, la dermatite da bruco può anche portare a infezioni alla gola, bronchite e disturbi asmatici. In casi molto gravi è possibile uno shock anafilattico.

cause

La dermatite da bruco si verifica principalmente nel periodo da aprile a settembre, quando i bruchi dello spinner processionale sono in movimento e possono verificarsi localmente in numero molto elevato.

Non è necessario avere un contatto diretto del corpo con i bruchi per ottenerlo. È sufficiente entrare in contatto con i peli dei bruchi, che li perdono durante la loro migrazione attraverso aree boschive in grandi quantità e che possono ancora librarsi nell'aria per un lungo periodo di tempo o possono essere a terra o sottobosco.

I peli dei bruchi della processione sono lunghi da due a tre millimetri di ortica che si attaccano saldamente alla pelle con i barbi. Questi contengono la tossina di ortica taumetopoeina, una proteina che viene rilasciata quando i capelli si staccano.

Il corpo reagisce con la secrezione di istamina, che si manifesta come arrossamento, prurito e altre reazioni allergiche che danno il tipico schema della dermatite da bruco.

Sintomi, reclami e segni

I primi segni di dermatite da bruco compaiono poco dopo che la pelle è entrata in contatto con i peli sottili e velenosi dell'ortica. Le forme più comuni sono prurito, irritazione della pelle ed eruzioni cutanee. In genere si tratta della formazione di noduli pruriginosi, che possono assomigliare a quelli delle punture di insetti.

Dopo un po ', provoca forti bruciature o papule. Le aree della pelle colpite sono fortemente irritate e arrossate. Di norma, sono interessate aree scoperte come viso, collo o braccia. A volte l'eruzione cutanea pruriginosa può verificarsi anche nella zona del collo, sulle gambe o sulla schiena.

Dopo qualche tempo, appare un malessere generale. In molti casi si verificano febbre e brividi. La penetrazione della tossina di ortica provoca l'organismo a rilasciare istamina. Ciò può causare reazioni pseudoallergiche come difficoltà respiratoria. Soprattutto i soggetti allergici sono interessati.

Se i peli dell'ortica vengono a contatto con gli occhi, si verifica un'irritazione della mucosa oculare, che può svilupparsi in congiuntivite. Le palpebre possono gonfiarsi molto. Se i peli di ortica vengono inalati, le mucose nella gola e nella zona del collo sono irritate. Questo può portare a tosse, mancanza di respiro, gonfiore e attacchi di asma. I sintomi a volte possono persistere fino a diversi mesi.

Diagnosi e storia

Una dermatite da bruco si manifesta poco dopo il contatto con il pelo di ortica dei bruchi del filatore processionale. Zone chiare di arrossamento, così come prurito di noduli, papule o pomfi, compaiono sulle aree della pelle non rivestite.

Le aree interessate possono gonfiarsi leggermente e sentirsi calde. I graffi possono anche causare infiammazione della pelle. La dermatite da bruco è spesso accompagnata da un aumento della temperatura corporea, vertigini e un generale senso di disagio.

La congiuntivite può verificarsi anche se i capelli del bruco sono entrati anche negli occhi. Ulteriori sintomi comuni della dermatite da bruco sono infiammazione della gola e della tosse, poiché i capelli possono anche essere inalati.

complicazioni

A causa della dermatite da bruco, possono verificarsi varie complicazioni. Se la malattia non viene trattata prontamente, spesso provoca febbre grave e brividi. Queste lamentele possono raramente portare al collasso circolatorio. Se i peli fini entrano negli occhi, questo può causare congiuntivite.

Se entrano nel tratto respiratorio, questo porta a mancanza di respiro e in rari casi a attacchi asmatici. A causa di una forte reazione immunitaria del corpo, può anche portare a shock anafilattico. In generale, la dermatite da bruco è associata a un forte malessere. La qualità della vita delle persone colpite è ridotta di conseguenza e talvolta può arrivare alla sofferenza mentale.

Anche con il trattamento, le complicazioni non possono essere escluse. I farmaci prescritti come antistaminici e corticosteroidi possono causare disagio. Tipici sono problemi gastrointestinali, mal di testa, dolori muscolari e degli arti e altri effetti collaterali. In singoli casi, il collasso circolatorio si verifica nei bambini, negli anziani e nei malati.

Se vengono assunti altri medicinali contemporaneamente, non possono essere escluse nemmeno le interazioni. Le reazioni allergiche possono aggravare i sintomi iniziali e sono una delle complicanze più gravi nel trattamento della dermatite da bruco.

Quando dovresti andare dal dottore?

Nel caso della dermatite da bruco, non è necessario consultare un medico. Di solito la malattia guarisce da sola. Se i sintomi persistono per più di tre settimane o diventano più forti, il medico di famiglia può essere la persona giusta da contattare.

Anche se il disagio è sproporzionato, consultare un medico. In alcuni casi, i malati soffrono anche di febbre, gonfiore o addirittura difficoltà respiratorie. In caso di emergenza acuta, l'ospedale può essere visitato direttamente o chiamato il medico di emergenza.

Terapia e terapia

La dermatite da Caterpillar è generalmente completamente innocua e guarisce non trattata entro due o tre settimane. Per alleviare il prurito, le aree cutanee interessate possono essere raffreddate meccanicamente o applicare pomate contenenti cortisone.

La somministrazione di antistaminici può essere utile. I graffi dovrebbero essere evitati a tutti i costi, poiché non solo i capelli dei bruchi possono essere distribuiti, ma anche la pelle può infiammarsi. Per gravi lamentele, è sicuramente consigliabile consultare un medico.

prevenzione

Al fine di prevenire la dermatite da bruco, si raccomanda di evitare, durante il periodo da aprile a settembre, le aree, che sono note per un'infestazione con i bruchi della falena processionale.

Se ciò non è possibile, l'abbigliamento dovrebbe coprire le aree più ampie possibili della pelle. Questo indumento deve essere posizionato immediatamente dopo il ritorno e lavato ad almeno 60 ° C per rimuovere i peli di bruco attaccati. I peli di ortica visibili devono essere rimossi immediatamente dalla pelle. Successivamente, l'intero corpo sotto la doccia deve essere lavato accuratamente.

Eventuali oggetti trasportati devono, se possibile, essere puliti anche con acqua. Se un'infestazione con processori di quercia viene rilevata in un'area precedentemente priva di bruco, deve essere immediatamente segnalata alle autorità competenti per il corretto smaltimento.

post-terapia

Nella maggior parte dei casi i pazienti con dermatite da bruco hanno a disposizione pochissime o anche misure molto limitate o possibilità di cure dirette di follow-up. Questo dovrebbe quindi contattare un medico ai primi sintomi o segni della malattia, quindi non ci sono ulteriori complicazioni o lamentele. L'auto-guarigione della dermatite da bruco non può verificarsi.

Spesso i malati dipendono da un intervento chirurgico, che di solito sono necessarie anche le misure di radioterapia o chemioterapia. Anche dopo la rimozione, i controlli regolari da parte di un medico sono molto importanti al fine di rilevare e trattare altri tumori in una fase precoce. Ulteriori misure di un follow-up non sono disponibili per l'interessato con la dermatite da bruco.

In molti casi, la dermatite da bruco limita l'aspettativa di vita delle persone colpite, sebbene non sia possibile prevedere un decorso generale. In primo piano, quindi, è principalmente una diagnosi precoce e una diagnosi della malattia. In alcuni casi, il contatto con altre persone colpite dalla malattia può essere molto utile, in quanto può portare a uno scambio di informazioni che facilita la vita quotidiana della persona interessata.

Puoi farlo da solo

Nella dermatite da bruco, i capelli della falena processionaria della quercia si sono depositati sulla pelle del paziente. Più peli di ortica velenosi possono accumularsi nel tessuto del paziente, maggiori sono i sintomi. Esse vanno da un'eruzione cutanea a una grave reazione allergica con febbre, brividi e / o respiro corto. Sono anche possibili shock anafilattici. Pertanto, le persone colpite dovrebbero consultare immediatamente un medico in caso di gravi reclami o chiamare l'ambulanza.

Tuttavia, se le aree contaminate sul corpo sono limitate, la malattia può anche guarire senza un aiuto medico. Gli album di cortisone e le buste di raffreddamento disponibili gratuitamente aiutano a combattere il gonfiore e il prurito dell'eruzione cutanea. Graffiare esacerberebbe il disagio perché diffonde ulteriormente i peli di ortica o più in profondità nel tessuto. Inoltre, la pelle potrebbe essere infettata da graffi.

Il paziente dovrebbe consentire a se stesso e al suo corpo di riposare durante questo periodo. Per precauzione, chi soffre di allergie è in grado di assumere i propri farmaci (di solito antistaminici) in modo che il corpo rilasci istamina a causa del veleno di ortica e aggrava le allergie esistenti. Se esiste il rischio che i capelli dell'ortica siano entrati nei tuoi occhi, è consigliabile consultare un oculista. In un caso acuto, aiuta a lavare gli occhi con acqua pulita, ma non a strofinare.


Articoli Interessanti

Menorragia (periodo mestruale lungo e pesante)

Menorragia (periodo mestruale lungo e pesante)

Un periodo mestruale lungo e forte si chiama ginecologia nella menorragia. Si accumula durante il ciclo mensile molto mucosa e durante il periodo mestruale si verifica un sanguinamento lungo e pesante. L'opposto della menorragia è l'oligomenorrea (periodo mestruale breve e debole). Che cos'è la menorragia?

acido glutammico

acido glutammico

L'acido glutammico, i suoi sali (glutammati) e la glutammina, un aminoacido correlato all'acido glutammico, sono stati a lungo oggetto di numerosi resoconti dei media. L'acido glutammico è un componente di tutte le proteine ​​e i loro sali, che fungono da additivi in ​​molti alimenti, hanno il compito di migliorare il gusto. Cos'

solfito

solfito

Il biocatalizzatore solfito ossidasi provoca la conversione dei composti di zolfo tossici dalla scomposizione degli aminoacidi in solfati non tossici. È vitale e quindi si verifica in tutti gli organismi. Se la sua funzione è disturbata da un difetto genetico, porta alla carenza di solfite ossidasi.

Emmentaler

Emmentaler

L'Emmentaler originale proviene dalla Svizzera dall'Emmental. Il formaggio è fatto con enormi ruote. Oggi è offerto in tutti i supermercati, ma queste sono spesso solo "copie" del vero Emmentaler, perché il termine formaggio Emmentaler non è mai stato protetto. L'autentico emmentaler svizzero originale è solitamente disponibile solo in un negozio di formaggi. Que

Cancro al fegato (carcinoma epatico)

Cancro al fegato (carcinoma epatico)

Il cancro al fegato è anche noto come carcinoma epatico; Questa malattia è un tessuto epatico maligno. Sebbene questa malattia sia rara nei paesi industrializzati occidentali, la tendenza è in aumento. Nel sud-est asiatico e in Africa, tuttavia, il cancro al fegato è uno dei tumori più comuni. Cos'è il cancro al fegato? I se

Necrosi del tessuto adiposo nel seno

Necrosi del tessuto adiposo nel seno

La necrosi del tessuto adiposo è un cambiamento generalmente non doloroso nel tessuto adiposo nella mammella, spesso a causa di un trauma. Una necrosi del tessuto adiposo non presenta rischi per la salute e generalmente non necessita di cure. Che cos'è una necrosi dei tessuti adiposi? Non tutti i grumi nella mammella indicano il cancro al seno.