• Saturday February 22,2020

Artrite reattiva

L'infiammazione non guarita può diffondersi nel corpo e provocare complicazioni. Una di queste reazioni di follow-up è l'artrite reattiva e la sua forma speciale, la sindrome di Reiter.

Che cos'è l'artrite reattiva?

Un'artrite reattiva è un'infiammazione articolare come conseguenza di un'altra infiammazione nel corpo, ad es. Come vie aeree, intestino, organi urinari o genitali.

L'artrite reattiva di solito si sviluppa poche settimane dopo l'infezione. Spesso non è più possibile rilevare un trigger (spesso salmonella o malattie veneree come la clamidia o la gonorrea).

L'artrite reattiva è associata a un disagio caratteristico: dolori articolari / gonfiore e surriscaldamento della spalla, del gomito, del ginocchio o dell'anca.

La sindrome di Reiter (Reiter-Trias), una forma speciale di artrite reattiva, soffre di congiuntivite e infiammazione congiuntivale e uretrale.

cause

Sia l'artrite reattiva che la sindrome di Reiter sono causate da una precedente infezione batterica (intestino, tratto urinario, organi genitali).

Entrambi possono insorgere quando un'infezione non è o non è completamente trattata. Quindi resti di batteri nel corpo, che sono riconosciuti e combattuti dal sistema immunitario.

D'altra parte, il sistema immunitario può anche reagire agli antigeni del corpo, se assomigliano alle strutture dei batteri (mimetismo molecolare). Può anche portare a infiammazione articolare, se non sono presenti batteri. I medici parlano in questo caso di artrite non settica. Nel corpo dei pazienti affetti, l'antigene HLA-B27 è rilevabile, il che provoca la reazione di difesa.

Sintomi, reclami e segni

I segni caratteristici dell'artrite reattiva sono gonfiore, arrossamento e dolore associato all'artrite, che si verifica circa 2-4 settimane dopo un'infezione degli organi respiratori, urinari e genitali o dell'intestino. La maggior parte è interessata all'anca, al ginocchio o alla caviglia, occasionalmente sviluppa un'infiammazione articolare su polsi, gomiti o spalle.

Anche tipica è l'infiammazione di un dito o un dito del piede chiamato "dito salsiccia". Di norma, i sintomi si verificano solo su un lato del corpo e sono limitati a un'articolazione, solo molto raramente si gonfiano contemporaneamente più articolazioni: possono tuttavia verificarsi infiammazioni consecutive di articolazioni diverse. Un'infezione della colonna vertebrale o del bacino è evidente dal mal di schiena, che si irradia ai glutei e peggiora durante la notte.

Come ulteriori sintomi possono verificarsi lesioni cutanee squamose, in particolare sul palmo delle mani e della pianta dei piedi, a volte si sviluppano noduli rosso-blu dolorosi (eritema nodoso) sulle caviglie e sulla parte inferiore delle gambe. L'infiammazione oculare associata all'artrite reattiva si manifesta con arrossamento, sensazione di bruciore, dolore e aumento della fotosensibilità e sono anche possibili disturbi visivi.

Può colpire sia la congiuntiva che la cornea o l'iride. Negli uomini, c'è occasionalmente infiammazione del glande con pustole e arrossamenti. I segni non specifici sono spesso febbre lieve e malessere generale.

Diagnosi e storia

Se c'è il sospetto di artrite reattiva o sindrome di Reiter, un medico utilizzerà una varietà di esami e test per diagnosticare l'artrite reattiva.

Nell'anamnesi, prima chiede lamentele. Quindi esamina fisicamente il paziente e preleva il sangue, possibilmente anche un campione di urine o feci. Se, oltre all'artrite reattiva allo stesso tempo un'infiammazione oculare e l'uretrite, questa è un'indicazione di una sindrome di Reiter.

Un esame del sangue può essere utilizzato per determinare se vi sono prove di artrite reattiva o sindrome di Reiter.

  • Rilevazione dell'antigene HLA-B27 nel sangue
  • Indicatore di infiammazione presente
  • nessun fattore reumatoide rilevabile

Oltre all'analisi del sangue, la diagnosi di artrite reattiva può essere verificata da ulteriori indagini:

  • Analisi delle urine
  • esame delle feci
  • Tampone dell'uretra
  • artrocentesi
  • A raggi X
  • ultrasuono
  • scintigrafia

Non trattata, sia l'artrite reattiva che la sindrome di Reiter possono essere gravi. Nella maggior parte dei casi, l'artrite reattiva guarisce entro un anno. Nei casi più gravi - specialmente se sono interessate più articolazioni e si verifica anche una sindrome di Reiter - la cura può richiedere molto tempo. Come complicazione, l'infiammazione può compromettere la funzionalità articolare o distruggere i tessuti. Se l'occhio è interessato, la vista può diminuire.

complicazioni

Complicazioni possono verificarsi quando l'infiammazione reattiva si diffonde ad altre parti del corpo come parte dell'artrite reattiva. Pertanto, l'infiammazione articolare può influire sull'intera articolazione e influire in modo permanente sulla funzione articolare o addirittura distruggerla. Una possibile congiuntivite può diffondersi alle strutture oculari adiacenti e quindi compromettere la visione.

A seconda della natura dell'infiammazione sottostante, questi "processi di transizione" possono verificarsi in tutto il corpo, causando gravi complicazioni. La sindrome di Rider è una forma speciale di artrite reattiva che provoca infiammazione congiuntivale e uretrale oltre a problemi articolari. Entrambe le forme causano forte dolore, mobilità ridotta e danni permanenti alle articolazioni.

A causa dei sintomi, alcuni pazienti sviluppano malattie mentali come depressione e ansia. Il trigger stesso può anche causare reclami e conseguenze a lungo termine. Nel trattamento dell'artrite reattiva, gli antibiotici e i reumatismi sono le principali cause di complicanze. Diclofena, ibuprofene e preparazioni simili possono causare, ad esempio, disagio gastrointestinale, mal di testa, dolore muscolare e degli arti, irritazione della pelle e danni ai reni o al fegato. Metodi di trattamento alternativi come il trattamento a freddo e la fisioterapia sono relativamente privi di complicanze, a parte il congelamento minore o il dolore muscolare temporaneo.

Quando dovresti andare dal dottore?

Questo tipo di artrite deve essere sempre trattato da un medico. Non può giungere a un'autoguarigione, quindi la persona interessata dipende sempre dalle cure mediche per prevenire ulteriori complicazioni e lamentele. L'aspettativa di vita della persona colpita è limitata da questa artrite in alcuni casi. È necessario consultare un medico se il paziente soffre di infiammazione delle articolazioni o gravi infezioni respiratorie. Questi reclami di solito si verificano all'improvviso. Inoltre, anche il gonfiore delle articolazioni può indicare questa malattia.

Le persone colpite soffrono di mal di schiena molto grave e sono quindi significativamente limitate nella loro vita quotidiana. L'infiammazione può anche colpire gli occhi, in modo che le persone colpite possano essere molto sensibili alla luce e avere anche problemi di vista. Inoltre, la febbre o un malessere persistente spesso indicano questo tipo di artrite e devono essere esaminati da un medico. La diagnosi di questa artrite può essere fatta dal medico di famiglia. L'ulteriore trattamento, tuttavia, dipende fortemente dai sintomi esatti e dalla loro gravità e viene solitamente eseguito da uno specialista.

Terapia e terapia

Nel trattamento dell'artrite reattiva e della sindrome di Reiter, si presenta come in altre malattie infiammatorie sul sollievo dal dolore e sulla guarigione dell'infiammazione. Di norma, vengono prescritti reumatici non stereogenici come ibuprofene, acido acetilsalicilico o diclofenac.

Quando viene rilevata un'infiammazione nel corpo, vengono somministrati antibiotici. In una malattia venerea, il partner viene trattato. Spesso, tuttavia, in un'artrite reattiva non sono presenti parametri infiammatori, quindi non è necessario alcun antibiotico. In questo caso, il sollievo dal dolore e la fisioterapia sono ottimi per alleviare i dolori articolari al fine di mantenere o ripristinare la mobilità articolare.

Se vengono colpite diverse articolazioni o se l'infiammazione si è diffusa, viene somministrato cortisone per prevenire danni consequenziali. Un'infezione agli occhi deve essere trattata rapidamente a causa del rischio di compromissione della vista.

prevenzione

La migliore prevenzione dell'artrite reattiva è quella di proteggere dalle infezioni dell'intestino, del tratto urinario e degli organi riproduttivi che sono la causa dell'artrite reattiva. Pertanto, è importante attenersi alle norme igieniche in ambito domestico:

  • mani pulite e pentole pulite durante la cottura
  • Fai attenzione con carne cruda e uova crude
  • Lavare la frutta

post-terapia

I preservativi aiutano a prevenire le malattie veneree. L'artrite reattiva è considerata guarita dopo sei mesi di terapia. Il rischio di ricaduta è molto alto. Dopo una terapia di successo, è importante osservare l'ulteriore decorso della malattia nel tempo nel follow-up della malattia. Perché nel 50% dei pazienti, l'artrite o altri sintomi correlati alla malattia riappaiono dopo pochi anni.

La durata della malattia correlata alla ricaduta è in media di 3 anni. Raramente, sono possibili cicli di malattia fino a 15 anni. L'infiammazione ricorrente delle articolazioni deve quindi essere trattata rapidamente per evitare danni o cambiamenti permanenti alle articolazioni. Per le cure di follow-up, è quindi necessario determinare regolarmente - almeno ogni sei mesi - il marker di infiammazione prendendo sangue.

A seconda dei risultati medici, devono essere eseguiti anche esami a raggi X e agli ultrasuoni. Il danno articolare nella fase iniziale può essere rilevato e trattato in tempo utile. Al fine di ridurre al minimo il rischio di recidiva, nel periodo di tre anni correlato alla ricaduta, i contatti sessuali devono essere intrattenuti solo con persone "sottoposte a cure mediche".

Oltre all'alto rischio di recidiva, artralgie croniche, artritidi o problemi ai tendini possono manifestarsi fino al 40 percento dei pazienti. Il focus dell'assistenza post-terapia sono le misure fisioterapiche. Attraverso l'esercizio fisico e gli sport di resistenza regolari, la mobilità e la muscolatura articolari possono essere mantenute o addirittura migliorate. Inoltre, l'assistenza di follow-up viene continuata su base regolare.

Puoi farlo da solo

Nel contesto dell'auto-aiuto, le infiammazioni subite dovrebbero sempre essere completamente curate. L'organismo non è completamente caricabile se una malattia attuale non è completamente guarita.

Per sostenere il processo di guarigione, uno stile di vita sano e un'alimentazione sono importanti. L'approvvigionamento alimentare dovrebbe essere equilibrato e ricco di vitamine in modo che il sistema immunitario possa mobilitare sufficienti difese in caso di malattia. La fornitura di inquinanti come alcol e nicotina deve essere omessa in linea di principio. L'obesità deve essere evitata e inoltre dovrebbe aver luogo un movimento giornaliero sufficiente. L'assunzione regolare di aria fresca è utile quanto lo sport. Sonno adeguato e buona igiene del sonno aiutano anche il corpo a rimanere in salute o a promuovere il processo di guarigione nelle condizioni esistenti.

Le persone con artrite reattiva dovrebbero astenersi da un grave stress fisico. Non appena il corpo invia segnali di affaticamento, dovrebbero essere considerati. Riposo e protezione necessari per consentire una rigenerazione. Ristrutturare la vita di tutti i giorni può aiutare molte persone a migliorare il proprio benessere generale. Allo stesso tempo, si dovrebbe prestare attenzione a garantire che i compiti e gli obblighi da svolgere siano ridistribuiti alle persone nell'ambiente circostante non appena non possano più essere adeguatamente percepiti dalla persona interessata.


Articoli Interessanti

sindrome dell'arteria spinale anteriore

sindrome dell'arteria spinale anteriore

La sindrome della colonna vertebrale anteriore arteriosa è una condizione causata da una riduzione del flusso sanguigno nella colonna vertebrale anteriore. Come risultato di questa ipoperfusione, si sviluppa una lamentela tipica, che è collettivamente chiamata sindrome dell'arteria spinale anteriore.

MR artro

MR artro

L'artrografia RM è un esame radiologico che utilizza la risonanza magnetica per diagnosticare un danno articolare. A tale scopo, viene iniettato il mezzo di contrasto e con il dispositivo MRI vengono create immagini del giunto. Che cos'è l'artrografia RM? L'artrografia RM è un esame radiologico che utilizza la risonanza magnetica per diagnosticare un danno articolare. N

Sindrome di Parry-Romberg

Sindrome di Parry-Romberg

La sindrome di Parry Romberg è una malattia che ha una prevalenza molto bassa nella popolazione. Come parte della malattia si sviluppa nelle persone malate l'atrofia progressiva, che di solito colpisce la metà del viso. L'atrofia si sviluppa continuamente per un lungo periodo di tempo. Cos'è la sindrome di Parry-Romberg? L

braccio protesico

braccio protesico

Il braccio protesico ha una tradizione che risale al Medioevo. Fin dalle guerre mondiali ci sono in aggiunta alle protesi dei bracci mobili indipendentemente braccia mobili. Oggi, le protesi mioelettriche possono essere realistiche attraverso la tensione muscolare nel moncone. Cos'è una protesi del braccio?

otite

otite

Un'infezione dell'orecchio medio o otite media è una malattia dolorosa nell'area dell'orecchio medio. Può essere acuto e cronico. I trigger sono principalmente batteri e virus. L'otite media è comune nei bambini piccoli. I segni tipici includono mal d'orecchi, perdita dell'udito, febbre e affaticamento. U

Sindrome linfoproliferativa

Sindrome linfoproliferativa

La sindrome linfoproliferativa è una malattia che comporta numerosi disturbi. La sindrome linfoproliferativa rappresentava una malattia autoimmune, che a volte viene indicata con l'abbreviazione ALPS o con il termine sinonimo di sindrome di Canale-Smith. In molti casi, la sindrome linfoproliferativa inizia durante l'infanzia.