• Thursday February 20,2020

intestino irritabile

La sindrome dell'intestino irritabile (RDS) è una malattia comune nel tratto gastrointestinale e nell'apparato digerente. Tipici sono la flatulenza e lo stomaco spasmodico o il dolore addominale.

Che cos'è un intestino irritabile?

Si dice che sia presente un intestino irritabile (sindrome dell'intestino irritabile) se c'è una disfunzione del tratto digestivo che si manifesta in disturbi cronici come crampi addominali, irregolarità nella sedia e flatulenza. Tipico per un intestino irritabile è che i problemi di solito si verificano durante il giorno e non durante la notte e il medico non trova anche cambiamenti patologici negli organi o nella biochimica del corpo.

L'intestino irritabile non è pericoloso, ma spesso è molto fastidioso per le persone colpite e la qualità della vita è limitata, poiché l'intestino reagisce non solo ad alcuni cibi lunatici, ma anche allo stress. Queste restrizioni dell'intestino irritabile di solito durano non solo giorni o mesi, ma a volte molti anni, e il paziente deve imparare a fare i conti con esso.

cause

La causa di questo disturbo intestinale non è ancora nota. Si ritiene che lo stress mentale, causato da stress e rabbia, favorisca l'intestino irritabile. Alla serotonina messaggera viene attribuito un ruolo chiave qui, è responsabile di un flusso regolare di informazioni tra il cervello e la funzione intestinale.

Inoltre, l'intolleranza alimentare dell'intestino irritabile svolge un ruolo importante, così come le abitudini alimentari e la dieta (ad esempio, mangiare frenetico, pasti irregolari).

Il fatto è che i movimenti irritabili dell'intestino nell'intestino sono disturbati e la percezione del normale processo digestivo è già sentita come dolorosa. I ricercatori hanno scoperto che i pazienti che soffrono di sindrome dell'intestino irritabile hanno un aumento del numero di globuli bianchi chiamati leucociti. Ciò indicherebbe un'infiammazione della mucosa intestinale e potrebbe quindi essere una causa del disagio.

Sintomi, reclami e segni

I sintomi di un intestino irritabile sono molto diversi. I sintomi esatti consentono un'ulteriore tipizzazione della malattia. Ad esempio, se hai un movimento intestinale morbido che si verifica circa tre volte al giorno, stai parlando del tipo di diarrea. Il tipo di costipazione è caratterizzato da movimenti intestinali rari e duri. Inoltre, esiste ancora un tipo misto, con movimenti intestinali duri e la diarrea può avvenire in un giorno e la sindrome dell'intestino irritabile senza sottotipo. Quest'ultimo si riferisce a reclami generalizzati.

Chi soffre di sindrome dell'intestino irritabile spesso lamenta dolore e una forte sensazione di pienezza. Gonfiore e soggettivamente gonfiore sono molto più spiacevoli per le persone colpite che per le persone senza sindrome dell'intestino irritabile. Viene fornito con alcuni malati a una pancia chiaramente visibile. Il dolore è percepito come molto forte.

Possono consistere in dolori addominali e crampi. Spesso possono essere descritti come pungenti o tiranti. Una sensazione di gonfiore spesso provoca dolore alla pressione. Se si tratta di dolore, più spesso ha luogo un movimento intestinale.

Il dolore di solito si attenua dopo ripetute defecazioni. Tuttavia, la sensazione di svuotamento incompleto spesso rimane. Le feci possono contenere muco. Di norma, le persone colpite sono ancora prive di sintomi di notte. I sintomi possono essere aumentati dallo stress e dopo aver mangiato.

malattia

L'intestino irritabile di solito appare per la prima volta dai 20 ai 30 anni ed è molto diffuso; nelle donne il doppio delle volte rispetto agli uomini.

Oltre al dolore e ai crampi nella zona addominale possono essere aggiunti i seguenti sintomi: alternanza di diarrea o costipazione, una sensazione di pressione nell'addome inferiore, una composizione cambiata delle feci (da dura a polposa ad acquosa), flatulenza, rumore udibile udibile, affaticamento, mancanza di concentrazione, ansia, depressione, Disturbi del sonno, emicrania e mal di schiena.

Le persone che soffrono di sindrome dell'intestino irritabile sono spesso molto dolorose, perché queste lamentele limitano la qualità generale della vita e spesso durano una vita.

complicazioni

La sindrome dell'intestino irritabile di solito non porta a complicazioni fisiche, anche in casi cronici. La diarrea grave può provocare disidratazione a causa della perdita di liquidi prolungata, che deve essere prevenuta da adeguati adeguamenti alimentari e nutrizionali. Il rischio di disidratazione può essere escluso dal trattamento medico. Non esiste un aumentato rischio di ulteriori malattie del tratto gastrointestinale per i pazienti con intestino irritabile.

Se i pazienti subiscono cambiamenti nella dieta o si astengono da cibi selezionati senza il consiglio del medico, può verificarsi un aumento o una perdita di peso. Si verificano complicazioni regolari di natura psicologica. La malattia è spesso associata ad ansia, come il cancro del colon o le sequele.

A seconda della gravità della sindrome dell'intestino irritabile può portare a limiti percepiti soggettivamente forti nella vita quotidiana del paziente, che causano irrequietezza, tensione e ansia. I pazienti soffrono della paura di non avere accesso a un bagno o di apparire impotenti in pubblico con sintomi improvvisi. Di conseguenza, possono verificarsi isolamento sociale e depressione.

Altri effetti collaterali includono disturbi del sonno, ansia e sintomi psicosomatici. L'imbarazzo, come la flatulenza, può avere un impatto negativo sulla relazione o sulla vita sessuale.

Quando dovresti andare dal dottore?

Le persone che soffrono di sindrome dell'intestino irritabile sono spesso fortemente limitate nella vita di tutti i giorni. Tutti gli alimenti, in particolare i cibi grassi e speziati, non possono essere digeriti correttamente insieme alla sindrome dell'intestino irritabile. A volte può portare a lividi pungenti, che spesso si verificano immediatamente dopo il consumo. Pochi minuti dopo il dolore c'è la diarrea, che può durare per diverse ore. Chiunque soffra di un intestino irritabile, che dovrebbe sempre consultare un medico. I farmaci possono lenire efficacemente l'intestino e il rivestimento dello stomaco, quindi non c'è dolore dopo aver mangiato i cibi di cui sopra.

Tuttavia, se le persone interessate si astengono dal farlo, si possono prevedere conseguenze considerevoli. Il dolore peggiora nel tempo, in modo che rimangano anche a riposo. In casi particolarmente gravi, può persino portare a danni permanenti alla mucosa gastrica, rendendo inevitabile un intervento chirurgico.

Terapia e terapia

Poiché la guarigione dell'intestino irritabile non è possibile secondo le attuali conoscenze, è necessario cercare di alleviare i sintomi per riportare al paziente un aspetto della qualità della vita. Può aiutare un approccio olistico, che combina il cambiamento delle abitudini alimentari, la somministrazione di farmaci e un trattamento psicoterapico. Dal momento che non esiste una dieta per intestino irritabile, ogni paziente deve scoprire cosa è buono per lui e cosa no, quindi un diario alimentare può aiutare.

Gli alimenti che non sono ben tollerati, ovviamente è rigorosamente per evitare la sindrome dell'intestino irritabile. Si è dimostrato utile bere una quantità sufficiente durante il giorno, poiché questo ha anche un effetto benefico sulla mucosa intestinale. Come farmaci per l'intestino irritabile, sono raccomandati preparati anticonvulsivanti e antidolorifici, ma solo per la terapia acuta, spesso anche la provata borsa dell'acqua calda aiuta.

Gonfiore in caso di diarrea (ad es. Psillio), fibra (ad es. Crusca) in caso di costipazione e antischiuma (ad es. Lefax) in flatulenza. Come aiuto a base di erbe per l'intestino irritabile sono nominare menta piperita, camomilla, cumino e anice. Infine, può essere provato con l'aiuto del rilassamento muscolare progressivo, dell'ipnosi e della psicoterapia per ridurre un po 'lo stress quotidiano per alleviare l'intestino irritabile.

post-terapia

Il follow-up a seguito di una malattia intestinale irritabile acuta dovrebbe tenere conto dei vari fattori scatenanti o rinforzanti. Questi includono, in particolare, la dieta e la prevenzione dello stress. In caso di sindrome dell'intestino irritabile cronica, i pazienti devono evitare i fattori scatenanti o di miglioramento dei sintomi individuali.

Gli alimenti che possono scatenare o aggravare i sintomi dovrebbero essere evitati. Questi includono, ad esempio, prodotti a base di grano, latticini contenenti lattosio, alimenti ad alto contenuto di fruttosio e alimenti ad alto contenuto di grassi. Una dieta economica per le persone con intestino irritabile comprende prodotti a base di cereali, come farro, avena o riso, latticini senza lattosio, frutta a basso contenuto di fruttosio e dolcificanti a basso contenuto di fruttosio.

Quando si usano grassi nella preparazione degli alimenti, si dovrebbero usare oli vegetali. Un diario nutrizionale o dei sintomi può anche aiutare a fare la dieta in modo che i sintomi dell'intestino irritabile siano contenuti a lungo termine.

I pazienti dovrebbero anche sottoporsi a controlli regolari. Questi includono, ad esempio, i controlli nel contesto dello screening del cancro del colon-retto. Per le persone di età superiore ai 55 anni, i costi della colonscopia sono in gran parte coperti dalle compagnie di assicurazione sanitaria.

Puoi farlo da solo

L'intestino irritabile appartiene ai quadri clinici particolarmente sensibili all'auto-aiuto nella vita di tutti i giorni. La cooperazione del paziente non è solo possibile qui, ma anche esplicitamente desiderata. Dieta, esercizio fisico, riduzione dello stress e altri fattori sono importanti per il controllo ottimale della sindrome dell'intestino irritabile.

Nel campo della nutrizione, il paziente deve scoprire cosa gli fa davvero bene. Naturalmente, raccomandazioni come evitare cibi piccanti, grassi o flatulenti sono un primo passo importante. Tuttavia, ciò che è effettivamente tollerato nei singoli casi, i pazienti possono scoprirlo attraverso un'osservazione mirata come tenere un diario alimentare. Questa è la base per il graduale cambio di dieta per quanto riguarda la sindrome dell'intestino irritabile delle persone colpite. Inoltre, una dieta sufficiente e la rinuncia all'alcol e alla nicotina sono spesso utili in questo contesto.

L'esercizio fisico è un fattore importante nella sindrome dell'intestino irritabile. Questo in due modi. Da un lato, essere attivi stimola in modo efficace l'attività intestinale naturale ed è quasi sempre raccomandato come auto-aiuto nella vita di tutti i giorni. Inoltre, la riduzione dello stress è un fattore importante nella vita quotidiana con sindrome dell'intestino irritabile. Perché l'intestino non reagisce solo alle influenze alimentari. Anche le componenti psicologiche svolgono un ruolo in termini di stato acuto. Pertanto, la terapia dell'intestino irritabile e la gestione della vita quotidiana dovrebbero sempre essere concepite come un concetto olistico.


Articoli Interessanti

valvola aortica

valvola aortica

La valvola aortica è una delle quattro valvole cardiache o una delle due cosiddette falde tascabili. Si trova all'uscita del ventricolo sinistro nell'aorta. La valvola aortica si apre durante la contrazione sistolica del ventricolo sinistro e consente l'espulsione del sangue dalla camera nell'aorta, l'inizio della circolazione sistemica.

cellula nervosa

cellula nervosa

La cellula nervosa viene definita nella scienza come un neurone. Questa è una cellula speciale progettata per trasmettere eccitazioni all'interno del corpo. È essenziale per lo scambio di informazioni. Cos'è una cellula nervosa? La trasmissione degli impulsi è il compito più importante della cellula nervosa. In

Tinea corporis

Tinea corporis

La tinea corporis è un'infezione fungina della pelle del corpo, comprese le estremità senza mani e piedi. L'infezione si verifica attraverso funghi filamentosi ed è sintomaticamente accompagnata da arrossamento della pelle o pustole con forte prurito. Più di 30 specie di funghi filamentosi sono conosciute come agenti causali della tinea corporis nell'uomo. Ch

Epidermophyton floccosum

Epidermophyton floccosum

L'epidermophyton floccosum è una specie di fungo del sottogruppo Eurotiomycetidae e della classe Eurotiomycetes, che viene calcolata agli Onygenales e al di sotto della famiglia fungina Arthrodermataceae e del genere Epidermophytes. Il fungo è un dermatofita e quindi un possibile agente causale della dermatofitosi.

pensiero

pensiero

Il pensiero è generalmente indicato come la cancellazione di un'opinione o di una visione. Ma anche i desideri, le idee e le idee nascono dai pensieri. Il pensiero è il prodotto del processo di pensiero umano e può assumere la forma di un giudizio o di un concetto. Che cos'è un pensiero? Il pensiero è il prodotto del processo di pensiero umano e può assumere la forma di un giudizio o di un concetto. I pe

Graft-versus-host disease

Graft-versus-host disease

La reazione del trapianto contro l'ospite è una complicazione immunologica che può portare al rigetto del trapianto nei trapianti allogenici. Nel frattempo, la reazione può essere controllata dalla somministrazione profilattica di immunosoppressori. Tuttavia, anche oggi si applica un tasso di mortalità del dieci percento. Qu