• Thursday February 20,2020

Retinopathia centralis serosa

La retinopatia centralis serosa viene spesso definita dagli oftalmologi "malattia manageriale". La ragione di ciò è che molto stress può innescare questo disturbo visivo. Viene visualizzato un punto grigio nel campo visivo, gli oggetti sono visti distorti e la lettura e il riconoscimento dei colori sono difficili.

Cos'è la Retinopathia centralis serosa?

Retinopathia centralis serosa è una malattia della retina. Qui esce dal liquido coroideo, causando un sollevamento localmente limitato della retina dello strato epiteliale del pigmento. Questo si chiama distacco della retina correlato al gonfiore. Viene spinto in avanti e più vicino all'obiettivo.

I dossi che si presentano sollevano così i fotorecettori dalla posizione convenzionale. In rari casi uno strato di pigmento intatto provoca il distacco della retina e dell'epitelio del pigmento retinico. La malattia colpisce principalmente gli uomini di età compresa tra 20 e 50 anni, ma colpisce anche le donne. L'evento è spesso associato a stress fisico o mentale.

cause

La causa esatta di Retinopathia centralis serosa, il cambiamento della retina, non è nota. Tuttavia, lo stress è stato menzionato molto spesso come causa della malattia per molti anni. Gli studi hanno dimostrato che le persone colpite hanno spesso un comportamento competitivo pronunciato, hanno molto da organizzare e da gestire e sono agili.

Ciò si traduce anche nel nome di "malattia del manager". Tuttavia, ciò non significa che ogni persona stressata sviluppi una malattia agli occhi. La ragione di ciò è una diversa elaborazione dello stress. La condizione può anche essere associata ad una maggiore concentrazione dell'ormone dello stress cortisolo.

Gli esperti suggeriscono che una suscettibilità genetica può anche favorire l'insorgenza di retinopatia della sierosa centrale. Lo stesso vale per un'infezione da Helicobacter pylori, un germe di stomaco. Anche a questo proposito, la malattia dell'occhio è stata parzialmente osservata. Alla fine, la retinopatia del quadro clinico della sierosa centrale non è stata sufficientemente studiata.

Sintomi, reclami e segni

Nella retinopatia centralis serosa appare un buco grigio-nero nel campo visivo. La vista è offuscata da una foschia grigia, gli oggetti appaiono distorti o doppi. Questo è uno dei sintomi tipici della malattia dell'occhio, che si verifica spesso all'improvviso.

Inoltre, a causa del ritiro della retina dalla coroide, c'è spesso un'iperopia unilaterale o bilaterale. Un altro segno di retinopatia della sierosa centrale è la visione delle onde. Altrettanto tipico è il fallimento nel campo visivo centrale. Di conseguenza, un punto al centro del campo visivo è grigio, nero o sfocato.

Diagnosi e decorso della malattia

Se si sospetta la presenza di retinopatia della sierosa centrale, sono necessari una storia e un attento esame da parte dell'oftalmologo. La ragione di ciò è che i cambiamenti nella vista possono anche derivare da altre malattie che hanno sintomi simili. Il medico ha a disposizione varie opzioni per una diagnosi accurata, come un esame della vista.

Questa è di solito l'ipermetropia dell'occhio interessato. È anche possibile la perimetria dell'apparato, ad esempio la perimetria della soglia, che serve a determinare e quantificare lo scotoma. Nella funduscopy l'oftalmoscopia rivela un gonfiore edematoso visibile della retina.

Vengono anche utilizzate la spettroscopia del colore e la tomografia a coerenza ottica spettrale | tomografia a coerenza ottica spettrale (SOCT). In questo caso, il ritiro della retina può essere reso direttamente visibile, poiché con questa tecnica di registrazione viene creata un'immagine in sezione trasversale. Esistono forme acute e croniche di retinopatia dei sieri centrali, che possono verificarsi su uno o entrambi i lati.

Nella forma acuta, la malattia di solito guarisce spontaneamente entro 3-6 mesi dall'esordio. Pertanto, è pratica comune iniziare la terapia dopo tre mesi. Una perdita significativa della vista rimane solo in casi isolati, tuttavia, può arrivare a uno o più nuovi focolai della malattia. Quando la retinopatia della sierosa centrale si verifica ripetutamente e lascia cambiamenti, si dice che sia di forma cronica. In questo caso, il trattamento deve essere iniziato prima.

complicazioni

Una retinopatia della sierosa centrale è raramente associata a complicanze. Di solito ha luogo una guarigione spontanea. Tuttavia, la malattia stessa appare come una complicazione di una risposta allo stress in soggetti fortemente stressati. Poiché spesso dirotta i leader, viene comunemente definita malattia di un manager. Sebbene la retina si sollevi parzialmente a causa del fluido invasore della coroide, non è quasi mai cieca.

Dopo diverse settimane o mesi, la malattia guarisce senza trattamento e la vista torna alla normalità. A volte, tuttavia, si verificano gradienti più pesanti. Quindi una terapia dovrebbe essere considerata. Nella terapia fototermica, la retina viene trattata con il calore. Tuttavia, se il gonfiore è al di fuori della macula, il trattamento laser deve essere utilizzato su percorsi gravi poiché la terapia fototermica comporterà la distruzione della retina a causa dello sviluppo di calore in questo caso.

Dopo che i sintomi si sono risolti, alcuni pazienti hanno recidive. Al fine di evitare tali ricadute, è necessario evitare il fumo e l'assunzione di medicinali contenenti cortisone. Ridurre lo stress promuove anche la completa guarigione.

I giovani più ambiziosi e impazienti sono colpiti ma sono così insicuri di improvvisi problemi di vista che potrebbero anche aver bisogno di supporto psicologico. Nel contesto della psicoterapia, si può discutere di come ottenere la riduzione dello stress nel caso specifico.

Quando dovresti andare dal dottore?

Retinopathia centralis serosa deve essere sempre trattata da un medico. Non c'è auto-guarigione in questa malattia. Se non trattata, la malattia può portare a gravi restrizioni e lamentele nella vita di tutti i giorni. Un medico deve quindi visitare se il paziente soffre di un campo visivo disturbato. Ciò può portare alla comparsa di un punto nero o grigio nel campo visivo, in modo che la persona interessata non possa più riconoscere correttamente gli oggetti.

Inoltre, la lungimiranza improvvisa indica la retinopatia dei sieri centrali e deve essere esaminata se si verifica senza alcun motivo particolare e relativamente improvvisamente. Allo stesso modo, il campo visivo può essere accompagnato da guasti, in modo che anche la persona interessata soffra di disturbi della sensibilità. Molti pazienti non sono più in grado di riconoscere i colori attraverso la retinopatia della sierosa centrale. Se si verificano questi sintomi, è possibile consultare un oculista. Di norma, la retinopatia centralis serosa può essere ben trattata se rilevata in anticipo.

Terapia e terapia

Nel caso della retinopatia della sierosa centrale, nella maggior parte dei casi non è necessaria alcuna terapia, poiché la malattia di solito ritorna da sola. Le persone colpite spesso si riprendono da disturbi visivi nei prossimi mesi. È richiesta solo la pazienza. In caso di decorso grave o recidive ripetute, è necessario iniziare il trattamento.

In questi casi, può essere preso in considerazione un trattamento laser, che è molto spesso usato in questa malattia dell'occhio. La perdita, che si trova nella coroide, viene cancellata dal laser. Il prerequisito per questo, tuttavia, è che esiste una posizione eccentrica rispetto al punto di origine.

Se tutto va bene, la retina verrà trattenuta alla sua superficie dalla luce laser. Questo può portare a lievi cicatrici, ma questo non è un problema. In alcuni pazienti, tuttavia, un ripetuto sollevamento della retina provoca cicatrici estese, quindi la visione è notevolmente ridotta. Anche in una guarigione spontanea a volte rimangono lievi limiti della visione o della qualità della visione.

Un altro metodo di trattamento della retinopatia dei sieri centrali è la terapia fotodinamica. Qui, un farmaco sensibile alla luce viene iniettato nella vena del braccio, che si diffonde in tutto il corpo entro i successivi 15 minuti, che si applica anche ai vasi della coroide. Il farmaco viene attivato da un'irradiazione laser mirata e chiuso il vaso sanguigno che perde.

prevenzione

Per evitare il verificarsi di retinopatia centralis serosa, il livello di stress deve essere ridotto. Anche le tecniche di rilassamento come il Qi Gong e l'allenamento autogeno sono utili. Ciò contribuisce all'equilibrio e ad un equilibrio ottimale tra lavoro e vita privata. È sempre importante essere consapevoli di come lo stress influisce sul corpo. L'esercizio fisico è anche utile, perché l'esercizio fisico rafforza il sistema immunitario e promuove la rottura degli ormoni dello stress sospettati di innescare la retinopatia della sierosa centrale.

Puoi farlo da solo

La retinopatia centralis serosa è spesso associata a un lavoro quotidiano stressante. Ecco perché è utile se le persone colpite abbassano il loro livello di stress. Il rilassamento fisico e gli esercizi mentali come la meditazione possono aiutare a ridurre i problemi di vista. In ogni caso, è importante visitare rapidamente un oculista in caso di problemi.

Dopo l'esame e le raccomandazioni terapeutiche, le persone colpite possono fare qualcosa da sole per facilitare la loro vita quotidiana. Le pause di riposo non solo proteggono gli occhi, ma l'intero organismo. Attraverso un adeguato rilassamento, i sintomi di solito tornano alla normalità senza farmaci. Tuttavia, il medico può suggerire un approccio terapeutico speciale. Ciò dipende dalla gravità della malattia e dalla situazione individuale del paziente. Oltre a uno stile di vita sano con alimenti ricchi di nutrienti e sufficiente esercizio fisico, aiuta a ridurre lo stress e a rinunciare a stimolanti come nicotina e alcol.

Anche i farmaci contenenti cortisone sono considerati in grado di scatenare la malattia dell'occhio. In consultazione con il medico, è importante considerare se ha senso interrompere determinati farmaci per le malattie croniche. Questo potrebbe aiutare l'autoguarigione, ma anche le altre possibili lamentele esistenti devono essere considerate.


Articoli Interessanti

valvola aortica

valvola aortica

La valvola aortica è una delle quattro valvole cardiache o una delle due cosiddette falde tascabili. Si trova all'uscita del ventricolo sinistro nell'aorta. La valvola aortica si apre durante la contrazione sistolica del ventricolo sinistro e consente l'espulsione del sangue dalla camera nell'aorta, l'inizio della circolazione sistemica.

cellula nervosa

cellula nervosa

La cellula nervosa viene definita nella scienza come un neurone. Questa è una cellula speciale progettata per trasmettere eccitazioni all'interno del corpo. È essenziale per lo scambio di informazioni. Cos'è una cellula nervosa? La trasmissione degli impulsi è il compito più importante della cellula nervosa. In

Tinea corporis

Tinea corporis

La tinea corporis è un'infezione fungina della pelle del corpo, comprese le estremità senza mani e piedi. L'infezione si verifica attraverso funghi filamentosi ed è sintomaticamente accompagnata da arrossamento della pelle o pustole con forte prurito. Più di 30 specie di funghi filamentosi sono conosciute come agenti causali della tinea corporis nell'uomo. Ch

Epidermophyton floccosum

Epidermophyton floccosum

L'epidermophyton floccosum è una specie di fungo del sottogruppo Eurotiomycetidae e della classe Eurotiomycetes, che viene calcolata agli Onygenales e al di sotto della famiglia fungina Arthrodermataceae e del genere Epidermophytes. Il fungo è un dermatofita e quindi un possibile agente causale della dermatofitosi.

pensiero

pensiero

Il pensiero è generalmente indicato come la cancellazione di un'opinione o di una visione. Ma anche i desideri, le idee e le idee nascono dai pensieri. Il pensiero è il prodotto del processo di pensiero umano e può assumere la forma di un giudizio o di un concetto. Che cos'è un pensiero? Il pensiero è il prodotto del processo di pensiero umano e può assumere la forma di un giudizio o di un concetto. I pe

Graft-versus-host disease

Graft-versus-host disease

La reazione del trapianto contro l'ospite è una complicazione immunologica che può portare al rigetto del trapianto nei trapianti allogenici. Nel frattempo, la reazione può essere controllata dalla somministrazione profilattica di immunosoppressori. Tuttavia, anche oggi si applica un tasso di mortalità del dieci percento. Qu