Il ritmo sinusale è la frequenza normale e il battito cardiaco regolare di una persona. Questo ritmo si forma nel nodo del seno.

Qual è il ritmo sinusale?

Il ritmo sinusale è la frequenza normale e il battito cardiaco regolare di una persona.

Il ritmo sinusale è il normale ritmo cardiaco. Il numero di battiti al minuto è chiamato frequenza cardiaca o frequenza cardiaca. Nell'uomo, la frequenza cardiaca dipende dallo stress, dall'età e dalle condizioni fisiche.

Mentre il ritmo sinusale nel neonato porta a circa 120 battiti al minuto, una persona all'età di 70 anni ha una frequenza di circa 70 battiti al minuto. La gamma fisiologica della frequenza cardiaca e quindi anche del ritmo sinusale è nelle persone sane a riposo da 50 a 100 battiti al minuto.

Il ritmo sinusale si forma nel nodo del seno nell'atrio destro. Il cuore è costituito da due camere e due atri. Il sangue passa dalla circolazione sistemica nell'atrio destro e scorre da lì nel ventricolo destro. Il ventricolo destro espelle il sangue nella circolazione polmonare. Dopo l'ossigenazione, scorre nell'atrio sinistro e da lì nel ventricolo sinistro.

Il nodo del seno si trova nell'atrio destro nell'area della vena cava superiore. Questa zona della bocca della vena cava superiore nell'atrio destro è chiamata sinus venarum cavarum. Il termine nodo è fuorviante. Il nodo del seno non è un nodo visibile o palpabile. Piuttosto, il nodo del seno può essere rilevato elettricamente. Inoltre, le cellule vicine hanno una sottile differenza nel tessuto. Il nodo del seno è vicino all'epicardio.

La posizione e le dimensioni del nodo del seno variano notevolmente a seconda della persona. Pertanto, il nodo può essere lungo tra 10 e 20 millimetri e largo tra 2 e 3 millimetri. Il nodo del seno è fornito di sangue da un ramo dei vasi coronarici. Esiste anche una fornitura collaterale con altri rami vascolari. Ciò garantisce che l'occlusione dell'arteria coronaria (parte delle arterie coronarie) possa mantenere l'afflusso di sangue.

Rispetto alle cellule del miocardio funzionante, le cellule del seno hanno meno mitocondri e miofibrille. Sono quindi meno inclini all'ipossia.

Funzione e attività

Istologicamente, il nodo del seno è costituito da diversi muscoli cardiaci specializzati. Contrariamente alle altre cellule muscolari e nervose, queste hanno la capacità di depolarizzazione spontanea. La depolarizzazione riduce il potenziale di membrana sulla membrana cellulare. Nello stato non eccitato c'è un potenziale di riposo. Durante la depolarizzazione spontanea, i canali ionici di sodio delle cellule sinusoidali sottoposti a tensione si aprono e viene attivato un potenziale d'azione. Ciò accade nelle persone sane tra le 50 e le 100 volte al minuto. A causa dell'ingrossamento del cuore, il ritmo sinusale negli atleti di resistenza è spesso inferiore a 40 eccitazioni al minuto.

L'eccitazione che è sorta nel nodo del seno passa attraverso la muscolatura di lavoro del cuore agli atri. Tramite i cosiddetti fasci internodali, l'eccitazione elettrica è diretta al nodo AV. Il nodo AV si trova nel triangolo di Koch nell'atrio destro. Come il nodo del seno, è costituito da cellule muscolari cardiache specializzate. Il nodo AV continua nel suo pacchetto. Il suo fascio fa anche parte del sistema di linee di eccitazione. Si trova sotto il nodo AV nella direzione dell'apice e si fonde nelle cosce tawara. Nella parte superiore del cuore, le due cosce tawara si dividono nelle fibre Purkinje. Queste sono le ultime vie del sistema di conduzione e sono a diretto contatto con le fibre muscolari cardiache della muscolatura di lavoro.

Il sistema di conduzione è responsabile della contrazione delle singole cellule muscolari cardiache e quindi della contrazione dell'intero muscolo cardiaco. L'eccitazione si diffonde dal nodo del seno verso il basso. Di conseguenza, la parte superiore del cuore si contrae leggermente più della parte inferiore. Questo è necessario per una corretta espulsione del sangue.

In modo che la gittata cardiaca sia sempre adattata ai rispettivi requisiti, il nodo del seno è collegato al sistema nervoso simpatico e parasimpatico. Il simpatico sviluppa un effetto cronotropico positivo sul nodo del seno. Ciò significa che il ritmo sinusale è aumentato. Il sistema nervoso parasimpatico, d'altra parte, ha un effetto cronotropico negativo e il ritmo sinusale diminuisce.

Malattie e lamentele

Da una frequenza di 100 al minuto c'è una cosiddetta tachicardia sinusale. Nella maggior parte dei casi, questo passa inosservato. Nei bambini, negli adolescenti, in situazioni stressanti o in situazioni di stress, tale tachicardia sinusale è fisiologica.

Tuttavia, ci sono anche numerose malattie di base associate alla tachicardia sinusale. Questi includono, ad esempio, ipertiroidismo (ipertiroidismo). L'aumento del metabolismo fa anche battere il cuore più velocemente. La tachicardia sinusale si riscontra anche in shock circolatorio, insufficienza cardiaca, febbre, anemia e nel ritiro di sostanze tossiche.

Il feocromocitoma è anche associato ad un aumento del ritmo sinusale. Vari farmaci possono anche aumentare il ritmo sinusale. La bradicardia sinusale, cioè un ritmo sinusale rallentato, è fisiologica nel sonno e negli atleti. Le cause della bradicardia sinusale patologica, tuttavia, sono danni ai tessuti nel nodo del seno, assunzione di farmaci e aumento del tono vagale.

Il tessuto del nodo del seno può essere danneggiato da una carenza di ossigeno nella malattia coronarica (CHD). Anche le infezioni che portano alla miocardite possono danneggiare il nodo del seno. Lo stesso vale per i processi autoimmunologici. Altre cause di bradicardia sinusale comprendono ipotiroidismo (ipotiroidismo), ipotermia (ipotermia), avvelenamento, aumento della pressione intracranica e farmaci bradicardici (abbassamento del polso).

Un difetto funzionale del nodo del seno può anche portare alla sindrome del seno malato. Il termine "sindrome del seno malato" riassume varie aritmie che hanno origine nel nodo del seno. I principali sintomi della sindrome del seno malato sono palpitazioni e una frequenza cardiaca lenta.

Tag: 
  • Cibo 
  • dispositivi medici 
  • valori di laboratorio 
  • sintomi 
  • neonati e bambini 
  • Top