Una puntura di vespa è solitamente dolorosa ma innocua. Diventa problematico solo per chi soffre di allergie. Con loro, la tossina vespa può innescare uno shock anafilattico, che si conclude nel peggiore dei casi fatale.

Che cos'è una puntura di vespa?

Rappresentazione schematica della faringe negli insetti del tratto respiratorio. Clicca per ingrandire

Le vespe sono tra gli insetti, più precisamente gli imenotteri. Vivono insieme in grandi stati e sono distribuiti in tutto il mondo. Le vespe, così come i calabroni o le api, hanno un picco velenoso pungente che può facilmente penetrare nella pelle umana.

Se si sentono minacciati o disturbati, pungono e iniettano il veleno nella pelle causando gonfiore, arrossamento e dolore. Normalmente una puntura di vespa è dolorosa ma innocua. Le punture di vespa sono pericolose solo a diverse centinaia di punti.

Tuttavia, le persone con allergia alla vespa possono sviluppare sintomi più forti, che nel peggiore dei casi possono essere pericolosi anche con una singola puntura di vespa. Lo shock anafilattico può essere pericoloso per la vita. Le punture di vespa nella zona della bocca e del collo possono anche essere pericolose perché il tratto respiratorio può gonfiarsi.

cause

Le vespe pungono quando si sentono disturbate o minacciate. Dal momento che non disdegnano il cibo umano come torte o salsicce, specialmente alla fine dell'estate, cercano la vicinanza delle persone e spesso diventano molto invadenti.

Anche la frutta caduta viene mangiata con preferenza dalle vespe, in modo che a fine estate e in autunno si possano trovare molte vespe. Contrariamente alle api, le vespe possono pungere tutte le volte che vogliono e iniettare veleno nella ferita. Ecco perché sono più aggressivi e pungono più velocemente delle api. Se il veleno di vespa raggiunge la pelle umana, provoca arrossamento, gonfiore e dolore.

La gravità della reazione dipende dalla quantità di veleno e dal sito di iniezione ed è quindi molto diversa. Nel caso di persone allergiche, il sistema immunitario reagisce eccessivamente al veleno che è entrato e innesca una reazione che può variare da lievi reazioni generali o aumento del gonfiore allo shock anafilattico.

Sintomi, reclami e segni

Una puntura di vespa innesca un dolore bruciante nel sito di puntura. A seconda della quantità di veleno iniettata, tuttavia, ciò può ridursi dopo alcuni minuti. In generale, la reazione è più forte circa 2-3 giorni dopo la puntura di vespa.

Solo con diverse centinaia di punti la vespa è pericolosa per la vita per gli umani e può ancora una singola incisione portare in particolare le persone allergiche a una situazione pericolosa per la vita. Il sintomo principale di una puntura di vespa è anche un forte prurito intorno al sito di puntura e un significativo gonfiore.

Chiunque sia allergico al veleno della vespa dovrebbe consultare immediatamente un medico. In questi pazienti, una puntura di vespa può non solo essere associata a grave gonfiore e arrossamento, ma anche mancanza di respiro, difficoltà respiratoria o gravi problemi circolatori sono sintomi comuni. Può anche portare a shock anafilattico, che è accompagnato da palpitazioni e / o incoscienza e può persino portare alla morte.

In determinate circostanze può accadere che la puntura della vespa sia ancora nel sito di puntura. A differenza dell'ape, le vespe non perdono la puntura. Quindi potrebbe essere possibile che si verifichi punti ripetuti con una sola vespa.

Diagnosi e storia

La diagnosi di una puntura di vespa di solito avviene attraverso l'osservazione diretta. Se non c'è allergia, una puntura di vespa è relativamente innocua. La pelle attorno al punto di cucitura fa male e si gonfia.

Il gonfiore viene spesso rafforzato nel secondo o terzo giorno e solo dopo pochi giorni dopo. Normalmente una puntura di vespa non è pericolosa. Il veleno non è abbastanza forte da essere effettivamente pericoloso per l'uomo. La situazione è diversa per le persone con allergia al veleno di vespa. Nelle prime ore dopo la puntura (di solito molto presto), mostrano una reazione molto più forte.

Sono possibili gonfiore, mal di testa, nausea o reazioni cutanee su vasta scala. Se c'è uno shock anafilattico, diventa pericoloso per la vita. In questo shock circolatorio, la pressione sanguigna scende così gravemente che gli organi vitali non ricevono più sangue sufficiente. Può portare a completa insufficienza circolatoria e quindi alla morte, a meno che non vengano somministrati farmaci salvavita frenetici.

complicazioni

Nella maggior parte dei casi, una singola puntura di vespa è scomoda e dolorosa, ma piuttosto innocua e raramente porta a complicazioni. La situazione è diversa quando la vespa entra accidentalmente nella cavità orale con un drink e muore in bocca o in gola. Il punto gonfia rapidamente il tessuto nelle vie aeree e fa scattare una dispnea pericolosa per la vita.

Se l'assistenza medica non viene fornita in breve tempo, la morte minaccia di soffocamento. Il rischio di complicanze aumenta con il numero di punti. I bambini possono essere più sensibili degli adulti. In prossimità delle vespe, è meglio mantenere la calma e non battere selvaggiamente, perché hanno maggiori probabilità di chinarsi quando si sentono minacciati.

Le punture di vespa sono particolarmente pericolose per le persone allergiche al veleno di vespa. Con loro, una sola puntura può essere sufficiente per causare uno shock anafilattico potenzialmente letale. Se qualcuno reagisce a una puntura di vespa con vertigini, mancanza di respiro, ansia e tachicardia, è necessario chiamare immediatamente un medico di emergenza.

Le persone che sanno di essere allergiche devono sempre portare un kit di emergenza in modo da poter rispondere rapidamente in caso di emergenza. In stato di shock ma dovrebbe sempre essere chiamato un'ambulanza.

Quando dovresti andare dal dottore?

Una puntura di vespa non è nella maggior parte dei casi motivo di consultare un medico. Guarisce da solo entro pochi giorni o una settimana e il dolore iniziale è spiacevole ma innocuo. Allo stesso modo, arrossamento e gonfiore non sono motivo di preoccupazione.

Tuttavia, le persone allergiche al veleno di vespa devono informare immediatamente un medico di emergenza se compaiono sintomi dopo la puntura che superano il gonfiore e il dolore nel sito di iniezione. Questo è vero anche quando si tratta solo di sintomi deboli. Infine, i sintomi che influenzano, tra l'altro, la circolazione e la respirazione, nelle persone con allergie, anche qualche tempo dopo la puntura peggiore. Anche le persone che non hanno alcuna allergia al veleno di vespa, ma mostrano sintomi di questo tipo, dovrebbero consultare un medico.

Le punture di vespe non cicatrizzanti dovrebbero essere valutate anche da un medico di famiglia o da un dermatologo. Anche le punture delle parti sensibili del corpo, come negli occhi o nella faringe, a volte devono essere trattate da un medico. Tuttavia, questo dipende dalla gravità del dolore e del gonfiore dopo il punto.

Terapia e terapia

Una normale puntura di vespa dovrebbe essere raffreddata il più rapidamente possibile per ridurre al minimo il gonfiore e alleviare il dolore. In caso di reazione allergica, i farmaci di emergenza devono essere somministrati immediatamente.

Di solito, a seconda della gravità, vengono utilizzati tre diversi farmaci: antistaminici, corticosteroidi e adrenalina. Questi medicinali sono contenuti in un cosiddetto kit di emergenza che i soggetti allergici devono essere prescritti dal loro medico e portare con sé in ogni momento. Se si verificano reazioni allergiche più gravi o l'adrenalina deve essere iniettata dal kit di emergenza, è necessario un trattamento medico di emergenza. Se ci sono segni di shock (ad es. Sudorazione, nausea e frequenza cardiaca piatta), il paziente deve essere conservato sdraiato con le gambe sollevate.

Quindi il sangue dalle gambe può tornare nella parte superiore del corpo dove si trovano gli organi vitali. A lungo termine, il rischio di una reazione allergica al veleno di vespa può essere ridotto mediante immunoterapia. Per un periodo da tre a cinque anni, il sistema immunitario si confronta ripetutamente con le più piccole quantità di tossina di vespa allergica per abituarsi.

prevenzione

Il rischio di punture di vespa può essere ridotto prendendo precauzioni speciali. Dovrebbero essere evitati movimenti aggressivi, come agitare o colpire le vespe. Chi soffre di allergie dovrebbe prendere ulteriori precauzioni, come non mangiare dolci o cibi dolci all'aria aperta, evitare le intemperie e forse evitare le gonne lunghe o le maniche lunghe per evitare che le vespe vengano catturate. Inoltre, chi soffre di allergie deve sempre portare con sé un kit di emergenza. Questo è prescritto dal medico e può salvare la vita di uno shock anafilattico.

post-terapia

Per le persone con allergie al veleno di vespa, tenerle il più lontano possibile da questi insetti è estremamente importante. Si consiglia cautela soprattutto a fine estate, quando le vespe sono particolarmente attive. Carni alla griglia, cibi dolci e bevande dolci sono molto interessanti per questi insetti. Pertanto, chi soffre di allergie dovrebbe prestare estrema attenzione quando si mangia all'aperto.

Si consiglia inoltre di stare lontano dai contenitori per rifiuti in spazi pubblici come piscine, parchi o aree di sosta. Al fine di respingere attivamente le vespe, spesso aiutano i semplici rimedi casalinghi: l'odore delle fette di limone o arancia condite con chiodi di garofano rende le vespe estremamente sgradevoli. Le piante di pomodoro, lavanda e basilico hanno anche un effetto dissuasivo sugli insetti.

All'interno della casa, le reti di insetti attaccate alle finestre aiutano a proteggere dalle vespe. Le persone con allergia alle vespe conosciute non dovrebbero uscire di casa in estate senza un kit di emergenza. Ci sono tre farmaci nel kit di emergenza: un antistaminico che aiuta a ridurre il gonfiore e riduce la reazione allergica; una preparazione di cortisone che ha anche un effetto decongestionante e una siringa preriempita di adrenalina che stabilizza il sistema circolatorio quando necessario. Le persone colpite dovrebbero sicuramente familiarizzare con questi medicinali in anticipo, al fine di poter curare una puntura di vespa in pochi minuti in caso di emergenza.

Puoi farlo da solo

Un comodo rimedio domestico per alleviare il dolore, il gonfiore e il rossore dopo una puntura di vespa è il raffreddamento. Un cubetto di ghiaccio aiuta. Adatto anche un cuscinetto di raffreddamento, che viene posizionato sul sito di puntura per alcuni minuti. La saliva umana è anche adatta come misura immediata dopo una puntura, ha un effetto disinfettante.

Lo zucchero ha un effetto simile, che viene dato alla zona interessata. Una mezza cipolla o un po 'di succo di limone hanno un effetto antinfiammatorio e riducono l'ulteriore irritazione della pelle. In alternativa, può anche essere usato l'aglio. Chi vuole rimuovere il veleno fresco per evitare il gonfiore, usa un panno pulito con acqua calda e lo preme leggermente sulla pelle.

Fondamentalmente, ogni rimedio domestico deve essere pulito e privo di contaminanti per prevenire infezioni o ulteriori gonfiori. Lo stesso vale per le mani, che vengono accuratamente disinfettate prima di ogni trattamento.

Gli oli essenziali sono un altro rimedio casalingo per il trattamento di una puntura di vespa. L'olio di menta piperita raffredda la pelle e disinfetta il sito di iniezione, l'olio dell'albero del tè riduce il gonfiore. L'olio di chiodi di garofano aiuta a ridurre il prurito. Gli oli essenziali possono causare reazioni allergiche cutanee e pertanto devono essere testati in piccole quantità in un sito cutaneo diverso. Se si tratta di un forte prurito o irritazione della pelle, questo rimedio casalingo non è adatto per trattare me stesso una puntura di vespa.

Tag: 
  • formazione scolastica 
  • parassita 
  • valori di laboratorio 
  • dentizione 
  • viaggiare 
  • Top